Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

Garanzia Apple: ciò che bisogna sapere per muoversi al meglio

di Jacopo Famularoaggiornato il 4 maggio 2017

peQuando viene effettuato un acquisto, la garanzia è un elemento importante ma che spesso viene lasciato in disparte, sperando di non doversi mai preoccupare della riparazione di ciò che si è appena acquistato.

Eppure, così come le persone si ammalano, può accadere che un oggetto tecnologico (come ad esempio iPhone) si rompa. In quello sfortunato caso, ecco che la famosa garanzia Apple torna ad essere essenziale, se non si vuole incorrere in costi di riparazione esorbitanti.

La particolare garanzia Apple

Negli scorsi anni v’è sempre stata un po’ di confusione riguardo alla particolarissima garanzia offerta dall’azienda di Tim Cook.

Partiamo dal presupposto che, stando alle leggi italiane, la garanzia è sempre e comunque di due anni. Il primo anno è offerto dal produttore, mentre il secondo è offerto dal rivenditore. Ecco perché, nel caso vi doveste trovare nel secondo anno di garanzia, per effettuare una riparazione dovrete rivolgervi direttamente al rivenditore dove è stato acquistato il prodotto e non ad Apple.

Il primo anno di garanzia

Il primo anno di garanzia è ciò che posiziona realmente Apple al di sopra degli standard rispetto ai propri concorrenti. Potrete infatti usufruire di servizi esclusivi e di un trattamento di riguardo.

Se non è passato ancora un anno, dunque, dal vostro acquisto e dalla conseguente attivazione del vostro prodotto, per effettuare una sostituzione o una riparazione vi basterà dirigervi presso un Apple Store, chiamare Apple al numero verde o dirigervi in un Centro d’Assistenza Autorizzato Apple anche senza scontrino.

Ciò che farà fede sarà infatti il seriale del vostro computer o device, che permetterà agli operatori di comprendere se effettivamente il prodotto può essere riparato in garanzia.

Compreso nel servizio di garanzia, inoltre, avete assistenza telefonica gratuita per i primi 90 giorni dall’attivazione del prodotto. In seguito, per assistenza Mac sarà di circa 45€ a chiamata, mentre per gli iDevice di circa 35€ a chiamata.

Differentemente da quanto offerto da altre aziende, Apple propone un servizio di assistenza mondiale ai propri clienti. Questo significa che se il vostro Mac o iDevice non dovessero più funzionare mentre siete in viaggio per esempio in America, vi basterà dirigervi in un Apple Store e verrete serviti esattamente come se foste in Italia.

Il secondo anno di garanzia

Come tutti gli altri prodotti venduti sul mercato italiano, e come abbiamo accennato poco sopra, anche i dispositivi Apple hanno una garanzia di due anni e il secondo anno è offerto appunto dal rivenditore.

Questo significa che, se avete acquistato un Mac all’Apple Store, per avere assistenza dovrete tornare all’Apple Store muniti di scontrino fiscale. Se avete acquistato il vostro Mac da MediaWorld, per sistemazioni dovrete tornare da MediaWorld (sempre muniti di scontrino fiscale), che si occuperà di tutto il resto.

Senza scontrino fiscale non riuscirete dunque ad accedere al servizio di garanzia. Ecco perché è altamente consigliato conservarlo.

Assistenza per iPhone, iPod e iPad

L’atteggiamento che Apple assume nei confronti dei propri dispositivi mobili, siano essi smartphone, lettori Mp3 o tablet, è veramente unico e ragguardevole!

Se pensate di andare incontro ad una riparazione del vostro dispositivo, beh, vi sbagliate di grosso. Se il vostro device vi dà problemi, Apple lo sostituirà completamente con uno pari al nuovo! Proprio così: Apple non effettua riparazioni di dispositivi mobili – tranne che in alcuni casi come per esempio per la sostituzione della batteria – , bensì recupera il prodotto difettoso e ne consegna uno rigenerato (ovvero uno usato ma rimesso completamente a nuovo, dalla scocca alle componenti interne) al proprio cliente. Inoltre il servizio è praticamente immediato: se siete all’Apple Store, il Genius (questo è il nome della figura con cui vi interfaccerete) vi chiederà una firma e di ripristinare il vostro dispositivo. Provvederà dunque alla sostituzione.

