Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Illuminazione LED a soffitto: i prodotti connessi da scegliere

Illuminazione LED a soffitto: i prodotti connessi da scegliere

di Simone Sala
Specialist Smart Home
aggiornato il 16 maggio 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Per un tempo limitato puoi approfittare dei nuovi sconti “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco.

In più, fino al 26 maggio, puoi approfittare su Amazon di una serie di sconti dedicati a tutto ciò che ruota intorno ad HP grazie alle promozioni per gli “HP Days“, dove puoi trovare notebook, monitor, cuffie e stampanti in offerta. Nello stesso periodo, puoi approfittare anche della “Huawei Week“, una settimana di promozioni dedicata al colosso cinese con tantissimi prodotti in offerta.

N.B. La guida Illuminazione LED a soffitto è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Maggio 2019.

Andiamo a scoprire i migliori prodotti smart per la Illuminazione LED a soffitto, in questa guida agli acquisti dedicata al mondo della domotica.

Illuminazione LED a soffitto: quale comprare

I punti luce LED offrono grandi vantaggi rispetto alle altre tecnologie d’illuminazione, ormai superate o in via di abbandono, ma quando si acquista un punto luce per l’illuminazione LED a soffitto bisogna tenere in considerazione diversi parametri.

Intensità luminosa

In primo luogo citiamo l’ottima intensità luminosa raggiungibile con la tecnologia LED, anche con bassi consumi. Se una volta ci si basava sui Watt per capire quanta luce era emessa da un dato prodotto, oggi è meglio parlare usando la vera unità di misura, il lumen. Per chiarirci, da una vecchia lampadina ad incandescenza da 100 W si era in grado di ottenere 1600 lumen, risultato che oggi si raggiunge con un LED da 20 W. In questa guida specificheremo sempre la quantità massima di luce emessa dal prodotto, dove massima è una dettaglio importante, poiché praticamente tutti i moderni punti luce a LED sono dimmerabili, e quindi regolabili nella loro intensità.

Temperatura colore e luce colorata

Un altro punto di grande rilievo per la tecnologia LED, riguarda la possibilità di emettere dallo stesso prodotto diversi tipi di luce. Oltre alla regolazione dell’intensità luminosa, cosa già fattibile con le lampadine alogene (sebbene in quel caso l’abbassamento del flusso luminoso virasse drasticamente i colori verso toni caldi), con la tecnologia LED è possibile – per i punti luce abilitati a farlo – variare in modo preciso la tonalità della luce, ovvero la temperatura, portandola da valori bassi (luce calda) a valori alti (luce fredda), cosa che si rivela molto utile anche nell’illuminazione LED a soffitto, poiché permette di illuminare una stanza con la luce più adatta al momento della giornata e all’attività che si sta andando a svolgere. Inoltre, alcuni punti luce hanno a disposizione LED RGB, cosa che permette di generare luce colorata tra 16 milioni di sfumature colore diverse.

Indice di resa cromatica

Il valore di indice di resa cromatica (CRI)rappresenta quanto appaiano naturali e fedeli i colori di un oggetto illuminato da una certa sorgente. Un indice CRI maggiore, e quanto più vicino a 100, indica una lampadina dalla resa cromatica migliore, in grado di far risultare più fedeli i colori degli oggetti illuminati, che sia il viso di una persona, la tonalità del legno di un tavolo o i colori di un quadro. Bisognerebbe sempre preferire punti luce che offrono un CRI elevato, il più vicino possibile a 90, se non superiore, e in generale una buona qualità della luce emessa.

Protocolli di comunicazione, app ed ecosistemi per la domotica

Poiché in questa guida stiamo parlando dell’illuminazione LED a soffitto per una smart home, cioè una moderna casa domotica, i prodotti che a breve vedremo saranno tutti connessi.Alcuni punti luce sfrutteranno la connessione Wi-Fi e quella Bluetooth, altri protocolli di comunicazione più specifici per questo mondo, come ZigBee, standard scelto da diversi brand tra cui Philips, e che permette una maggiore reattività del segnale, comunicazioni su più lunga distanza e bassissimi consumi energetici – cosa fondamentale se si vogliono utilizzare interruttori wireless per il controllo delle luci di casa; di contro ZigBee necessità dell’acquisto di un piccolo HUB (o bridge) aggiuntivo, da collegare poi al proprio router di casa. I punti luce sono controllabili con le app, con gli assistenti virtuali e integrabili in alcune piattaforme domotiche, tra cui citiamo Apple HomeKit, Amazon Alexa e Google Assistant, oltre ad IFTTT, sempre utile per creare catene di azioni causa-effetto tra di versi prodotti dell’Internet of Things.

