Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Migliore fotocamera compatta 4K: come e quale scegliere

Migliore fotocamera compatta 4K: come e quale scegliere

di Carlo Carlino
Specialist Fotocamere compatte
aggiornato il 10 maggio 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Per un tempo limitato puoi approfittare dei nuovi sconti “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco.

 

Inoltre su Amazon sta impazzando l’iniziativa “HP Days” con sconti su tantissimi prodotti fino al 20% rispetto al prezzo di listino. Rimane attiva anche la “Huawei Week 2019“, con offerte su molti prodotti del settore mobile dell’azienda.

N.B. La guida Fotocamera compatta 4K è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Maggio 2019.

Il formato video 4K è l’ultima rivoluzione per quanto concerne la qualità video disponibile sulle fotocamere digitali compatte. Vista la grande richiesta abbiamo deciso di selezionare i modelli che secondo noi sono i più validi, per creare una guida definitiva alla ricerca della migliore fotocamera compatta 4K. Ecco quali sono i prodotti che abbiamo selezionato e secondo noi vale la pena acquistare.

Migliore fotocamera compatta 4K: quale comprare

Quando si decide di acquistare la migliore fotocamera compatta 4K il primo parametro da considerare è sicuramente la qualità del video e il frame rate, ovvero la frequenza dei fotogrammi che la fotocamera riesce a registrare. In questo articolo abbiamo già selezionato noi le fotocamere compatte che sono in grado di registrare video in 4K ad almeno 30p, in modo tale da poter concentrare maggiormente l’attenzione su altri parametri altrettanto importanti.

Sensore e ISO

Il primo criterio che bisogna considerare quando si vuole acquistare una fotocamera compatta 4K è sicuramente il sensore, cioè il cuore del dispositivo. Il sensore può avere diverse grandezze e megapixel: per grandezza si intende proprio la grandezza fisica del sensore, mentre i megapixel sono il numero di pixel presenti sulla superficie del sensore. Molto spesso l’utente meno esperto guarda solo il secondo valore, sbagliando. Un buon sensore deve avere un rapporto tra grandezza e megapixel equilibrato, per questo motivo alcune fotocamere compatte di fascia alta montano sensori non molto grandi riuscendo ad offrire comunque prestazioni ottime. Le compatte montano molti tipi di sensore, ma i più utilizzati per quanto riguarda le compatte 4K sono quelli da 1″.

Il secondo criterio da valutare riguarda invece la resistenza ad alti ISO, molto importante per la qualità dei video in condizioni di luce scarsa. Gli ISO indicano la sensibilità alla luce del sensore e hanno dei valori minimi e massimi, i quali possono cambiare per ogni modello. Questo però non vuol dire che se una fotocamera compatta 4K ha dei valori ISO massimi alti sia meglio di un’altra, perché bisogna considerare anche il rumore digitale. Quest’ultimo non è altro che una grana che si crea man mano che si alzano i valori ISO e che può compromettere la qualità dei video. Una fotocamera che monta un buon sensore e un buon processore può quindi avere una tenuta del rumore digitale maggiore rispetto ad una fotocamera che monta componenti meno prestanti ma raggiunge una sensibilità maggiore.

Diaframma

La terza caratteristica da considerare è l’apertura massima del diaframma. Il diaframma è un elemento presente all’interno dell’obiettivo ed è composto da lamelle che possono chiudersi o aprirsi. Questo sistema serve per far entrare più o meno luce all’interno della fotocamera, quindi più è possibile aprire il diaframma, maggiore sarà la luce che si riuscirà a catturare. Il diaframma si identifica con la lettera “f” seguita da due valori (es. f/2.8-4), più sono bassi questi valori, maggiore sarà l’apertura del diaframma. I valori solitamente sono due, il primo identifica l’apertura massima quando si utilizza l’obiettivo in grandangolo, il secondo quando si utilizza lo zoom alla massima focale. Un diaframma molto aperto consente inoltre di ricreare l’effetto bokeh, cioè lo sfondo sfocato che spesso viene utilizzato nei video per concentrare l’attenzione su un soggetto.

Autofocus

Il quarto criterio da prendere in considerazione è l’autofocus. La messa a fuoco automatica è molto importante quando si registrano i video, perché permette di mantenere sempre a fuoco il soggetto. In questo modo l’utente deve preoccuparsi solo dell’inquadratura, in quanto sarà l’autofocus ad occuparsi di mantenere il fuoco sempre preciso. Le impostazioni dell’autofocus possono essere diverse, ma quelle più importanti per quanto riguarda i video sono: l’autofocus continuo e il rilevamento del volto. Il primo permette di mantenere il fuoco su un soggetto anche se quest’ultimo (o il fotografo) si sposta, mentre il secondo consente di rilevare il volto di un soggetto in modo da avere una messa a fuoco precisa e continua sulla faccia.

