Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Fitness tracker economici: le migliori soluzioni per restare in forma

Fitness tracker economici: le migliori soluzioni per restare in forma

di Giovanni Mattei
Specialist Fitness tracker
aggiornato il 23 aprile 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida
2 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Fitness tracker economici è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Aprile 2019.

In questo articolo ci tuffiamo alla ricerca dei migliori fitness tracker economici. L’obiettivo è offrivi una panoramica completa dei diversi prodotti presenti sul mercato in modo da aiutarvi nella scelta del dispositivo più adatto alle vostre esigenze.

Fitness tracker economici: quale comprare

All’interno di questa guida sui migliori fitness tracker economici, andremo a vedere quali sono le soluzioni più adatte al tracking dell’attività fisica punto come obbiettivo quello di non sforare il confine dei 100€. Questa soglia  non è stata scelta a caso: molto spesso, oltre questa fascia di prezzo iniziano ad essere proposte soluzioni indirizzate ad utilizzi un po’ più specifici, come la corsa, il nuoto, la bicicletta e via discorrendo. La soglia dei 100€ ci serve anche per dimostrare come la comparazione economico = scadente non è sempre valida, ed infatti i prodotti presenti in questa guida sono famosi per la loro qualità.

Alcuni fitness tracker qui presenti hanno venduto più di altri – difficile non citare la Mi Band 3 di Xiaomi -, ma sono tutti accumunati da un ottimo rapporto qualità/prezzo. La maggior parte dei prodotti che vi consigliamo di acquistare sono sono provvisti del sensore HR per il battito cardiaco, mentre altre come la Fitbit Flex 2 sfoggiano tecnologie in grado di tracciare automaticamente il tipo di attività fisica svolta.

Come sempre iniziamo a prendere in considerazione il modello più economico arrivando pian piano a quello più costoso; tutti, indipendentemente dal prezzo, vi permettono di tracciare la vostra attività fisica senza alcun tipo di problema, potendo anche contare su applicazioni companion di alta qualità.

Xiaomi Mi Band 3

Non potevamo non aprire la nostra guida sui migliori fitness tracker economici senza la Xiaomi Mi Band 3, la regina incontrastata di questa fascia di prezzo. La strategia di Xiaomi per questa nuova generazione di smartband è sempre la stessa: offrire un prodotto con il miglior rapporto qualità/prezzo stuzzicando l’interesse degli utenti puntando su un design rinnovato e migliorato.

La Mi Band 3 è indirizzata anche per chi è uno sportivo casuale, ovvero non totalmente proiettato allo sport agonistico. Come abbiamo visto all’interno della nostra recensione Xiaomi Mi Band 3, uno dei punti di forza della Mi Band 3 è sicuramente l’ottima autonomia così come il tracciamento del battito cardiaco. Trattandosi di uno fra i migliori fitness tracker economici, non potevamo sicuramene trovare un pannello di grandi dimensioni.

Il piccolo display OLED da 0,78″ mostra informazioni circa l’attività fisica svolta così come le notifiche in arrivo dal proprio smartphone. L’unica pecca della Mi Band 3 è proprio il display; infatti, come la precedente generazioni, in alcune condizioni è difficile leggere le informazioni a schermo, soprattutto quando posti direttamente sotto la luce del sole.

Non è poi un grandissimo problema, soprattutto quando si considera il prezzo di listino.

Puoi acquistare Xiaomi Mi Band 3 su Amazon o se preferisci su eBay

Nokia Go

Nella nostra guida sui migliori fitness tracker economici ritroviamo Nokia. I nuovi sforzi della compagnia non sono solo focalizzati sugli smartphone, ma anche nel campo dei wearable dopo aver acquisito Withings (adesso rivenduta nuovamente alla compagnia statunitense), azienda specializzata nello sviluppo di “smartwatch ibridi“. Il Nokia Go è una smartband decisamente particolare. Perché?

Lo si nota subito guardando il prodotto: invece di un display OLED o LCD, il Nokia Go presenta un display E-Ink. Quali sono i vantaggi nell’utilizzare un panello con questa tecnologia? Sicuramente registriamo un consumo della batteria davvero esiguo, ma anche la possibilità di sfruttare la smartband in pieno giorno, sotto il sole, dove invece alcune smartband presentano qualche piccola esitazione – vedi la Xiaomi Mi Band 3. Ma non è tutto rose e fiori: il display E-Ink risulta quasi completamente illeggibile in condizioni di scarsa luminosità.

