Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

App Store, il punto di forza: cos'è e come funziona il servizio

di Claudio Carelliaggiornato il 23 maggio 2018

Uno dei motivi principali per cui un utente sceglie di acquistare un dispositivo iOS, sia esso un iPhone, un iPad o un iPod Touch, è senza dubbio la vasta gamma di applicazioni disponibili al download/acquisto tramite App Store. Per chi non lo sapesse, App Store è il portale che Apple utilizza per racchiudere i prodotti offerti dagli sviluppatori di tutto il mondo.

Il perché di tale successo è dovuto al lavoro che l’ex-CEO e co-fondatore di Apple, Steve Jobs, ha dedicato al progetto, il quale ha visto luce nel 2008 dando una decisa scossa alla concezione mondiale di fruibilità di applicativi. Il servizio negli anni si è evoluto fino ad accogliere più di 1.200.000 App e generando più di 75 miliardi di download, cifre senza dubbio uniche in tutto il settore dei dispositivi elettronici di consumo.

Ma entriamo nello specifico per colmare le lacune di tutti gli utenti alle prime armi, cercando di fare chiarezza su cos’è, come è strutturato, e soprattutto come si utilizza.

Cos’è App Store

App Store è un portale ideato da Apple dal quale tutti gli utenti possessori di un dispositivo iOS possono effettuare il download o acquistare applicazioni realizzate dagli sviluppatori di tutto il mondo. Questi, utilizzando un SDK messo a disposizione dall’azienda californiana, propongono i propri prodotti rendendoli disponibili in varie forme di compatibilità a tutti gli utenti Apple.

Su iOS l’App Store appare sotto forma di App, disponibile ovviamente già dal primo avvio di ogni dispositivo; ma non solo. Lo store di applicazioni made in Cupertino è raggiungibile anche tramite iTunes, tramite l’apposita voce presente nel menu a tendina. Da qui sarà possibile effettuare il download di qualsiasi App e il trasferimento delle stesse sui propri dispositivi.

Per utilizzare App Store è necessario un ID Apple, account pensato dall’azienda per operare all’interno dei suoi servizi. Questo, una volta creato, servirà ad effettuare il login ogni volta che acquistate una nuova App (e non solo). Se avete difficoltà nel crearne uno o volete saperne di più in merito date un’occhiata alla nostra guida su come creare un account ID Apple.

Come funziona App Store

La struttura di App Store è davvero molto semplice da utilizzare. Nell’App per iOS questa è organizzata principalmente in 5 menu, ovvero “Primo piano”, “Categorie”, “Classifiche”, “Cerca” e “Aggiornamenti”. Ognuno di questi svolge una apposita funzione, permettendo all’utente di navigare nel vasto quantitativo di applicazioni con praticità estrema.

Primo piano

Il contenuto del menu “In primo piano” è fondamentalmente la raccolta che Apple decide di mettere in rilievo rispetto a tutto il resto. Qui vi saranno varie collezioni di App in continuo aggiornamento e vari elenchi pensati a mettere in risalto la vasta gamma di applicazioni presenti sullo Store. Ogni elemento visualizzato potrà essere cliccato e rimanderà a pagine dedicate (nel caso di collezioni o simili), o alle pagine specifiche per singola App.

Attraverso la barra superiore, inoltre, potranno essere selezionati dei filtri tramite i quali i contenuti verranno visualizzati con la stessa disposizione ma in base ad alcuni criteri. Se cercate ad esempio alcune App in rilievo nel settore dell’istruzione basterà selezionare il tasto relativo, ovvero “Istruzione”, e consultare tutti i prodotti In primo piano per la specifica categoria.

