Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Fotocamera compatta APS-C: la guida definitiva

Fotocamera compatta APS-C: la guida definitiva

di Carlo Carlino
Specialist Fotocamere compatte
aggiornato il 22 agosto 2019
2297 utenti hanno trovato utile questa guida

Il Natale 2019 sta per arrivare! Se stai cercando le offerte migliori del periodo o non sai cosa regalare ai tuoi cari, niente paura: ti aiutiamo noi! All’interno della sezione Migliori regali di Natale trovi consigli utili e i migliori sconti natalizi su una vasta serie di categorie.

 

Paura di non ricevere in tempo i tuoi prodotti per Natale? Nessun problema, la spedizione è rapidissima con Amazon Prime! Ti invitiamo a provarlo nella versione classica e Student qui ai link di seguito:

 

N.B. La guida Fotocamera compatta APS-C è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Dicembre 2019.

La qualità degli scatti che è possibile ottenere con una fotocamera, dipende molto dal sensore che viene utilizzato. Ovviamente più il sensore è grande e migliore sarà la qualità degli scatti. Tuttavia un sensore di dimensioni modeste implica anche obiettivi di grandi dimensioni, motivo per cui è molto raro trovare su una fotocamera compatta un sensore così grande. Esistono comunque dei modelli di nicchia per gli appassionati che ricoprono specifiche esigenze, ecco perché abbiamo scelto di creare questa guida definitiva alla ricerca della miglior fotocamera compatta APS-C.

Fotocamera compatta APS-C: quale comprare

Le fotocamere compatte, come si intuisce dal nome, hanno dimensioni molto contenute, per questo molti utenti le preferiscono alle più ingombranti reflex e mirrorless. Solitamente le compatte utilizzano sensori di piccole dimensioni, in modo da poter mantenere un corpo contenuto. In questi casi si ha però come contro la qualità generale delle immagini, perché un sensore piccolo non riesce ad offrire prestazioni paragonabili a quelle di una reflex o una mirrorless. Alcuni produttori sono comunque riusciti a sorprendere gli utenti, sviluppando e producendo compatte con sensore APS-C, una tipologia di sensore abbastanza grande da assicurare ottime prestazioni. In questa guida all’acquisto abbiamo selezionato i modelli su cui secondo noi vale la pena puntare, in modo da aiutarvi a scegliere la fotocamera compatta APS-C migliore per i vostri bisogni. Prima di vedere quali modelli abbiamo selezionato ci sono alcune precisazioni da fare per quanto riguarda i criteri di valutazione.

Sensore

Il primo criterio non poteva non essere il sensore, la caratteristica più importate per una fotocamera compatta APS-C. Il sensore è il componente che determina la qualità di foto e video ed è composto da megapixel. Molte persone pensano che più pixel vuol dire più qualità, ma non è esattamente così. Una caratteristica fondamentale da considerare quando si parla di sensore è la grandezza della superficie. I sensori APS-C sono tra i più grandi che è possibile trovare sulle fotocamere compatte e vengono utilizzati molto spesso anche sulle mirrorless e sulle reflex di fascia molto alta. Per questo motivo, grazie a questi sensori, anche le fotocamere compatte riescono ad offrire prestazioni professionali nonostante le loro dimensioni molto contenute. Una specifica molto importante che dipende dal sensore sono gli ISO, ovvero la sensibilità alla luce del sensore. Ogni fotocamera offre degli ISO minimi e massimi, quindi maggiore sarà l’estensione, maggiore sarà la sensibilità alla luce del sensore. Tutto questo si traduce con la possibilità di scattare foto anche quando la luce ambientale è poca. C’è solo un problema legato agli ISO: il rumore digitale. Alzando molto i valori ISO sulle immagini si formerà una grana, la quale può compromettere le prestazioni di colori, dettagli e nitidezza di foto e video. I sensori di piccole dimensioni presentano rumore digitale già a valori medio-alti, mentre i sensori più grandi, come ad esempio quelli APS-C, presentano del rumore digitale “invadente” soltanto ad ISO molto alti. Acquistare una fotocamera compatta APS-C consente quindi di avere risultati molto buoni sotto ogni punto di vista della qualità delle immagini.