Alla luce di tutto ciò potremmo dire che Nokia Go è uno dei migliori fitness tracker economici per chi fa sport all’aperto, o comunque in ambienti ben illuminati. La smartband è in grado di tracciare i classici elementi come distanza percorsa, passi, calorie bruciate e quant’altro ed offre anche impermeabilità fino a 5 ATM.

Puoi acquistare Nokia Go su eBay.

Nokia Go
Prezzo: € 55

Honor Band 3

Nonostante si possa pensare che Xiaomi sia l’unica compagnia orientale ad essere apprezzata anche nel campo dei wearable, Honor con la sua Honor Band 3 rappresenta un ottimo compromesso grazie alle buone qualità della sua ultima smartband. Come per il resto dei fitness tracker economici, anche qui troviamo il solito buon rapporto qualità/prezzo, questa volta incentrato sull’aspetto estetico, lasciato un po’ da parte nella precedente generazione di smartband. Frontalmente troviamo un display con tecnologia P-MOLED che dovrebbe garantire delle ottime prestazioni anche nell’utilizzo all’aperto, sotto la luce del sole.

Honor Band 3 integra un sensore HR per il battito cardiaco che si muove a braccetto con gli altri sensori pensati per il tracciamento dell’attività fisica – passi, distanza percorsa, calorie bruciate, qualità del sonno – anche in piscina. Grazie alla sua impermeabilità fino a 5 ATM, la Honor Band 3 è indicata anche per chi ama allenarsi in piscina. Proprio come la Mi Band 3 o il TomTom Touch, anche Honor Band 3 integra un piccolo tasto soft touch pensato per passare rapidamente da una schermata all’altra, un piccolo vantaggio che ci ha convinti ad inserirla fra i migliori fitness tracker economici.

Puoi acquistare Honor Band 3 su Amazon o se preferisci su eBay

Honor Band 3
Prezzo consigliato: € 16.97Prezzo: € 15.99

Fitbit Flex 2

Se siete alla ricerca del migliori fitness tracker economici di Fitbit, allora il Fitbit Flex 2 è quello che fa per voi. Si tratta dell’ultimo fitness tracker economici che vi consigliamo di prendere in considerazione se volete un prodotto per monitorare i vostri allenamenti senza spendere troppo. Sebbene superi la soglia dei 50€, il prezzo iniziale di listino è andato incontro a forti cali di prezzo, rendendo così questo fitness tracker ancora più interessante. Come abbiamo visto all’interno della nostra recensione su Fitbit Flex 2, si tratta della smartband che il colosso americano ha portato ad IFA 2016.

Rispetto alla generazione precedente, adesso abbiamo un prodotto più ergonomico, più sottile, leggero e ottimizzato anche per chi ama tracciare i propri allenamenti in piscina. Rispetto alle soluzioni viste poco più su, il Flex 2 è l’unico a non avere un display vero e proprio, ma non è un problema visto che dispone di una delle migliori applicazioni mobile sul mercato. Il piccolo corpo è munito di una serie di LED RGB che cambiano in base al tipo di informazione che ci vuole comunicare.

Il Fitbit Flex 2 non dispone di display e di sensore HR per il battito cardiaco, il tutto a favore dell’autonomia che in questo modo riesce a garantire quasi una settimana intera di autonomia. È vero, ci sono dei piccoli compromessi da valutare, ma vi possiamo garantire che si tratta di una fra i migliori fitness tracker economici in circolazione.

Puoi acquistare Fitbit Flex 2 su Amazon o se preferisci su eBay

Perché fidarti di noi?

Come specialist delle smartband e dei wearable in generale, il mio compito è quello di testare dozzine di prodotti al fine di selezionarne solo i migliori. È un tipo di lavoro che mi permette di entrare in contatto diretto con le più importanti realtà presenti in questo settore, anche grazie alla nostra costante presenza nelle fiere internazionali dove abbiamo l’occasione di provare con mano prodotti in anteprima, non ancora lanciati sul mercato, e di scambiare qualche parola con i team impegnati nella creazione di smartband e smartwatch.