Zoom

La penultima caratteristica molto importante per una fotocamera compatta 4K è lo zoom, lo strumento che permette di avvicinarsi ai soggetti più lontani e che permette di creare filmati di qualsiasi genere. Le fotocamere compatte hanno la particolarità di non poter cambiare obiettivo, quindi lo zoom deve essere valutato con molta attenzione prima di acquistare un prodotto. Solitamente le fotocamere compatte hanno uno zoom che va da 24 mm fino a 70 mm, ma in alcuni casi è anche possibile arrivare fino a 200 mm e oltre. Uno zoom molto esteso permette di dedicarsi a molti più generi di ripresa, ma ha come contro un’apertura del diaframma minore alla massima focale. Quello che bisogna valutare sono quindi le proprie esigenze: obiettivo meno esteso ma più luminoso oppure obiettivo più esteso ma meno luminoso.

Display orientabile

L’ultima caratteristica che si deve valutare è la presenza di un display orientabile, e di conseguenza la sua rispettiva qualità. Si tratta di una caratteristica che per alcuni potrebbe fare la differenza quando si registrano video, in quanto permette di realizzare riprese da punti di vista più alti o più bassi. Le tipologie di display orientabile sono diverse, ma quelle utilizzate sulle compatte 4K hanno tutte in comune la possibilità di riprendersi in modalità selfie per registrare vlog da soli o in compagnia.

I prodotti che abbiamo selezionato per questa guida all’acquisto non sono tantissimi, in quanto le compatte che rispettano tutte le caratteristiche sopraelencate sono poche. Per questo motivo non abbiamo diviso in prodotti in categoria, ma li abbiamo inseriti in ordine di prezzo, partendo dal più economico fino ad arrivare a quello più costoso.

Nikon Coolpix A1000

La Nikon Coolpix A1000 è tra le ultime compatte presentate dal produttore giapponese e integra in un corpo piccolo e compatto le migliori tecnologie della casa, ma andiamo con ordine. Al suo interno troviamo un sensore CMOS da 1/2,3 pollici con 21 megapixel, che imprime le immagini grazie alla lente con zoom ottico 35x, che si traduce in una focale equivalente pari a 24-480mm. Troviamo anche un sistema di riduzione delle vibrazioni (VR) ideale per poter utilizzare la fotocamera tranquillamente a mano libera. Passando alla parte video troviamo una capacità davvero ottima per una fotocamera compatta a questo prezzo: Nikon Coolpix A900 registra video in 4K UHD a 30fps con audio stereo. Infine potete contare sulla tecnologia SnapBridge di Nikon che permette tramite una connessione Bluetooth costante con lo smartphone di trasferire automaticamente le immagini sui vostri dispositivi mobili.

Nikon Coolpix A900 è sicuramente tra le miglioricompatte 4K economiche, in quanto permette al prezzo più basso di ottenere ottimi video uniti alla compattezza estrema di questo modello. Non poteva quindi mancare in questa guida alla migliore fotocamera compatta 4K.

Puoi acquistare Nikon Coolpix A1000 su Amazon o se preferisci su eBay

Panasonic Lumix DMC-LX15

All’interno di Panasonic Lumix DMC-LX15 troviamo un sensore MOS da 1 pollice per scattare delle bellissime foto a 20,1 megapixel e il processore d’immagine VENUS Engine, lo stesso presente sulle sorelle maggiori Panasonic. Grazie alla sinergia che si viene a creare tra il processore e il sensore Panasonic Lumix DMC-LX15 è in grado di registrare video in formato 4K Ultra HD fino a 30fps e foto ben definite anche con alti ISO.

Troviamo inoltre le famose funzioni che ci sono nella serie mirrorless GH come la possibilità di scegliere un fotogramma del video ed estrarlo in 4K o la funzione post focus che permette di scegliere il punto di messa a fuoco dopo aver scattato la foto. L’ottica che troviamo su questo modello, Leica DV-VARIO-SUMMILUX F/1.4-2.8, è tra le migliori in assoluto che si possono trovare su una fotocamera compatta, ideale per i video grazie alla sua luminosità e qualità. Lo zoom Ottico su questa lente è un 3x + Extra Optical Zoom 4.2x e Intelligent Zoom 6x, che permette di coprire una distanza focale equivalente di 24-72mm, pratica per la maggior parte delle situazioni. Tutte queste caratteristiche, il display touch totalmente orientabile e il chip Wi Fi/NFC rendono questo prodotto davvero interessante sopratutto se paragonato al suo prezzo. Siamo parlando infatti di un prodotto ideale per registrare i video anche a mano libera non solo per il diaframma luminoso e l’ottima resistenza agli ISO, ma anche per il suo stabilizzatore ottico OIS a 5 assi.