Obiettivo

Il secondo criterio da tenere in considerazione è invece l’obiettivo. La particolarità delle fotocamere compatte, oltre ad essere appunto compatte, è che l’obiettivo non può essere sostituito come accade sulle reflex o le mirrorless. Quindi bisogna considerare bene di cosa si ha bisogno. Per quanto riguarda lo zoom attualmente non c’è molta scelta, nel senso che sono molto rare le compatte APS-C che montano uno zoom. Il motivo di questa rarità è sicuramente legato alla grandezza del sensore. In base alla grandezza del sensore d’immagine, infatti, si verifica una casistica definita “crop“. La lunghezza focale viene indicata con equivalenza full frame, cioè pieno formato, quindi ci sono delle equazioni da fare quando il sensore è più piccolo. Una lente 50mm su un sensore APS-C sarà circa 80/85mm, quindi fisicamente risulta difficile montare lenti zoom su questa tipologia di fotocamere compatte, in quanto si dovrebbero costruire obiettivi molto grossi ed ingombranti. La maggior parte delle fotocamere presenti in questa guida sono quindi dotate di lenti fisse abbastanza grandangolari. Molti produttori offrono accessori che è possibile montare su queste lenti in modo da avere distanze focali diverse, ma sempre fisse. Se quindi avete bisogno di una fotocamera compatta APS-C dotata di zoom la scelta non sarà molta, al contrario, se amate la fotografia urbana e paesaggistica, i modelli a disposizione sono di più. Un’altra caratteristica da considerare con l’obiettivo è il diaframma, cioè lo strumento che permette di decidere quanta luce deve entrare all’interno della lente. Viene indicato con la lettera “f” seguita da alcune cifre. Più sono basse queste cifre, maggiore sarà l’apertura, e quindi la luminosità, del diaframma. Da questo punto di vista non ci sono grandi problemi, nel senso che tutte le fotocamere compatte APS-C hanno un’apertura del diaframma molto ampia, soprattutto quelle con lente fissa. Una lente luminosa permette di scattare foto migliori anche quando la luce scarseggia, quindi sta a voi valutare le vostre esigenze e il vostro budget prima di capire quale faccia di più al caso vostro.

Display e mirino

L’ultimo criterio di valutazione riguarda il mirino e il display della fotocamera. Tutte le fotocamere sono dotate di un display LCD principale, grazie al quale si possono cambiare le impostazioni della fotocamera, si possono visionare le foto scattate e si può godere del Live View per inquadrare la scena. Il display può essere fisso o orientabile. Fisso nel senso che non può essere spostato, quindi risulta un po’ scomodo nel caso in cui si vogliono scattare foto da posizioni strane, come ad esempio foto dall’alto o ad altezza del terreno; un display orientabile è invece molto comodo in quanto può essere spostato in varie posizioni. La maggior parte delle compatte presenti in questa guida integra display fissi, i quali possono anche essere touch screen in alcuni casi. Il mirino è invece presente sui modelli più costosi ed è molto comodo in condizioni di forte luce o per gli utenti che sono abituati a portare la fotocamera all’occhio per scattare una foto. I mirini presenti sulle compatte APS-C sono di due tipi: elettronici e ibridi. Quelli elettronici non sono altro che dei piccoli schermi che rispecchiano in tutto e per tutto il display principale della fotocamera, quindi si può avere l’anteprima dell’esposizione, dei colori e della profondità di campo in tempo reale. Quelli ibridi sono molto particolari, in quanto l’utente può scegliere se utilizzare il mirino elettronico o quello ottico. Il mirino ottico permette di vedere la scena senza alcuna anteprima, come accade sulle reflex, quindi la si vedrà “ad occhio nudo”. Se avete avuto esperienza con le fotocamere analogiche o siete intrigati dal mirino ibrido vi consigliamo di acquistare una fotocamera che lo integra, perché restituisce un’esperienza analogica con tutta la tecnologia digitale. Nel caso in cui non siete interessati a queste funzionalità, anche un mirino elettronico può essere molto comodo e può darvi un’aria più professionale quando scattate una foto.

I modelli che abbiamo selezionato partono dalla fascia medio-alta, in quanto produrre dei dispositivi con questa tipologia di obiettivi è abbastanza costoso. Molte fotocamere sono comunque molto particolari, in quanto sono pensate per generi fotografici molto specifici, come ad esempio la street photography. Valutate bene i criteri descritti sopra e fate le vostre considerazioni per quanto riguarda il budget che volete spendere, in questo modo troverete sicuramente la fotocamera compatta APS-C migliore per le vostre esigenze.