Parlando nello specifico di illuminazione LED a soffitto, troviamo diversi prodotti smart adatti a questo scopo, tra cui distinguiamo le classiche plafoniere e i più moderni pannelli LED, generalmente di superficie maggiore. In questa guida vedremo alcuni prodotti messi in campo dal principale brand dell’illuminazione per smart home, Philips Hue, e poi alcuni prodotti alternativi e che non necessitano del bridge per funzionare; infine daremo uno sguardo a qualcosa di più particolare e davvero interessante dal punto di vista del design e delle funzionalità. Iniziamo dunque a vedere i migliori prodotti per l’illuminazione LED a soffitto di una casa domotica.

Philips Hue

Philips Hue è considerato il brand più importante nell’ambito dell’illuminazione smart, sia per la buona qualità dei prodotti, sia per il vastissimo catalogo che detiene. L’azienda olandese ha deciso di basare la sua piattaforma d’illuminazione connessa su ZigBee, il protocollo di connessione migliore e più efficiente, ma che necessita di un bridge per funzionare. Per questo, se si sceglie di acquistare prodotti per l’illuminazione LED a soffitto di Philips Hue, bisognerà anche preoccuparsi dell’acquisto del Bridge Hue, sempre se si vogliono controllare le luci in modo smart; come altra opzione è possibile acquistare un bridge alternativo e compatibile, come quello integrato nello smart speaker Echo Plus, prodotto da Amazon e che si basa sull’assistente virtuale Alexa. Amazon Alexa è tuttavia solo uno degli ecosistemi domotici compatibili con i prodotti Philips, poiché troviamo il totale supporto anche di Google Assistante Apple HomeKit, quest’ultimo spesso assente nei prodotti di fascia medio-bassa. Anche l’app IFTTT è ben supportata, con tanti applet per gestire i prodotti Hue e farli dialogare con altri accessori per smart home ed elettrodomestici intelligenti. Insomma, in quanto a compatibilità, con questa gamma di prodotti non si può che essere sereni.

Puoi acquistare Philips Hue Bridge su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Bridge è disponibile nella variante Echo Plus con bridge ZigBee integrato.

Vediamo allora i punti luce più adatti per l’illuminazione LED a soffitto. Per quanto riguarda le plafoniere, troviamo diversi prodotti che si differenziano grossomodo per estetica e design. Uno dei più consigliati è la plafoniera Philips Hue Fair, di forma cilindrica, costituita da una scocca in metallo, sotto il suo diffusore in vetro si nasconde una striscia LED che emette circa 3000 lumen di flusso luminoso, principalmente verso il basso, ma in piccola parte anche verso il soffitto, poiché la lampada rimane di pochi centimetri staccata dal muro. La luce emessa dalla Hue Fair è bianca, con temperatura colore regolabile tra il bianco caldo e toni decisamente più tendenti al blu-ghiaccio. Se dobbiamo riscontrare un difetto, quando la luminosità viene abbassata molto, l’uniformità della luce dietro al diffusore si perde un po’, andando quasi a far intravedere la posizione dei LED. Insieme alla lampada, arriva anche un telecomando Interruttore Dimmer, che funziona con una pila piatta, e può essere usato per controllare la luce, anche in assenza del bridge, che diventa necessario solo per implementare le altre funzioni smart e l’integrazione nelle piattaforme domotiche. L’Interruttore Dimmer si può montare al muro e, grazie alla placchetta di supporto magnetica, staccarlo al bisogno e trasformarlo in un telecomando per accendere e spegnere la luce, nonché regolarne i parametri di luminosità. Philips Hue Fair arriva anche nella sua variante a sospensione, ideale per l’ambiente della cucina o della sala da pranzo, come illuminazione per il tavolo. In alternativa alla Hue Fair appena vista, è possibile optare per la plafoniera Cher, uguale per caratteristiche luminose, ma dal design leggermente differente, più sottile, e con una scocca realizzata in materiale plastico.

Puoi acquistare Philips Hue Fair - plafoniera su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Fair - plafoniera è disponibile nelle varianti Philips Hue Fair - sospensione o nella variante Philips Hue Cher - plafoniera.