La Panasonic Lumix DMC-LX15 è una delle migliori compatte 4K, vista anche la grande apertura della lente. Per questo motivo l’abbiamo inserita all’interno della nostra guida “fotocamera compatta 4K”. Per informazioni più dettagliate vi rimandiamo alla nostra recensione di Panasonic Lumix DMC-LX15.

Puoi acquistare Panasonic Lumix DMC-LX15 su Amazon su eBay o su ePrice

Panasonic Lumix DC-TZ200

Panasonic Lumix DC-TZ200 è l’ultima fotocamera compatta superzoom presentata dall’azienda e va a sostituire la TZ100 che per molto tempo è stata presente nella nostra guida dedicata alla migliore fotocamera compatta 4K. Il concetto rimane lo stesso del modello precedente: una compatta perfetta per chi viaggia e vuole scattare ottime foto e registrare fantastici filmati. Il sensore è un MOS da 1″ con 20 megapixel che assicura ottime prestazioni, mentre l’obiettivo è un Leica DC VARIO-ELMAR con zoom ottico 15x. Grazie a questa lente, che dispone di un apertura massima del diaframma pari a f/3.3-6.4, è possibile registrare ottimi video in qualsiasi situazione. La risoluzione massima per quanto riguarda i filmati è 4K 30p.

Inoltre su questa TZ200 non mancano le funzioni proprietarie di Panasonic. È presente il 4K Photo, il quale permette di registrare un video in 4K e successivamente estrapolarne una foto in alta definizione; e il post focus, una funzione che permette di scegliere il punto di messa a fuoco dopo che la foto è stata scattata. La Lumix TZ200 è inoltre dotata di display LCD TFT da 3″ con 1.240.000 pixel touchscreen e di un mirino elettronico LVF con 2.330.000 pixel. Infine non mancano WiFi e Bluetooth 4.2 per la connessione con smartphone e tablet.

Puoi acquistare Panasonic Lumix DC-TZ200 su Amazon o se preferisci su eBay

Sony RX100 Mark V

Se quello che cercate è la migliore fotocamera compatta 4K in assoluto e non volete badare a spese, allora la scelta non può che ricadere su Sony RX100 Mark V. Evoluzione della Sony RX100 Mark IV, che già poteva vantare di caratteristiche davvero attraenti. La nuova Mark V integra un sensore Exmor RS CMOS da 20 megapixel, un sistema di autofocus a rilevamento di fase da 315 punti che fa mangiare la polvere anche ad alcune reflex o mirrorless di alto livello. Il processore BIONZ X già collaudato sulle migliori mirrorless Sony permette di garantire una raffica da 24 fps per un totale di 150 scatti continuativi.

Questa scheda tecnica eccezionale deve sfruttare una lente in grado di creare la combinazione giusta per la migliore fotocamera compatta 4K e infatti Sony RX100 Mark V può contare sull’ottica integrata Zeiss Vario-Sonnar T* 24-70mm F/1.8-2.8, luminosissima e in grado di garantire un morbido bokeh e grande qualità delle immagini. Passando alla parte video Sony fa da maestra come sempre nel settore delle compatte, questo modello registra video in 4K sfruttando l’Hybrid AF per garantire ottime prestazioni ed una velocità unica, troviamo anche l’opzione S-Log2/S-Gamut per avere un controllo maggiore sulla gamma dinamica e ottenere video professionali. I video in 4K sono ottenuti sfruttando un oversampling pari a 1.3x passando da 5028 x 2828 a 4096 x 2160 per offrire una risoluzione ancora più eccezionale. Inoltre troviamo come feature d’eccezione la possibilità di registrare video in slow-motion fino a 960fps, per una qualità davvero professionale. Come se non bastasse Sony RX100 Mark V dispone di un otturatore elettronico con un sistema anti distorsione in grado di arrivare a 1/32000 e un fantastico mirino EVF XGA OLED Tru-Finder da 2.35 milioni di punti. Per completare l’esperienza utente troviamo il WiFi e la tecnologia NFC per il controllo remoto tramite smartphone e l’utilizzo di PlayMemories di Sony.

