Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

Ecco le gestures multitouch su Mac: cosa sono e a cosa servono

di Jacopo Famularoaggiornato il 23 de mayo de 2018

Premessa

Fino all’introduzione di OS X 10.7, dai più conosciuto come Lion, Apple utilizzava solamente una gesture multitouch sui propri computer portatili, ovvero lo scroll a due dita.

Con l’introduzione dei trackpad con pulsante incorporato e del Magic Mouse 2 (lo trovate disponibile a questo indirizzo di Amazon), l’azienda di Cupertino ha iniziato lentamente a proiettarsi in avanti, preparando i propri utenti all’introduzione di qualcosa di nuovo.

È stato appunto con Lion, presentato a ottobre del 2010, che Apple ha mostrato per la prima volta le gesture che sarebbero state introdotte nel luglio dell’anno successivo, con l’introduzione ufficiale di Lion. Scopriamo dunque quali sono e come funzionano i gesti multi-touch lion.

Gesti multi-touch: cosa sono

Come da nome, le gesture multitouch sono dei gesti che andremo a compiere con più dita sul nostro mouse o trackpad per interagire in differenti modi con il nostro computer.

Ce ne sono chiaramente di vario genere, in base al numero di dita che verranno “chiamate in causa” e al tipo di movimento che andremo ad eseguire.

I movimenti disponibili sono molto simili tra loro e molto intuitivi. Sono però diversi in base al tipo di strumento che utilizziamo per gestire il nostro computer. Se siamo su Magic Mouse 2, ne avremo alcuni, se siamo su Magic Trackpad 2 (disponibile a questo link di Amazon), ne avremo altri.

Vediamoli assieme.

Gestures su Magic Mouse 2

Il Magic Mouse è un compagno di lavoro fantastico. L’assenza di pulsanti fisici sul dorso e la continuità di materiale ci permettono di avere uno strumento lineare e molto comodo.

La parte sensibile ai tocchi va dalla cima, in alto, sino alla mela disegnata sulla parte inferiore, dando molto spazio di movimento all’utente. Sebbene comunque questo sia molto, secondo Apple non è sufficiente per avere a disposizione tutte le gesture che sono state rese disponibili per Magic Trackpad.

Di base le gesture sono infatti quattro.

Click secondario

Molto semplice e intuitivo, Click secondario ci permette di mimare il classico click con il tasto destro per attivare il pannello dinamico che cambia a seconda del tipo di file che stiamo aprendo o dell’applicazione a schermo.

Per click, appunto, non si intende un click vero e proprio ma semplicemente un tap della superficie dl Magic Mouse, che riesce a capire il vostro gesto e a tradurlo nel comando da voi desiderato.

Scorri con un dito

Grazie a questa funzione, potremo scorrere tra le pagine di un’applicazione, muovendoci in su e in giù.

Una gesture sicuramente ottima per chi naviga spesso su internet, che potrà ora risparmiare il tempo di fare scroll con un semplice movimento di dita.

Oltre che su internet, questa funzione può essere utilizzata anche per navigare le pagine di un PDF oppure ad esempio nella libreria di Foto.

Sfoglia per navigare

Un’altra funzione molto utile e interessante è proprio quella che ci permette di scorrere la cronologia delle pagine visitate sul browser web.

Per fare tutto ciò, di default, basterà scorrere a destra o sinistra con due dita, dando molto più spazio al nostro lavoro. La feature è disponibile su tutti i browser più utilizzati.

Fai tap per zoomare

Vi è mai venuta voglia di guardare in dettaglio una frase o un particolare di una immagine? “Fai tap per zoomare” permette proprio di mimare un effetto zoom direttamente nell’applicazione a schermo. È utile durante la lettura di un PDF, ma può essere sfruttata anche mentre si è impegnati nella navigazione di una pagina web.

Mission Control

Mission Control è stato introdotto con OS X Lion ed è una funzione che raggruppa i vecchi Exposé, Spaces e Dashboard. Grazie ad essa possiamo navigare in facilità tra tutti i nostri contenuti e spostare finestre da un desktop all’altro.

Per accedere a questa funzione tramite Magic Mouse ci basterà eseguire un doppio tap (ovvero toccare due volte senza cliccare) sul dorso del mouse con due dita.