Venendo quindi a parlare di pannelli LED, questi sono una soluzione ottima per generare tanta luce, proveniente anche da una sorgente ampia, cosa che garantisce una netta riduzione delle ombre, nonché una luce più diffusa e naturale, ed è probabilmente il migliori sistema per l’illuminazione LED a soffitto. I pannelli LED Philips Hue Aurelle, arrivano in diverse forme e formati, così come si differenziano per il loro potere illuminante, anche molto generoso, diventando una soluzione ottima non solo per l’abitazione, ma anche per uno studio. In catalogo troviamo due pannelli da 28 Watt, uno tondo ed uno quadrato e due da ben 55 Watt, quadrato e rettangolare. I pannelli dal flusso luminoso più contenuto emettono circa 2200 lumen, simile a quello di una buona lampada – se dovessimo fare un paragone con la tradizionale incandescenza, diremmo da 150 Watt, ed altresì offrono la possibilità di regolare la temperatura colore tra toni caldi e freddi. La struttura del telaio, bianco, è realizzata in alluminio, e lo spessore complessivo è di poco più di 4.5 centimetri; il modello tondo ha un diametro di 39.5 cm, quello quadrato misura 30 cm di lato. Insieme al pannello da fissare al soffitto, si trova in confezione anche un telecomando Interruttore Dimmer, cosa che rende possibile un semplice controllo del singolo punto luce anche senza bridge, ovviamente andando a perdere la gestione via app, gli automatismi, le scene, e tutto quanto previsto da Philips Hue e dagli ecosistemi domotici.

Puoi acquistare Philips Hue Aurelle circolare 28 W su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Aurelle circolare 28 W è disponibile nella variante Philips Hue Aurelle quadrato 28 W.

Per i più bisognosi di luce, è possibile acquistare anche i luminosissimi pannelli Aurelle di dimensioni maggiorate, che offrono ben 4200 lumen, e misurano 60 cm di lato (quello quadrato) e 120×30 cm (quello rettangolare). I pannelli Aurelle sono un’ottimo sistema d’illumianzione LED a soffitto, ma nulla vieta di installarli anche su una parete veticale, magari dietro una tenda solo leggermente velante, a simulare la presenza di luce proveniente da una finestra, che in realtà… non esiste!

Puoi acquistare Philips Hue Aurelle quadrato 55 W su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Philips Hue Aurelle quadrato 55 W è disponibile nella variante Philips Hue Aurelle rettangolare 55 W.

Yeelight

Come alternativa ai prodotti Philips, l’azienda Yeelight, parte del noto gruppo Xiaomi, offre alcuni interessanti prodotti per l’illuminazione LED a soffitto, a prezzi generalmente più contenuti, e con la possibilità di sfruttare i controlli da app senza necessità di usare un bridge. Questo è possibile proprio perché il protocollo di connessione è qui il Wi-Fi (su rete a 2.4 GHz), in abbinamento al Bluetooth per l’utilizzo degli eventuali telecomandi wireless preseti in confezione con i prodotti.

Vediamo una plafoniera adatta ad illuminare la vostra casa smart. La Yeelight Ceiling Light è un’ottima plafoniera tonda, dal design semplice e moderno, realizzata con una struttura solida in plastica, emette una luce per circa 1600 lumen, che vanno più che bene per un ambiente da 15-18 mq e, vista la possibilità di abbassare la luminosità fino ad appena 0,1 lumen (effetto Moonlight), la plafoniera di Yeelight risulta ancora più adatta per una camera da letto. Inoltre l’ottima luce emessa, fornita da 240 LED prodotti da OSRAM, ha un indice di resa cromatica molto alto, e questo indica che i colori degli oggetti illuminati rimarranno naturali, senza viraggi particolari, cosa che rende la Ceiling Light ideale anche per un bagno, offrendo una buona illuminazione della pelle, e per ambienti di lavoro o in cui si passano molte ore. La luce, oltre al bianco neutro, può essere virata nella sua temperatura colore mostrando anche toni più caldi o freddi. Infine, anche qui è presente un telecomando, in questo caso non flessibile e trasformabile in interruttore da parete come quello di Philips, ma comunque utile per controllare la luce manualmente, quando non si hanno a disposizione lo smartphone o gli assistenti virtuali. I prodotti Yeelight sono infatti compatibili con le piattaforme domotiche di Google e Amazon, oltre che IFTTT, mentre viene perso il supporto ad Apple HomeKit, prerogativa solo dei marchi più ricercati.