Fotocamera compatta APS-C: la nostra selezione

Fujifilm XF10

La Fujifilm XF10 è una delle fotocamere compatte più recenti della casa giapponese. Va a sostituire la X70, che per molto tempo è stata presente in questa guida. A differenza del precedente modello la XF10 viene venduta ad un prezzo più contenuto, rinunciando però ad alcune caratteristiche.

La Fujifilm XF10 monta un sensore CMOS APS-C da 24 megapixel che offre la qualità Fuji in ogni scatto. Ha una sensibilità ISO che va da un valore minimo di 200 ad un massimo di 12.800 estendibile a 100/51.200. Integra un obiettivo FUJINON equivalente 28 mm con un’apertura massima del diaframma pari a f/2.8. Si tratta di una lente perfetta per la street photography e per i paesaggi vista l’ampiezza che offre. È anche presente un teleconverter digitale che simula un 35 mm o un 50 mm, perdendo però qualità nell’immagine. Per quanto riguarda la raffica di foto può arrivare a 6fps per un massimo di 13 immagini in formato JPEG, mentre i video possono essere registrati in 4K a 15 fps o in full HD 1080p a 60fps. Il display LCD TFT touch screen da 3″ con 1.040.000 punti definizione permette di inquadrare la scena (non è presente un mirino) di muoversi nelle varie impostazioni e di consultare la galleria. La XF10 può comunicare con smartphone e tablet mediante il WiFi e il Bluetooth, è possibile trasferire i file e comandare la camera da remoto. Infine non manca la modalità time lapse e il simulatore di pellicole tipico dei modelli della serie X di Fujifilm.

Fujifilm XF10 è un best buy per chi cerca una fotocamera compatta APS-C per dedicarsi alla street photography. Ha un prezzo molto contenuto e un aspetto bellissimo e molto curato. Per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla nostra recensione di Fujifilm XF10.

Puoi acquistare Fujifilm XF10 su Amazon su eBay o su ePrice

Ricoh GR II

Ricoh GR II è una fotocamera amata da moltissimi appassionati dal momento che riesce ad offrire la qualità data dal sensore APS-C ad un prezzo decisamente competitivo e accessibile. L’obiettivo integrato fisso è un 28mm, una via di mezzo tra un grandangolare ed un classico 35mm da reportage, che rende quindi questo modello un po’ generico. Quello che colpisce è la sua compattezza, davvero fuori dal comune che rende questa fotocamera forse l’unica tra le compatte con sensore APS-C in grado di stare realmente all’interno di una tasca senza troppi problemi. Inoltre grazie all’aggiuntivo ottico apposito Pentax GW-3 è possibile modificare la distanza focale e trasformare così l’obiettivo della vostra fotocamera compatta APS-C in un grandangolare.

Ricoh GR II integra un sensore APS-C (1.5x) da 16 megapixel, in grado di reggere una gamma ISO strabiliante per una compatta: 100 – 25600 ISO. L’ottica integrata come abbiamo visto consiste in un 18.3 mm fisso ( che diventa quindi un 28 mm considerando il fattore di crop del sensore APS-C), con apertura f/2.8. Quest’apertura rende l’obiettivo molto luminoso portando la qualità degli scatti ad un livello superiore e consentendo degli splendidi effetti bokeh. Questa fotocamera ha anche una buonissima raffica di scatto che arriva a 4 fps. Passando alla parte video Ricoh GR II è in grado di registrare in Full HD a 30 fps. La fotocamera è anche dotata di un piccolo flash pop up posizionato in alto che quasi non si nota quando non è in funzione. Grazie alla lente di conversione grandangolare Pentax GW-3 è possibile modificare la visuale trasformando la lente da un 28mm ad un 21 mm equivalenti, in questo modo potrete contare su una fotocamera compatta APS-C in grado di coprire due distanze focali diverse a livello ottico.

Ricoh GR II è la fotocamera compatta APS-C più economica e allo stesso tempo più compatta che è possibile trovare attualmente sul mercato. Questo modello è adatto a chi non vuole rinunciare alla portabilità e avere comunque a disposizione un modello in grado di generare scatti di ottima qualità.

