Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Come assemblare un PC: quello da sapere prima di iniziare

Come assemblare un PC: quello da sapere prima di iniziare

di Claudio Carelli
Specialist Assemblare PC
aggiornato il 17 maggio 2018
6687 utenti hanno trovato utile questa guida
6687 utenti hanno trovato utile questa guida
N.B. La guida Come assemblare un pc è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Luglio 2019.

Questa guida vi insegnerà le basi su come assemblare un PC, un’attività che può sembrare a prima vista qualcosa di troppo complicato ed impegnativo, ma che con un po’ di tempo e attenzione dedicati vi dimostreremo che è molto più facile di quanto pensate. Qui troverete come funzionano i componenti fondamentali del PC e quali criteri utilizzare per sceglierli al meglio. Dopodiché, nel corso delle nostre guide all’acquisto dedicate, vi seguiremo passo passo alla loro installazione ed al primo avvio della vostra personale creazione, un PC scolpito secondo le vostre esigenze.

Ma facciamo un passo indietro, perché assemblare un PC? C’è una proposta così ampia di computer pronti all’uso, perché spendere tempo e risorse per assemblarselo da sé? I cosiddetti preassemblati sono spesso accompagnati da un costo eccessivo e componentistica non proprio delle migliori. Il motivo è che sono rivolti ad un tipo di utenza che sa poco o niente di cosa c’è all’interno di un computer, potendo far leva su caratteristiche marginali. Troviamo per esempio i più comuni e vociferati “la scheda video da 2 GB” oppure “ha 8 GB di RAM”, numeri che effettivamente ci dicono qualcosa sul PC, ma solo a grandi, grandissime linee. Quello che ci interessa capire qui è cosa ha realmente impatto sulla performance del PC e come valutare l’acquisto dei migliori componenti al prezzo giusto.

In sintesi, un PC assemblato è tipicamente di gran lunga più economico rispetto ad un computer preassemblato equivalente. Ciò non toglie che esistano dei preassemblati validi, ma che andremo comunque a pagare qualcosina in più. Inoltre saranno spesso inclusi di software inutili (i cosiddetti bloatware) che appesantiranno il sistema e potrebbero limitarci nella libertà di utilizzo della nostra macchina. L’assemblaggio di un PC è perciò l’unica soluzione per avere pieno controllo del lato hardware e software del proprio computer. Andiamo a vedere una panoramica dei componenti richiesti ed i criteri con cui scegliere i migliori sul mercato.

Come assemblare un PC: tutti i componenti necessari

I componenti necessari per far partire il PC sono otto in totale: processore, scheda madre, RAM, scheda video, storage, alimentatore, case e dissipatore CPU. Diamo ad ognuno una chiara descrizione per capire il loro ruolo all’interno del computer.

Processore

Il processore o CPU (Central Processing Unit) è l’unità di calcolo principale ed è perciò il componente più importante nella scelta di una configurazione. Questo piccolo quadratino di pochi centimetri rappresenta il cervello del computer che definirà sostanzialmente la performance del nostro PC. Le aziende che si contendono questo mercato sono i colossi Intel e AMD. Entrambi presentano un’offerta validissima di prodotti, l’importante è scegliere una CPU di ultima generazione come Intel Coffee Lake, Intel Kaby Lake e AMD Ryzen.

Scheda madre

La scheda madre o motherboard si occupa invece di interfacciare tutti i componenti fra di loro permettendo l’armonioso funzionamento del PC. Generalmente possiamo dire che non impatta in modo percettibile la performance e farà da semplice “ponte” fra i vari componenti. L’importante è scegliere una scheda madre con slot adeguati alla componentistica scelta, un compito per niente difficile visto gli standard attuali. Anche motherboard economiche avranno una bella dose di caratteristiche adatte alla maggior parte delle configurazioni, ma indubbiamente spendere di più rappresenta una scelta più solida e duratura. Attenzione alla compatibilità, dobbiamo assicurarci di affiancare una scheda madre compatibile col processore scelto. Nessuna paura, le nostre guide sapranno consigliarvi al meglio.

RAM

La RAMmemoria è un componente molto veloce che ha il compito di tenere i dati pronti all’uso per la CPU. Qualsiasi programma in esecuzione, compreso il sistema operativo, sarà caricato dal dispositivo di archiviazione alla RAM. Da qui, memoria e CPU si scambieranno frequentemente i dati relativi all’elaborazione in corso, dando vita effettivamente a tutto ciò che accade su schermo e non. Quale RAM prendere in considerazione? L’ultima generazione sono le RAM DDR4 e sono le uniche da prendere in considerazione per un PC al passo coi tempi. Le RAM si distinguono principalmente per capacità e frequenze. In sintesi, il nostro consiglio è optare per brand rinomati ed una capacità minima di 8 GB. Non preoccupatevi, sia le configurazioni Intel che AMD di ultima generazione saranno compatibili con le memorie DDR4.

Scheda video

La scheda video o GPU (Graphics Processing Unit) è un’altro componente fondamentale del PC. Come si può intuire dal nome, si occupa dell’elaborazione grafica dei dati ovvero di far vedere su schermo il risultato di quello che accade nel computer. Possiamo distinguere due tipi di GPU, andiamo a vedere cosa le caratterizza.