Puoi acquistare Yeelight Ceiling Light su Amazon su eBay o su Gearbest

Per quanto riguarda i pannelli a LED, sebbene più difficili da trovare sugli store italiani, Yeelight offre alcuni prodotti come il Crystal Ceiling Light Pro. Si tratta di una via di mezzo tra un vero e proprio pannello e un’ampia plafoniera piatta, ma l’effetto finale assomiglia molto al primo caso, sebbene in questo prodotto lo spessore sia un po’ più elevato, pari a circa 11 cm. Tuttavia il design rettangolare dai bordi curvi lo rende ancora più caratteristico e veramente bello alla vista. Le dimensioni sono di 96×64 cm, comprese le cornici in alluminio bianco, e il consumo tocca i 90 Watt. Tanti per un prodotto a tecnologia LED? Sembrerebbe di sì, ma non abbiamo ancora detto la quantità di luce emessa che è pari a, udite udite, 6000 lumen, un valore che può illuminare a giorno una stanza, e che non sfigura nemmeno in un ampio salotto. Anche qui, la resa cromatica è veramente elevata, con un valore pari a 95, e la temperatura colore può essere regolata tra i 2700 ed i 6500 Kelvin; la luminosità minima è in questo caso pari a 600 lumen, circa la luce messa da una abat-jour.

Puoi acquistare Crystal Ceiling Light Pro su Gearbest.

Nanoleaf Light Panels (Aurora)

Quello di cui stiamo per parlare è un prodotto un po’ particolare, e certamente dall’anima premium, insomma un di più, che però può trasformare interamente un ambiente di casa, come lo può fare una bella opera d’arte inserita nel giusto contesto. Nanoleaf Light Panels (conosciuto anche come Aurora) è un set di pannelli a LED triangolari, accostabili dall’utente nel modo che più piace, andando a disegnare le forme più diverse e originali. Si parte acquistando lo Smarter Kit, che include 9 pannelli, e poi è possibile aggiungerne tantissimi altri attraverso i vari kit di espansione, arrivando volendo a coprire un’intera parete, o il soffitto. Attraverso degli appositi connettori è anche possibile montare i pannelli su superfici curve, o far percorrere alla forma gli angoli retti tra i muri o tra la parete e il soffitto. La luce emessa è in questo caso RGB, e si possono scegliere tantissime combinazioni di colore, fisse o variabili, sia scaricandole dall’app, sia creandone di proprie. Con un accessorio opzionale, presente nel Rhythm Kit, è possibile far illuminare i pannelli a tempo di musica. Ogni pannello triangolare misura circa 27 cm di lato, ed emette 100 lumen di luce dall’ottima qualità cromatica, ma ovviamente è anche possibile sfruttare la luce bianca. Nanoleaf Light Panels è insomma un prodotto non indispensabile per l’illuminazione LED a soffitto, ma certamente così unico da rendere allo stesso modo unico l’ambiente in cui è inserito, lasciando anche libero sfogo alla creatività. Come i migliori prodotti premium, si integra perfettamente con tutte le piattaforme domotiche, compresa IFTTT.

Nanoleaf Light Panels: la nostra prova

Il fatto che i pannelli luminosi Nanoleaf Light Panels, (ex  Nanoleaf Aurora) possano o meno illuminare una stanza, dipende soprattutto dal numero di pannelli che si abbinano tra loro, a partire da 9. Con questi, non è possibile fare miracoli, poiché il flusso luminoso è di circa 900 lumen (100 per pannello), ma è anche vero che l’obiettivo principale è quello di creare un’atmosfera interessante. Per quanto riguarda la qualità della luce i colori generati sono quanto mai belli, saturi, e regolabili nel dettaglio – solo il giallo tende un po’ verso il verde. Durante la regolazione dell’intensità manuale si osserva un leggero flickering della luce, che quindi potrebbe essere più fluida – ma è anche vero che questo non si nota durante i cambiamenti automatici dovuti alle scene dinamiche.

Nanoleaf Light Panel si connette velocemente al Wi-Fi, ed è subito pronto per essere configurato con tutte le piattaforme domotiche e gestito tramite l’app proprietaria, dove troviamo anche un catalogo di scene luminose create dai produttori e dalla community. Le scene sono facilmente gestibili con la voce e con le app degli ecosistemi Apple HomeKit e Amazon Alexa, mentre qualche difficoltà in più c’è con Google Home, poiché queste non sono riconosciute facilmente, ma è comunque possibile regolare l’intensità luminosa, il colore e gestire l’accensione; anche IFTTT è supportato, e gli applet disponibili sono moltissimi. Dall’app proprietaria e da quelle degli ecosistemi, è poi possibile gestire gli automatismi, usando specifiche scene, ad esempio, per aiutare il risveglio simulando l’alba, oppure per regolare le luci in base ai nostri spostamenti. Se si desidera far andare nel luci a tempo di musica, la versione con Rhythm Kit è certamente una buona scelta, poiché le luci si muovono molto bene (le impostazioni sono praticamente infinite), e il ritardo con la musica è quasi impercettibile.