Per quanto riguarda invece il servizio telefonico o al centro assistenza autorizzato, l’attesa varierà dai due ai quattro giorni, risultando comunque la più veloce tra tutte le assistenze offerte.

Occhio ad acqua, umidità e display rotti!

Un fattore che accomuna Apple agli altri produttori di oggetti tecnologici è sicuramente l’avversione alla riparazione per danni accidentali. Uno dei più frequenti è causato da penetrazioni di acqua, o liquidi, all’interno del dispositivo.

La prima cosa che viene controllata quando cercate assistenza per un dispositivo è proprio se vi sono infiltrazioni, che vengono intercettate all’istante, grazie a dei sensori che Apple posiziona all’interno dei propri dispositivi.

Questi sensori sono normalmente di colore bianco. Se entrano in contatto con un liquido, la loro colorazione cambierà in rosso, indice di intaccamento e motivo sufficiente ad invalidare la garanzia.

Altro elemento invalidante la garanzia è la rottura del display causata da una caduta o da un altro danno accidentale. Come per quanto riguarda la penetrazione d’acqua, Apple, prima di ripristinare la garanzia residua sul vostro dispositivo, dovrà provvedere ad una sostituzione dello stesso, con conguaglio da parte vostra. Una volta che avrete nuovamente un device integro sotto ogni punto di vista, la garanzia tornerà ad essere accettata per altri eventuali problemi.

E se porto un dispositivo fuori garanzia?

Interessante è l’atteggiamento di Apple anche in questi casi. Se il vostro iPhone, iPod o iPad è uscito dalla garanzia, Apple non cambierà il proprio modus operandi. Provvederà infatti anche in questo caso alla sostituzione, con un conguaglio da parte vostra.

Per fare un esempio: per sostituire un iPhone 6 fuori garanzia, di solito Apple chiede circa 309 euro (i prezzi possono variare a seconda dello storage).

In alcuni casi il tutto può risultare conveniente, mentre in altri può risultare sconveniente e spesso Apple avvisa l’utente nell’eventualità in cui non lo fosse, mostrando le varie alternative.

Dal momento della sostituzione per un dato problema, il dispositivo acquisirà un’ulteriore garanzia (per lo stesso problema) di ulteriori 90 giorni.

Posso cambiare il mio iPhone 6s con un iPhone 7?

Una domanda che in tanti pongono è se, grazie alla garanzia può avvenire la sostituzione con l’ultimo modello lanciato da Apple. Altrettante persone chiedono se possono cambiare il proprio iPhone nero con uno bianco o se pagando qualcosa possono avere la versione da 32 GB anziché quella da 16 (precedentemente posseduta).

La risposta in questo caso è “No”. Il dispositivo che riceverete sarà pari a quello che avete consegnato. Questo perché la sostituzione viene fatta in base al numero seriale e Apple deve sostituire un prodotto con un secondo esattamente corrispondente alle caratteristiche del primo.

Non ci saranno conguagli economici che tengano: Apple restituisce un prodotto uguale a quello posseduto.

Lo strano caso del device sostituito con uno diverso

Mi devo già contraddire rispetto a quanto detto sopra? In realtà non proprio, eppure, come si evince dal titolo di questo paragrafo, molto raramente accade che Apple sostituisca un device di un certo tipo con uno diverso.

Perché accade tutto ciò? Molto semplice: se ad esempio Apple termina le scorte di iPhone 5s in magazzino (impossibile per esempio al momento terminare le scorte dell’iPhone 6) e non può fornirvi subito un sostituto per il vostro device, piuttosto di farvi aspettare e di rimandarvi a casa insoddisfatti e con un problema non risolto, viene effettuato un cambio di device, che va ovviamente a vantaggio dell’utente.

Questa procedura è comunque molto rara e bisogna ritenersi molto molto fortunati nel caso in cui ci si “inciampasse”.

Come prepararsi prima di accedere al servizio di assistenza

Abbiamo detto che Apple non ripara dispositivi per alcun motivo. Questo significa che, ogni volta che accederete al servizio di assistenza, riceverete un dispositivo pari al nuovo.

Ecco perché, se non salvate accuratamente tutti i vostri dati prima di consegnare il vostro device nelle mani di Apple, li perderete per sempre. Per far sì di non perdere contatti, dati applicazioni e molto altro, ciò che dovrete fare è eseguire un backup del vostro device.

Per farlo, nel caso in cui non sapeste già eseguire l’operazione, vi rimandiamo alla nostra guida su come eseguire backup e ripristino del proprio iDevice.