Categorie

Il menu “Categorie racchiude al suo interno una funzione pensata da Apple per mostrare all’utente le applicazioni più popolari in riferimento alla categoria di appartenenza. La schermata viene suddivisa in due sezioni: la prima etichettata come “Popolari” racchiude le app più scaricate in base ai volumi di download. Tappando su una delle tre categorie ogni utente ha la chiara visione di quali sono le app più interessanti per quanto riguarda “Giochi”, “Foto e video” e tanto altro.

La sezione successiva presenta invece una banale lista di categorie; anche qui vale il discorso di prima: basta semplicemente tappare su una di esse per scoprire le app più scaricate.

Classifiche

Il menu “Classifiche” è pensato invece per chi vuole rimanere aggiornato in tempo reale con tutte le App più scaricate del momento. In questo troviamo tre sezioni, ovvero “A pagamento”,  “Gratis”, e “Top redditizie”. Nella prima citata verrà visualizzata la classifica completa di tutte le App a pagamento più acquistate e scaricate del momento, nella seconda invece quelle completamente gratuite e, infine, nella terza invece le più redditizie .

Per la categoria “top redditizie” è ovvio precisare che al suo interno potrete trovare app gratuite. Ma come può generare un’applicazione gratuita dei guadagni? Semplice, tramite l’acquisto di bonus in-app, ovvero di contenuti esclusivi sbloccabili tramite il pagamento di una certa somma utilizzando direttamente un menu apposito contenuto nell’applicazione.

Ogni classifica è solitamente composta da un elenco di 40 App, ma questo può essere esteso qualora vogliate visualizzare le restanti applicazioni classificate scegliendo l’opzione “Elenco completo”.

Cerca

Il menu “Cerca invece racchiude in sintesi il punto vincente di tutti i moderni store di applicazioni. Qui troverete qualsiasi con ampi volumi di ricerca. Se volete avere uno spaccato di quello che gli altri utenti stanno cercando nel breve periodo, la schermata cerca può esservi di aiuto.

In più, volendo, tramite il box di ricerca, avete la possibilità di inserire il nome esatto dell’applicazione oppure una categoria di riferimento.

Aggiornamenti

Il menu “Aggiornamenti” invece è fondamentale per aggiornare tutte le proprie App qualora gli sviluppatori rilascino una versione contenente novità e migliorie. Essi vengono notificati anche tramite badge sull’icona della App in home, ma per eseguire gli aggiornamenti sarà necessario comunque accedere alla suddetta sezione.

Qui verrà visualizzato l’elenco completo di tutte le applicazioni installate sul dispositivo per le quali è disponibile un update e tutti i dettagli che contiene la nuova versione. Per aggiornarle singolarmente basta utilizzare il tasto “Aggiorna” posto in corrispondenza di ogni App, mentre per aggiornarle tutte in un solo tocco è necessario selezionare l’opzione “Aggiorna tutto“.

La voce “Acquistate” serve invece a controllare la lista di tutte le applicazioni (gratuite e non) scaricate con l’Apple ID attualmente in utilizzo.

App gratis e a pagamento

All’interno dell’App Store sono presenti due tipologie di prodotti: app gratuite e app a pagamento. Alcune di queste sono infatti sviluppate da software house che scelgono di dare un servizio interessante sul quale avere un ricavo economico. I prezzi di queste sono ovviamente indicati nella pagina dedicata di ogni applicazione e possono aggirarsi da un minimo di 0,99€ fino a cifre anche ben più esorbitanti, quali 200€ o 300€.

La differenza fra le due tipologie di App è praticamente nulla. Solo perché un prodotto ha un costo non è detto che sia necessariamente migliore rispetto ad uno gratuito. Il prezzo viene deciso dal team di sviluppatori che deposita il proprio software su App Store, e spesso è collegato ai servizi pubblicitari che l’azienda utilizza. In alcuni casi però anche le gratuite possono avere un costo extra per gli utenti che richiedono funzioni “plus-ultra”. Gli sviluppatori possono scegliere di introdurre acquisti in-app per sbloccare funzioni particolari a pagamento, ovviamente solo se l’utente lo desidera. Se non lo avete ancora fatto, vi consigliamo da dare un’occhiata ai nostri approfondimenti su le migliori applicazioni per iPhone e iPad e i migliori giochi per iPhone e iPad

Come si acquista e scarica una App

Acquistare una App è davvero molto semplice. Prima di tutto è necessario un Apple ID, ovvero un account Apple al quale viene solitamente associata una carta di credito per procedere al pagamento di titoli non gratuiti.