Puoi acquistare Ricoh GR II su Amazon o se preferisci su eBay

Ricoh GR II
Prezzo consigliato: € 506Prezzo: € 506

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Fujifilm X100F

Fujifilm X100F è una delle migliori fotocamere compatte con sensore APS-C che è possible acquistare, dedicata principalmente agli appassionati di street photography. Abbiamo avuto il piacere di provarla e vederla da vicino e l’abbiamo definita senza timore la fotocamera compatta delle meraviglie (per maggiori dettagli vi rimandiamo alla nostra recensione su Fujifilm X100F). L’obiettivo che con fattore di crop diventa un 35mm, il design vintage, la qualità dei materiali e la ricarica tramite cavo USB rendono questo modello ideale per la fotografia di reportage, dal momento che è anche molto silenziosa e davvero pratica da portare.

Fujifilm X100F integra un sensore X-Trans CMOS III da 24,3 megapixel di ultima generazione, lo stesso utilizzato sull’ammiraglia delle mirrorless Fuji, la Fujifilm X-T2. Anche il processore integrato è lo stesso che troviamo sui migliori modelli, si tratta dell’ X-Processor Pro, pensato apposta per le esigenze dei professionisti. Quello che rende unica questa fotocamera, oltre ad essere una delle poche fotocamere compatte APS-C, è la presenza di un mirino ibrido integrato (vi consigliamo la nostra guida dedicata al mirino macchina fotografica per sapere tutti i dettagli su quest’argomento). La raffica di scatto è molto elevata e arriva fino a 8 fps, anche il sistema di autofocus è impressionate e può contare su ben 325 punti con funzione di adattamento dei punti croce. Come abbiamo visto la fotocamera si presenta con un’ottica fissa da 35 mm con apertura f/2, si tratta dell’obiettivo più luminoso che troviamo su una fotocamera compatta APS-C. Questa lente è pensata per la street photography e fotografia di reportage, anche se è possibile cambiare la distanza focale sia a livello digitale con la funzione teleconverter, che ottico tramite gli appositi aggiuntivi che modificano la stessa distanza focale ma a livello ottico. Per tutte queste caratteristiche, potremmo definire Fujifilm X-100F come la fotocamera compatta APS-C definitiva per la street photography.

Fujifilm X100F è probabilmente la miglior fotocamera compatta APS-C con ottica fissa e mirino integrato. Grazie ai due aggiuntivi ottici creati sempre da Fujifilm è possibile avere un corpo compatto e la possibilità di cambiare 3 distanze focali diverse. Potete trovare su Amazon la lente di conversione grandangolare colore nero Fujifilm WCL-X100B II, e su ePrice la lente di conversione grandangolare colore silver WCL-X100S II e il tele Fujifilm TCL-X100B II.

Puoi acquistare Fujifilm X100F su eBay.

Canon PowerShot G1 X Mark III

Canon PowerShot G1 X Mark III è l’unica fotocamera di questa guida a montare un obiettivo zoom, caratteristica che la rende molto versatile. Anche l’aspetto è del tutto diverso dai modelli sopracitati. La G1 X Mark III assomiglia infatti più ad una reflex che ad una compatta. È una camera pensata per i reportage e i viaggi che assicura prestazioni professionali.

All’interno della Canon G1 X Mark III troviamo un sensore APS-C da 24,2 megapixel che assicura una qualità fotografica elevata e permette di raggiungere una sensibilità ISO massima di 25.600. Il processore d’immagine è il DIGIC 7, lo stesso montato sugli ultimi modelli di reflex, grazie al quale è possibile scattare fino a 9 foto al secondo. Il sistema di messa a fuoco è formato da 49 punti ed è di tipo Dual Pixel AF, è molto prestante sia se utilizza l’autofocus a punto fisso sia se si utilizza il fuoco continuo. Il display posteriore della Canon G1 X Mark III misura una diagonale di 3″, è touchscreen e può essere orientato in tutte le direzioni. Per quanto riguarda il mirino è presente un EVF da 2.360.000 punti definizione di tipo OLED di altissima qualità che copre il 100% della scena inquadrata. Infine non mancano WiFi, NFC e Bluetooth per la condivisione dei file e per il controllo da remoto della camera e un intervallometro per la registrazione di time lapse.

Canon PowerShot G1 X Mark III è una delle migliori fotocamere compatte con sensore APS-C attualmente in commercio. La lente zoom, l’aspetto da reflex e il display orientabile la rendono diversa da tutte le altre macchine fotografiche presenti in questa guida.

Puoi acquistare Canon PowerShot G1 X Mark III su Amazon o se preferisci su eBay

Canon PowerShot G1 X Mark III
Prezzo consigliato: € 1124.9Prezzo: € 1124.9

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

2297 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Carlo Carlino tramite i commenti.