Gestures su Trackpad e Magic Trackpad 2

Magic Trackpad 2 è un accessorio di grande utilità. Chi utilizza un computer portatile non brandizzato Apple, saprà quanto sia noioso e faticoso lavorare con un touchpad di dubbia qualità e dalla sensibilità neanche lontanamente paragonabile a quella del trackpad di Apple.

Questa è la motivazione per cui solitamente le persone che utilizzano un portatile, per avvicinarsi al mondo del computer desktop, acquistano spesso un mouse esterno.

Apple, invece, è andata controcorrente, riproponendo un trackpad standalone anche per computer desktop. L’esperienza utente creata su MacBook è stata talmente apprezzata che si è pensato di riproporla nuovamente.

Da questa idea è nato il Magic Trackpad, molto comodo per chi ha a che fare con la grafica e ha bisogno di molto spazio per muoversi.

Vediamo però le sue gestures.

Click prolungato

Avete mai avuto necessità di scoprire immediatamente il significato di una parola senza dover passare per il Dizionario installato di default su macOS Sierra? Per accedere rapidamente alla definizione di un termine basta semplicemente cliccare su una parola e poi imprime un ulteriore pressione al touchpad. Questa gesture evidenzia il testo e attiva un piccolo pop-up che mostra il significato della parola.

Inoltre, grazie all’arrivo della tecnologia Force Touch, è adesso possibile utilizzare sfruttare il nuovo trackpad dei MacBook Pro Retina e del Magic Trackpad 2 per visualizzare maggiori informazioni per indirizzi, anteprime file, anteprima link, definizioni parole, eventi, cambiare i nomi dei file, aprire Exposé direttamente dalla Dock e tanto altro.

Due dita per navigare

Proprio come sul Magic Mouse 2, anche il Magic Trackpad 2 permette di navigare rapidamente fra le pagine di Safari e tutti gli altri browser più utilizzati. La funzione permette di scorrere lungo la cronologia semplicemente con uno swipe con due dita a destra o a sinistra.

Pizzica per zoomare

Come detto per Magic Mouse 2 , anche nel caso di Magic Trackpad 2 abbiamo uno smart zoom, chiaramente adattato al caso.

Qui infatti non effettueremo più un doppio tap con un dito, ma semplicemente effettueremo la stessa gesture che abbiamo imparato ad utilizzare sulla controparte smartphone. Tramite un pizzico è così possibile aumentare il grado di zoom oppure diminuirlo.

Sfiora con tre dita

Utilizzate molto le applicazioni a tutto schermo per focalizzarvi su una sola applicazione alla volta per evitare distrazioni?

Grazie a questa funzione potrete navigare in facilità tra le app a tutto schermo e avere sempre tutto sott’occhio semplicemente utilizzando uno swipe con tre dita a destra o a sinistra.

Mission Control

Grazie a Mission Control abbiamo la possibilità di avere sotto controllo tutto ciò che stiamo facendo sui nostri vari desktop e scegliere in quale vogliamo spostarci per lavorare.

Per accedere a questa funzione con Magic Trackpad 2 o con Trackpad, possiamo scorrere verso l’alto con tre dita.

One more thing…

Abbiamo parlato prima delle gestures per Magic Mouse e di quanto in realtà siano limitate. Per oltrepassare questo limite imposto da Apple, su internet si trovano vari tool gratuiti che permettono di personalizzare i tocchi e le loro azioni.

Uno tra i più conosciuti (e per di più gratuito) è MagicPrefs, che permette di personalizzare al 100% il nostro MagicMouse.

Non tutte le gestures sono semplici da utilizzare e l’applicazione avvisa l’utente riguardo queste difficoltà.

Se dunque possedete un Magic Mouse e volete avere qualche impostazione in più, non vi resta che effettuare il download e provare di persona MagicPrefs.

Prima di salutarvi vi ricordiamo che questo articolo faceva parte dello Starter Kit, la collana di guide ed approfondimenti rivolte a tutti gli utenti alle prime armi con il mondo Android o che vogliono imparare ad utilizzarlo al massimo.

 Avete qualche dubbio nello scegliere un modello che fa al caso vostro, oppure volete suggerire qualche modello da inserire all’interno della collezione? Usate il box dei commenti qui sotto!