Assistenza per Mac

L’assistenza per Mac funziona in modo un po’ diverso rispetto a quello utilizzato per dispositivi mobili.

Se Apple infatti sostituisce i device, i Mac vengono nella maggior parte delle volte riparati. Molte volte, inoltre, i problemi sono a livello software o a livello di componentistiche che possono essere sostituite nel breve tempo. Se vi recate in un Apple Store e il vostro computer dev’essere effettivamente riparato, spesso vi viene detto di tornare nel giro di qualche ora, in modo tale che possiate tornare a casa soddisfatti e con un prodotto funzionante.

Se invece vi recate presso un Centro Assistenza Apple Autorizzato o effettuate una chiamata direttamente ad Apple, le tempistiche si dilatano, ma spesso le riparazioni avvengono in breve tempo.

E se porto un dispositivo fuori garanzia?

Anche i dispositivi fuori garanzia vengono trattati con un occhio di riguardo. Portare a riparare un Mac ad un Apple Store o ad un centro autorizzato probabilmente vi costerà qualcosa in più rispetto a portarlo in un centro di riparazione che non lo è.

Eppure, il servizio offerto da Apple sostituisce le parti non funzionanti con parti originali e coperte da ulteriore garanzia.

Inoltre sarete sicuri che il vostro Mac sarà sistemato da persone competenti e che hanno dovuto sostenere corsi ed esami direttamente organizzati da Apple stessa.

Problemi riconosciuti: riparazione gratuita anche fuori dalla garanzia

A volte capita che Apple sia a conoscenza di un problema che potrebbe riscontrarsi anche dopo la fine del periodo di garanzia.

In quei casi, oltre a ricevere una mail, l’utente sarà notificato tramite l’apposito spazio sul sito di Apple, dove vengono elencati i vari problemi riconosciuti e che verranno sistemati gratuitamente anche se il prodotto è fuori dalla garanzia.

Come prepararsi prima di accedere al servizio di assistenza

Solitamente, differentemente da quanto accade accade con i device mobili, Apple non sostituisce il vostro computer e, a meno che non si tratti di un problema al disco oppure di sistema, non dovrebbe formattarlo e di conseguenza non dovreste perdere dati.

Detto questo, comunque, prima di portare in assistenza il vostro computer, è caldamente consigliato effettuare un backup, per evitare che durante il processo di riparazione i dati vengano persi, nel caso in cui l’addetto sia costretto a formattare.

Per farlo, vi basterà seguire la nostra guida al backup e ripristino con Time Machine, nel caso in cui già non sapeste come muovervi in questo panorama.

AppleCare: un asterisco che cambia le carte in tavola

Molti hanno spesso confuso la garanzia di due anni con l’AppleCare, un servizio a pagamento che Apple offre ai suoi clienti per poter usufruire dei servizi offerti nel primo anno. Entrando nello specifico, se ricordate bene, all’inizio del post abbiamo parlato di ciò che contraddistingue l’assistenza Apple rispetto a quella dei concorrenti.

Con AppleCare andrete ad estendere a due anni (per quanto riguarda i dispositivi mobili) e a tre anni (per quanto riguarda i Mac), servizi quali la copertura mondiale di garanzia senza scontrino e l’assistenza telefonica gratuita.

Addentriamoci nelle singole questioni: con normale garanzia Apple, la copertura di assistenza mondiale è solo per il primo anno. In seguito, per ricevere assistenza gratuita, dovreste recarvi dal vostro rivenditore con scontrino e aspettare che lui si metta in contatto con Apple e che, dopo un certo numero di giorni, vi ricontatti per avvisarvi che il vostro device o Mac è pronto. Con l’estensione dei servizi, avrete assistenza mondiale per due anni (per dispositivi mobili e tre per i Mac), con conseguenti sostituzioni o riparazioni al momento o in brevissimi tempi.

Per quanto riguarda il servizio di assistenza telefonico per domande riguardanti il dispositivo, OS XiOS  con AppleCare attiva, avrete la possibilità di ricevere assistenza gratuita anche oltre i 90 giorni dall’acquisto, fino allo scadere dei due anni per dispositivi mobili e tre per i Mac.

Inoltre, attivando AppleCare, avrete anche un servizio Express se utilizzate il servizio telefonico per eventuali sostituzioni. Grazie ad esso, riceverete il sostituto del vostro device prima di dover rispedire il vostro ad Apple, così da non avere attese.