  • Prima di tutto la scheda video integrata che è appunto già inclusa nella CPU, ideale per un utilizzo non impegnativo del computer come la navigazione web o la visione di film. Una volta accertati che si tratta di un processore con scheda video integrata, potete usufruirne semplicemente collegando il monitor all’uscita video della scheda madre.
  • L’alternativa è la scheda video dedicata, un componente a sé stante che può essere di gran lunga superiore a quella integrata. Avrà infatti una memoria tutta sua, insieme ad una moltitudine di funzionalità esclusive dei produttori. La scheda video dedicata è un must nell’uso di software professionali e nel gaming dove i due colossi Nvidia ed AMD si scontrano da più di un decennio. In questo caso la GPU andrà installata su uno slot della scheda madre e occorrerà eventualmente collegare il cavo di alimentazione richiesto. Qualsiasi configurazione con uno slot PCIe adatto potrà accogliere una qualsiasi scheda video, nessun vincolo di compatibilità.

Storage – Hard Disk e SSD

Il computer non può funzionare se non possiamo installarci nulla sopra. I dispositivi di storage sono quindi essenziali per utilizzare il PC e poter installare tutti i software necessari. Anche qui troviamo una netta distinzione.

  • Gli hard disk o HDD utilizzano componenti meccanici per l’archiviazione dei dati. Sono la tecnologia più datata, ma possono vantare un costo decisamente minore rispetto ai veloci SSD.
  • Gli SSD (Solid State Drive) sono invece completamente elettronici e superiori da molti punti di vista agli hard disk. Risultano essere più efficienti, più resistenti agli urti, ma specialmente di gran lunga più veloci. Tutto questo ha però un costo e gli SSD risultano essere molto cari se confrontati alle capacità di archiviazione degli HDD. Ciò nonostante i benefici sono innegabili e nella maggior parte dei casi ne varrà la pena.

Alimentatore

Passiamo all’alimentatore o PSU che può essere visto come il cuore del computer. Questo blocco di metallo e cavi si occupa di fornire a tutti i componenti l’energia richiesta e di proteggerli in caso qualcosa vada storto. Non influenza in maniera diretta le prestazioni del PC, ma è fondamentale scegliere un alimentatore di qualità per garantire la longevità della propria configurazione. L’importante è optare per brand affidabili e non andare troppo sul risparmio, da equilibrare sempre con il resto dei componenti.

Case

Infine troviamo il case, una struttura solitamente in metallo e plastica che si occupa di accogliere tutta la componentistica al suo interno. Il suo principale scopo è quello di proteggere i componenti ed assicurare un flusso d’aria costante. È importante scegliere un case che abbia il giusti alloggi per i componenti da installare e che magari compiaccia anche la vista.

Dissipatore CPU

Il dissipatore per la CPU può essere un acquisto opzionale oppure necessario, in base alla sua presenza o meno nella confezione del processore. Si occupa di tenere al fresco la CPU che tenderà ad alzarsi di temperatura man mano che i workload assegnati si faranno più pesanti. Specialmente in situazioni di rendering avanzati o gaming ad alti FPS sarà fondamentale l’acquisto di un dissipatore più capace. Se invece fate un utilizzo comune del PC basterà quello incluso col processore.

Altri acquisti opzionali possono essere una soluzione per il WiFi,  il lettore DVD/Blue-Ray, una scheda audio dedicata e tanto altro. Ma questi qui sopra sono l’essenziale per il funzionamento del PC.

Quali sono le tue esigenze?

Ogni persona ha delle specifiche esigenze che necessitano di un certo prodotto, più o meno avanzato e soprattutto più o meno costoso. L’obbiettivo è quello di proporre un’ottima offerta ad ogni tipo di utenza al minor prezzo possibile. Tenendo conto che le esigenze di un padre di famiglia che vuole realizzare un computer per l’utilizzo familiare sono diverse da quelle di un videomaker di professione, è bene fare una distinzione dei profili utente che seguiremo nel corso di queste guide. Cercate di individuarvi in uno di questi quattro profili.

  • Base: l’utente del profilo Base cerca un prodotto affidabile e reattivo per un utilizzo quotidiano e poco impegnativo del computer. Queste attività possono essere la navigare su internet, gestire i propri file (musica, video, foto) e lavorare su presentazioni e fogli di testo Office. Molto importante è il raggiungimento di una fascia di prezzo finale più bassa possibile, senza però rinunciare ad un sistema veloce e gradevole da usare.
  • Professionale: l’utente Professionale utilizza il computer per il proprio lavoro, navigando frequentemente e gestendo decine di documenti. Ogni secondo perso davanti ad un impuntamento del computer è causa di irritamenti nel lungo periodo, per cui l’esigenza principale di questo tipo di utenza è la completa reattività del sistema, che permetta di concludere il lavoro in meno tempo e con minor mal di testa.
  • Creativo: le esigenze del profilo Creativo ruotano attorno ai programmi di composizione multimediale: suite per disegnare e ritoccare, per comporre musica e per montare video. Tutti questi programmi hanno in comune la dipendenza dalle operazioni di calcolo, ma specialmente una certa necessità di spazio per l’archiviazione. Questo profilo necessita dunque di un computer che sia in grado di calcolare più velocemente le operazioni complesse, come l’encoding di un video.
  • Gamer: il videogiocatore PC può variare dal player di giochi leggeri F2P fino all’appassionato di pesanti giochi tripla A. Qualsiasi gioco di ultima generazione risulta davvero impegnativo in termini di risorse, perciò un PC da gaming deve essere incluso di un giusto equilibro fra tutti i componenti, specialmente processore e scheda video. Molto simile al profilo Creativo, ma più orientato alla potenza grafica della GPU.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

Se vuoi ricevere ogni settimana consigli per i tuoi acquisti, le migliori offerte e conoscere il nostro dietro le quinte, iscriviti alla Ridble newsletter!

6687 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Claudio Carelli tramite i commenti.