Puoi acquistare Nanoleaf Light Panels | Smarter Kit 9 Pannelli + Rhythm su Amazon o se preferisci su eBay In alternativa Nanoleaf Light Panels | Smarter Kit 9 Pannelli + Rhythm è disponibile nelle varianti Nanoleaf Light Panels | Smarter Kit 15 Pannelli + Rhythm o nella variante Nanoleaf Expansion Kit.

La nostra analisi

Perché fidarti di noi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarli, analizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

Io sono Simone, e come Specialist Smart Home mi occupo di testare e selezionare tutti i prodotti connessi che sono destinati ad entrare tra le mura domestiche, rendendo così le nostre case più “intelligenti”. Ho provato tantissimi dispositivi connessi, smart speaker e prodotti domotici, dalle luci ai termostati, passando per le telecamere, prese di corrente e sensori; i prodotti sono diventati nel tempo così tanti da aver trasformato ogni angolo della mia casa, che ormai è controllabile in modo smart, con lo smartphone o con la voce, e tante volte – mi sembra – quasi con il pensiero.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

Tutti i prodotti per l’illuminazione LED a soffitto che trovate all’interno della guida sono stati selezionati con il metodo Ridble. Questo è il nostro particolare modus operandi, un sistema che abbiamo sviluppato ed affinato nel corso del tempo, e si compone di 4 fasi.

Un prodotto entra nei nostri radar dopo che è stato ufficializzato: rumors, indiscrezioni e chiacchiere di varia natura non sono per noi rilevanti. Attraverso diverse fonti (comunicati stampa, inviti ad eventi ecc…) ciascuno Specialist raccoglie l’ufficialità sull’esistenza dei prodotti che lo riguardano da vicino.

Tuttavia un prodotto per poter essere preso davvero in considerazione, e quindi per avere la possibilità di entrare nelle nostre guide, deve avere un ulteriore requisito: l’eleggibilità. Ciò significa che soltanto i prodotti realmente acquistabili in Italia (online o offline) sono eleggibili di poter essere inseriti nelle guide all’acquisto di Ridble.

La terza fase del nostro metodo è quella relativa alla prova. I prodotti in vendita vengono testati per conoscerne nel dettaglio i punti di forza e le criticità, al fine di esprime un giudizio strutturato. Inoltre, in questa fase, lo Specialist può farsi un’idea riguardo quali esigenze d’acquisto il prodotto sia in grado di soddisfare, e per quali utenti risulti più consigliabile.

Infine, i prodotti che ottengono un giudizio più che positivo sono selezionati per essere inseriti nelle guide all’acquisto. Questa fase è ripetuta come minimo una volta al mese, visto l’aggiornamento mensile delle nostre guide all’acquisto. Quindi, una volta al mese, mettiamo in discussione i prodotti precedentemente aggiunti, e decidiamo se inserire o meno i prodotti che nel frattempo abbiamo testato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina Come Lavoriamo.

Test tecnici

I prodotti per l’illuminazione LED a soffitto mi richiedono diversi test tecnici, in parte assimilabili a quelli che si farebbero per un comune punto luce, in parte nuovi, anche in relazione al fatto che si tratta di punti luce connessi.

Come prima cosa, acceso il prodotto, verifico che il flusso luminoso e la temperatura colore siano corrispondenti a quanto dichiarato sull’etichetta, ma non tanto in modo assoluto – non utilizzo strumenti di misurazione – piuttosto in base alla mia esperienza con tali prodotti ed alla percezione visiva. Illumino quindi degli ambienti standard, dove ho inserito diversi oggetti, e verifico così l’intensità luminosa e la sua uniformità. Se il punto luce è dimmerabile, controllo che la variazione di luminosità sia graduale, senza che ci siano sgraditi sfarfalli o cambi d’intensità improvvisa. Un altro controllo lo eseguo su tutti i punti luce a a luce colorata, controllando quante siano effettivamente le sfumature colore riproducibili, il tutto attraverso minime variazioni di colore, utili a verificare quanto sia possibile controllarle nel dettaglio. Spesso il valore CRI (indice di resa cromatica) non viene dichiarato in modo preciso dai produttori, e per tale motivo provvedo ad illuminare vari oggetti bianchi e colorati, controllando che la luce emessa non vada a modificare il colore naturale degli oggetti.

Attraverso lo smartphone, inizio a testare le funzioni di controllo che l’app proprietaria offre, inoltre il punto luce viene acceso e spento via app, misurandone la reattività. Se vi è compatibilità con le varie piattaforme domotiche, ogni punto luce viene configurato con queste e controllato via voce e con le relative interfacce dei centri di controllo di Google Home, Amazon Alexa ed Apple HomeKit,  oltre a verificare la presenza di applet per IFTTT.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Simone Sala tramite i commenti.