Honor 6X: nuovo top player sulla fascia media direttamente da Las Vegas

scritto da Claudio Carelli ultima modifica il 25 gennaio, 2017

Aggiornamento: abbiamo realizzato la nostra recensione di Honor 6X.

 

Fra i brand a presenziare alla kermesse del Nuovo Continente c’è anche Honor, azienda controllata da Huawei che punta tutto sul rapporto qualità/prezzo dei propri dispositivi. Qui infatti arriva la prima ufficialità su Honor 6X, successore del noto 5X campione di vendite sui vari eCommerce online. Vediamo di cosa si tratta.

Honor 6XEsteticamente parlando il nuovo Honor 6X ha davvero molto poco di nuovo. Consolidato infatti il form factor vincente di Honor 5X, l’azienda fa “squadra che vince non si cambia”, rendendo invariato il look del nuovo terminale che vanta di cornici abbastanza ridotte e di un ampio display. Quest’ultimo infatti si estende fino ai 5,5″, con una risoluzione che ancora una volta raggiunge il Full HD pieno (1920 x 1080 pixel). Il pannello è protetto ancora una volta da un vetro 2.5D. All’interno troviamo invece un processore HiSilicon Kirin 655, octa-core dotato di quattro core per i carichi pesanti a 2.1 GHz e quattro a 1.7 GHz. Ad esso troviamo associati RAM e storage variabile, in due tagli: 3 GB / 32 GB per RAM e storage sulla versione standard, 4 GB / 64 GB per quella premium. In entrambi i casi abbiamo comunque il supporto micro SD, fino al taglio di 128 GB.

Sul retro invece troviamo alcuni elementi diversi rispetto al passato. Infatti, la fotocamera posteriore (sporgente) adesso è doppia, dotata di un sensore da 12 megapixel e uno da 2 megapixel. Tale set promette di eseguire degli ottimi scatti, risultato dell’unione di più immagini acquisite da entrambi i sensori anche mediante il PDAF (Phase Detection AutoFocus) in grado di offrire un risultato utile in soli 0,3 secondi. Frontalmente la camera è invece da ben 8 megapixel, per selfie di alto livello da condividere sui social. Tornando sul retro invece, all’interno della scocca metallica e sotto ai sensori troviamo inoltre un sensore biometrico per lo sblocco tramite impronta digitale, perfettamente circolare e non tendente al quadrato come su Honor 5X.

Sul comparto connettività troviamo LTE Cat.4, Wi-Fi b/g/n (non ac purtroppo) con supporto Wi-Fi Direct, Bluetooth 4.1, GPS, Glonass e BDS. Ad alimentare tutto il sistema, basato su Android Marshmallow 6.0 con personalizzazione EMUI 4.1 (verrà aggiornato ad EMUI 5.0 probabilmente già in breve tempo), troviamo un modulo batteria da 3340 mAh che, secondo Honor, consente di portare a termine tranquillamente due giornate ad uso medio. La ricarica è rapida a 5 V / 2 A, e sebbene non conosciamo il connettore ci aspettiamo che sia il classico micro USB. Degno di nota è sicuramente anche lo slot dual SIM.

Il tutto è racchiuso in un prodotto di 150,9 x 72,6 x 8,2 mm per circa 162 grammi di peso, e sarà disponibile in tre colorazioni –  Sunset Gold, Space Silver, Dark Grey. Il modello base con 3 GB di RAM e 32 GB di storage sarà disponibile all’acquisto sullo store ufficiale da oggi, 4 gennaio, a 249€. L’edizione premium arriverà solo in seguito al prezzo di 299€, davvero molto interessante.

Per altre novità vi rimandiamo alla nostra pagina dedicata al CES 2017.

Top