Sony RX100 Mark V è una compatta 4K professionale veste le sue caratteristiche da vera PRO in un corpo ultra portatile e compatto. Per ulteriori informazioni riguardo questa compatta professionale vi rimandiamo alla nostra recensione di Sony RX100 Mark V.

Puoi acquistare Sony RX100 Mark V su Amazon o se preferisci su eBay

Sony RX100 VI

Nella nostra guida all’acquisto dedicata alla migliore fotocamera compatta 4K non poteva mancare la nuova Sony RX100 VI. Si tratta dell’evoluzione del modello citato sopra, ma non va a sostituirlo completamente. Quest’ultima versione monta un sensore CMOS Exmor RS da 1″ con 20,1 megapixel affiancato all’ottimo processore d’immagine BIONZ X. La raffica di scatti resta invariata, 24 foto al secondo per un totale di 150 scatti, mentre cambia l’obiettivo. Questa nuova RX100 VI monta una lente Zeiss 24-200mm f/2.8-4.5, vale a dire uno zoom molto più ampio rispetto alla quinta generazione ma a discapito dell’apertura massima del diaframma.

I punti di messa a fuoco di questa piccola Sony sono ben 315 e la velocità dell’autofocus è di 0,03 secondi. È presente un display LCD TFT da 3″ touch che può essere inclinato di 180° gradi per registrare vlog o scattare selfie. Non manca il fantastico mirino OLED a scomparsa che permette di realizzare inquadrature migliori quando la luce del sole diretta non permette una buona visibilità sullo schermo. Per quanto riguarda il reparto video la Sony RX100 VI è in grado di registrare filmati in 4K 30p e supporta l’HDR. Grazie a quest’ultima funzione è possibile registrare video con una grande gamma di colori e luminosità. Infine sono presenti WiFiNFCBluetooth 4.1 per la condivisione dei file e il controllo da remoto della fotocamera.

La Sony RX100 VI offre prestazioni molto simile alla precedente versione, ma integra una lente superzoom che può tornare utile a molti utenti.

Puoi acquistare Sony RX100 VI su Amazon o se preferisci su eBay

Sony RX100 VI
Prezzo consigliato: € 1300Prezzo: € 1099

La nostra analisi

Perché fidarti di noi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarli, analizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

Io sono Carlo e su Ridble mi occupo delle fotocamere compatte. Nel corso degli anni, tramite esperienze lavorative e non, ho imparato a conoscere al meglio questo settore, studiando e provando tantissimi prodotti. La mia passione e il mio lavoro mi hanno permesso di accumulare e analizzare tantissimi modelli di fotocamere compatte, arrivando a diventare lo Specialist che si occupa di questa categoria; la dedizione a questa particolare tipologia di fotocamera mi ha addirittura spinto ad utilizzare per tutti i miei scatti una fotocamera compatta professionale, ormai sempre al mio collo. Ogni giorno studio e mi aggiorno per arricchire la mia conoscenza in merito a questa categoria di macchine fotografiche, conoscenza che ogni mese utilizzo per aggiornare al meglio le guide all’acquisto di mia competenza.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

Le fotocamere compatte che selezioniamo e inseriamo nelle guide all’acquisto sono selezionate attraverso il metodo Ridble, cioè un metodo che è stato sviluppato e perfezionato nel corso degli anni. Si tratta di un modus operandi che si compone di 4 fasi:

Veniamo a conoscenza delle nuove fotocamere compatte attraverso comunicati stampa, inviti ad eventi e molto altro. Non appena uno specifico modello che fa parte di questa categoria viene ufficializzato inizia il nostro interesse. I rumors, le indiscrezioni e le “voci di corridoio” non rientrano nel metodo Ridble.

Non tutte le compatte vengono però prese in considerazione per essere inserite nella nostra guida all’acquisto dedicata alla miglior fotocamera compatta 4K. Ogni fotocamera deve infatti avere un requisito fondamentale: l’eleggibilità. Questo vuol dire che solo le macchine fotografiche compatte realmente acquistabili in Italia (online o offline) sono considerate eleggibili per essere inserite nelle guide all’acquisto.

La terza fase che fa parte del metodo Ridble è la prova. Cerchiamo di testare il maggior numero di fotocamere compatte presenti sul mercato, in modo da poter dare un giudizio generale sui punti di forza e le debolezze di ogni prodotto. Grazie a questa fase riusciamo a capire quali sono le esigenze di acquisto che ogni compatta riesce a soddisfare.