Questo workflow, di cui trovare una spiegazione estremamente esaustiva nella pagina “come lavoriamo” linkata ad inizio guida, è una “ricetta” di Ridble pensata proprio per incrementare la mia conoscenza sul settore e per seguire da vicino il ciclo di vita di un dispositivo che ha attirato la nostra attenzione. Come potete notare, nelle nostre guide sono presenti i “migliori” prodotti, al plurale, proprio perché non esiste per definizione un migliore in assoluto, ma piuttosto device che si manifestano come perfetti per un particolare tipo di utenti – come nel caso di questa guida all’acquisto.

Anche se questa ricetta è funzionante al 100%, esistono dei limiti fisici che non mi permettono di provare istantaneamente tutti i prodotti presenti sul mercato. Nonostante questo, il mio compito è quello di aggiornare costantemente le guide all’acquisto selezionando le migliori realtà di questo settore che nel corso dei mesi ho l’opportunità di testare e poi eventualmente inserire nelle guide. Il nostro obbiettivo resta sempre quello di offrire la nostra conoscenza per selezionare – in maniera completamente disinteressata – solo i dispositivi che superano i nostri test.

Test tecnici

Durante i nostri test che ci hanno visti andare alla ricerca dei migliori fitness tracker economici, ci siamo posti diverse domande al fine di riuscire ad individuare prodotti realmente validi. Sappiamo infatti che le smartband non hanno un prezzo così alto già di partenza, anche se esistono prodotti che superano senza problema i 150€. In questo caso, però, ci siamo nei panni dell’utente comune che si affaccia per la prima volta a questo settore e non sa quale prodotto scegliere.

Soffermarsi solo sul prezzo non è una mossa saggia. Molto spesso “economico” vuol dire di scarsa qualità – con le dovute eccezioni, sia chiaro – e per tanto i nostri test sono andati prima di tutto a valutare il design e la costruzione dei fitness tracker economici. Che senso ha spendere pochi soldi, magari meno di 50€, se poi la smartband presenza una costruzione di seconda categoria inclina a non resistere a qualche mese di utilizzo?

Questa domanda ci ha portati a scartare un cospicuo numero di fitness tracker economici che non offrivano certezze da questo punto di vista. Spendere poco per poi investire male i propri risparmi non ha senso, quindi abbiamo deciso di selezionare dispositivi con una costruzione in grado di offrire importanti sicurezze. Un esempio è la Mi Band 3 di Xiaomi che, nonostante il prezzo estremamente basso, è il punto di riferimento per quanto riguarda una costruzione valida e sicura.

Il test di resistenza dei materiali cerca di mimare in tutto e per tutto l’utilizzo quotidiano del wearable, dal semplice conteggio dei passi, calorie e ricezione delle notifiche, fino al tracking vero e proprio dell’attività fisica. Un altro elemento da noi testato è il sensore HR per il battito cardiaco. Ormai tutti i fitness tracker economici ne montano uno, ma questo non significa che sia accurato ed effettivamente informativo.

Da questo punto di vista il nostro “dispositivo di controllo” è sempre il Fitbit Charge 3, ad oggi uno dei migliori fitness tracker al mondo e munito di un sensore HR estremamente preciso e valido. Per testare il grado di validità dei sensori presenti sui fitness tracker economici, abbiamo messo a confronto i dati rilevati da ogni fitness tracker in test contro quelli rilevati dal Charge 3. Come? Semplicemente indossandoli entrambi e andando a comparare i dati in nostro possesso.

Infine l’autonomia. Di per sé una smartband non dovrebbe dipendere dalla presa di corrente come uno dei comuni smartwatch in circolazione, ma ci sono comunque delle situazioni in cui ci si avvicina parecchio. I nostri test di utilizzo quotidiano sono andati a misurare e confrontare i dati in nostro possesso contro quelli dichiarati dalle aziende produttrici. In sostanza non ci siamo preoccupati di inserire in questa guida soluzioni la cui autonomia fosse inferiore ai 3 giorni di utilizzo continuativo.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Giovanni Mattei tramite i commenti.