A questo punto basterà sceglierne una sullo store, gratuita o non, tappare sul tasto contenente il prezzo, e poi su “Installa“. Sfruttando una connessione ad internet, ed eseguendo il login tramite username e password del vostro Apple ID, il dispositivo Apple o il computer in vostro possesso eseguirà lo scaricamento e la successiva installazione del prodotto (se acquistate App tramite iTunes sarà necessario sincronizzare il computer al dispositivo per eseguire l’installazione).

Pacchetti di app

Non si tratta assolutamente di nulla di complicato da capire: App Store dispone di veri e propri pacchetti di app. Che cosa sono? Semplicemente più app appartenenti alla stessa categoria o impiegabili per eseguire una principale funzione vendute in stock, ovvero in pacchetti – appunto – che con un solo acquisto consentono il download di più prodotti.

Questi offrono ovviamente un grande vantaggio, ovvero il risparmio. Sì, perché acquistando più app a pacchetto si va a risparmiare parte della cifra che avremmo speso acquistando i prodotti magari singolarmente nel tempo. Se siete amanti dei prodotti digitali quindi fateci un pensierino; magari potete risparmiare qualcosa.

Vi capiterà di trovare le sezioni dedicate ai pacchetti di app e giochi navigando sullo store. Abbiamo realizzato un approfondimento a riguardo, non lasciatevelo scappare se volete sapere di più a riguardo.

In famiglia

Numerose possibilità per l’acquisto di applicazioni su App Store sono fornite dalle funzionalità basate su iCloud denominate “In famiglia“. Queste, giunte disponibili con l’arrivo di iOS 8, consistono di fatto di creare un vero e proprio nucleo familiare di account dove ogni utente dispone di un Apple ID, ma tutti gli acquisti di ognuno vengono offerti a tutti gli appartenenti al nucleo.

Sì, avete capito bene. Se a casa vostra ad esempio 3 o 4 persone dispongono di un account Apple, con In famiglia sarà possibile accingere ai contenuti di ognuno. Il tutto si imposta semplicemente tramite iCloud, andando ad invitare i membri potenziali del proprio nucleo. Quando questi accettano, il gioco è fatto!

Interessante è la possibilità oltretutto di distinguere account diversi: i genitori hanno più poteri dei figli. Cosa significa? Che ad esempio se i vostri figli più piccoli dispongono di iPad e iPhone e volete mettergli a disposizione un gioco, questi potranno direttamente chiedere l’autorizzazione a voi (se siete genitori, ovviamente) per l’utilizzo della carta di credito associata al vostro account. Semplice, immediato, pratico per restare in famiglia anche con gli acquisti.

App su Mac

Con la versione Lion di OS X Apple ha introdotto l’utilizzo delle App anche su computer Mac. Queste sono raccolte all’interno del Mac App Store, servizio che in modo analogo ad App Store rende disponibili i prodotti realizzati dagli sviluppatori agli utenti possessori di elaboratori made in Cupertino.

Se volete approfondire l’argomento potete consultare la nostra guida dedicata su come usare Mac App Store. Naturalmente, anche in questo caso abbiamo preparato una raccolta delle migliori app per Mac.

Prima di salutarvi vi ricordiamo che questo articolo faceva parte dello Starter Kit, la collana di guide ed approfondimenti rivolte a tutti gli utenti alle prime armi con il mondo Android o che vogliono imparare ad utilizzarlo al massimo.