L’ultima fase riguarda la selezione dei prodotti da inserire all’interno delle guide all’acquisto. Ripetiamo questa fase ogni mese durante gli aggiornamenti delle nostre guide all’acquisto, quindi ogni mese mettiamo in discussione le fotocamere precedentemente selezionate e decidiamo se aggiungere, rimuovere o sostituire i vari prodotti in base alle prove che nel frattempo abbiamo effettuato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina come lavoriamo.

Test tecnici

Per selezionare i prodotti di questa guida “fotocamera compatta 4K” ho effettuato dei test, in modo da capire se ogni prodotto rispecchiava determinate caratteristiche fondamentali per questa tipologia di macchine fotografiche.

Il primo test riguarda il sensore, il cuore di ogni macchina fotografica e colui che consente ad ogni fotocamera compatta 4K di raggiungere queste prestazioni. Ogni modello monta un sensore che può variare per quanto riguarda la grandezza, ma su tutti effettuo i medesimi test. Registro video alla massima qualità, quindi 4K Ultra HD, in modo da capire come si comporta ogni fotocamera alla massima risoluzione. I parametri che tengo in considerazione sono colori, nitidezza, gamma dinamiche e rumore digitale ad alti ISO. Quest’ultimo aspetto è molto importante quando si devono registrare video, perché determina la grana (o rumore digitale) presente nelle immagini. Arrivando ad utilizzare valori molto alti si potrebbe perdere qualità e nitidezza. Effettuando test a varie sensibilità ISO posso valutare fin dove è possibile spingersi prima di ritrovarsi con immagini inutilizzabili.

La seconda prova la effettuo sul diaframma, cioè lo strumento che determina la luce che arriva al sensore. Un’apertura molto ampia permette quindi di registrare video in situazioni di bassa illuminazione, e inoltre permette di ricreare lo sfondo sfocato quanto si inquadra un soggetto. Per testare questi due fattori realizzo qualche video in scene con una luce bassa e inquadro dei soggetti per poter valutare la qualità dello sfocato (o effetto bokeh) che si crea sullo sfondo. L’effetto cambia per ogni modello, in quanto il numero di lamelle che compongono il diaframma causa effetti più o meno marcati.

In seguito passo all’autofocus, cercando di metterlo in difficoltà. Quello che faccio è cambiare punto di fuoco per capire la velocità e la precisione del sistema e soprattutto, molto importante nei video, la fluidità della messa a fuoco da un punto all’altro. Nel caso in cui è presente il riconoscimento del volto realizzo qualche ripresa con soggetti statici e non, così da capire quanto è affidabile questa funzione. A volte il riconoscimento del volto può funzionare bene solo se il soggetto guarda in camera o non ha la testa completamente girata. Effettuo qualche ripresa anche con più soggetti, così da capire come si comporta l’autofocus quando rileva più volti.

Il quarto parametro che vado a provare è lo zoom. Questa tipologie di macchine fotografiche non permettono di cambiare obiettivo, quindi è importante che lo zoom a disposizione sia di buona qualità e copra una distanza accettabile. Per provare lo zoom registro dei video con soggetti vicini e lontani. Lo zoom di una fotocamera compatta 4K deve essere fluido e non troppo veloce, in modo da poter realizzare riprese delicate e prive di movimenti bruschi. I fattori che valuto di più riguardano il grandangolo e il tele/super-tele. In grandangolo valuto la presenza di vignettatura e distorsione troppo accentuata, si tratta di due problematiche che potrebbero compromettere le riprese. Utilizzando lo zoom ottico alla massima estensione valuto invece la qualità delle immagini, in quanto spesso la nitidezza tende ad abbassarsi se si utilizza una focale molto spinta.

L’ultimo test riguarda invece il display orientabile, se presente. La qualità del display deve essere molto alta, in modo da permettermi di avere tutto sotto controllo quando registro i video prova. Valuto la qualità generale, i colori e gli eventuali riflessi che si creano in posti con molta luce. Se è presente il touch screen lo metto alla prova: solitamente quando questa caratteristica è presente è possibile cambiare il punto di messa a fuoco toccando sul punto che si vuole mettere a fuoco. Infine valuto la comodità dell’orientamento di ogni tipologia di display. Per farlo realizzo delle riprese da posizioni poco comode, come ad esempio dall’alto o dal basso, e se il display lo permette registro qualche vlog in modo da pormi riprendere in autonomia.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Carlo Carlino tramite i commenti.