Ricapitolando: visti i servizi offerti dall’estensione AppleCare, considerata appunto erroneamente una semplice estensione ad un periodo teoricamente già coperto, forse non è male abbinarla ad un dispositivo che si possiede. AppleCare ha dunque un prezzo diverso in base al tipo di accessorio che verrà coperto da estensione. Se avete un dispositivo iOS, prima di procedere all’acquisto, vi consigliamo di leggere attentamente il prossimo paragrafo. Se invece volete acquistare AppleCare per il vostro Mac, vi basta scegliere il vostro modello e seguire uno dei link di seguito riportati:

AppleCare+ per iPhone e iPad

Da settembre 2013, inoltre, Apple ha deciso di introdurre anche in Europa (e quindi in Italia) anche AppleCare+, un servizio che fino ad ora era rivolto solamente agli Stati Uniti. Ma cosa distingue essenzialmente questo tipo di estensione del supporto rispetto a quello della normale AppleCare? Sicuramente il prezzo e la possibilità di acquisto: se per la normale AppleCare per iPhone paghiamo un costo di 70€ circa, AppleCare+ costa ben 149€ e può essere acquistata solamente entro trenta giorni dall’acquisto del proprio dispositivo.

Questo perché oltre a quanto offerto dalla normale AppleCare, abbiamo un’agevolazione anche per quanto riguarda la sostituzione di dispositivi che hanno subito danni accidentali. Come detto nei paragrafi precedenti, infatti, i danni accidentali non sono coperti dalla garanzia e, se rompete ad esempio il display di un iPhone 6, la sostituzione costerà 115€ (135€ per modelli precedenti), mentre la batteria continua ad essere sempre 75€. Avendo AppleCare+, avrete a disposizione due sostituzioni/riparazioni per danni accidentali a prezzo agevolato. Qualsiasi sia il tipo di danno e il dispositivo, avrete diritto a pagare solo 69€ per la sostituzione (un bel vantaggio visto che il possessore di un iPhone di ultima generazione potrebbe pagare anche 250€).

Per quanto riguarda iPad, AppleCare+ ha lo stesso prezzo, ovvero 99€ ma la sostituzione a seguito di danni accidentali costa paradossalmente meno rispetto a quella di iPhone, ovvero solamente 49€. Anche in questo caso per poter accedere al servizio, dovrete per forza effettuare la registrazione del prodotto entro trenta giorni dall’acquisto del vostro device.

AppleCare+ per iPod, infine, ha un costo di 59€ e ogni sostituzione costerà 29€. Niente male per chi acquista un iPod touch di ultima generazione (decisamente un prodotto con un costo da non sottovalutare). Per tutte e tre queste categorie di prodotto AppleCare+ offre assistenza per il dispositivo e ciò che è fornito nella confezione d’acquisto, quindi batteria e cavetterie. Nota negativa per gli utenti è sicuramente il fatto che, con l’introduzione di AppleCare+, la normale AppleCare per iPhone/iPad e iPod touch non è più disponibile.

Come accedere al servizio

Per accedere al servizio di assistenza, come abbiamo detto, potete rivolgervi a tre “portali” differenti.

Il primo è sicuramente il canale Apple Store. Cercate quello più vicino a voi e prendete appuntamento per un dato giorno e una data ora con un Genius, per arrivare ed essere subito serviti, senza dover fare lunghe file. Per scoprire qual è l’Apple Store più vicino a voi, potete accedere alla lista degli store.

Il secondo canale è il Centro Assistenza Autorizzato Apple, che sul territorio italiano è un servizio molto più presente rispetto agli Apple Store, che rimangono ancora una presenza puntuale in Italia. Per scoprire quale centro è più vicino a voi, potete accedere alla lista dei Centri Assistenza Autorizzati Apple.

Il terzo ed ultimo canale è il servizio assistenza telefonico, che permette anche a chi non ha nelle vicinanze un Apple Store o un Centro Assistenza Autorizzato Apple di ricevere supporto. Per sostituzioni o riparazioni, grazie a questo servizio, Apple verrà a ritirare il vostro dispositivo o Mac a casa e ve lo riconsegnerà dopo qualche giorno. Per mettervi in contatto con il servizio di assistenza telefonico, potete chiamare il numero: 199 120 800