Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Climatizzatore WiFi: i sistemi per renderlo smart e connesso

Climatizzatore WiFi: i sistemi per renderlo smart e connesso

di Simone Sala
Specialist Smart Home
aggiornato il 10 maggio 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Per un tempo limitato puoi approfittare dei nuovi sconti “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco.

In più, fino al 26 maggio, puoi approfittare su Amazon di una serie di sconti dedicati a tutto ciò che ruota intorno ad HP grazie alle promozioni per gli “HP Days“, dove puoi trovare notebook, monitor, cuffie e stampanti in offerta. Nello stesso periodo, puoi approfittare anche della “Huawei Week“, una settimana di promozioni dedicata al colosso cinese con tantissimi prodotti in offerta.

N.B. La guida climatizzatore WiFi è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Maggio 2019.

Vediamo in questa guida come semplificare e migliorare la climatizzazione trasformando un comune inverter in un climatizzatore WiFi smart e connesso, in grado di prendere decisione in autonomia e pronto a ricevere puntuali comandi attraverso lo smartphone o la voce.

Climatizzatore WiFi quale comprare e come funziona

Uno degli obiettivi di una smart home è quello di rendere il comfort domestico più elevato, semplificare la vita agli utenti e ridurre al minimo le operazioni da compiere nella gestione quotidiana di vari apparati. Probabilmente il condizionatore o climatizzatore che avete in casa non è molto intelligente, e da solo può fare ben poco – se non leggere la temperatura della stanza (una volta accesso) e regolare da sé la potenza di funzionamento.

Oggi possiamo trasformare questo apparato in un climatizzatore WiFi smart e connesso alla rete, semplicemente installando un piccolo accessorio che invierà al climatizzatore i comandi giusti a tempo debito, attraverso il segnale infrarosso, proprio lo stesso che sfrutta anche il telecomando nativo del climatizzatore. Infatti questo tipo di dispositivi non fanno altro che simulare il telecomando del climatizzatore, ma sono a loro volta connessi alla rete Wi-Fi di casa, potendo quindi essere azionati anche a distanza, ma soprattuto gestendo il clima in completa autonomia, e facendo sì che il climatizzatore si adatti ai nostri spostamenti  tramite la funzionalità di geofencing, così consentendo anche un discreto risparmio energetico, soprattutto se si utilizza il climatizzatore anche come pompa di calore nei mesi invernali o durante la mezza stagione.

Tutti questi dispositivi sfruttano quindi il segnale IR e andranno di conseguenza posizionati in modo tale che questo possa raggiungere il sensore del climatizzatore, ma allo stesso tempo in una zona della casa coperta dal segnale Wi-Fi. Un altro aspetto da considerare, almeno per alcuni device, riguarda la compatibilità con i vari climatizzatori. In linea di massima è possibile affermare che se il vostro climatizzatore possiede un telecomando con schermo LCD dove sono mostrati diversi parametri di funzionamento (modalità, temperatura, velocità delle ventole…), allora questo potrà essere trasformato in un climatizzatore WiFi da qualunque dispositivo che vedremo. Se invece il vostro telecomando non presenta un display, oppure questo mostra solo la temperatura, allora il vostro climatizzatore potrebbe non essere compatibile con alcuni dispositivi, ed è meglio accertarsi della cosa sul sito di ciascun produttore o contattando il servizio clienti prima dell’eventuale acquisto. Vedremo meglio questo aspetto parlando dei specifici prodotti.

Infine, se volete controllare il vostro climatizzatore WiFi con la voce, è bene scegliere un prodotto che supporti gli ecosistemi domotici, come Google Assistant e Amazon Alexa, oppure IFTTT per creare sequenze causa-effetto più complesse che includano anche altri apparati per smart home.

Se invece siete alla ricerca di un nuovo climatizzatore, vedremo al termine della guida una proposta di climatizzatore WiFi che nasce già con il supporto alle rete wireless, e con un’app in grado di controllarlo a distanza. Tuttavia, bisogna dirlo, i climatizzatori in commercio sono ancora limitati sotto questi aspetti, e quindi non supportano nativamente ecosistemi domotici, men che meno hanno una gestione intelligente del clima basata sulla nostra posizione (geofencing).

Iniziamo dunque a vedere quali sono i migliori dispositivi che possono trasformare un tradizionale inverter in un moderno climatizzatore WiFi.

Climatizzatore WiFi: dispositivi universali

Tado° Climatizzazione Intelligente (v2)

Uno dei più interessanti dispositivi che possano rendere tale un climatizzatore WiFi è offerto Tado°, la stessa azienda che produce anche termostati e teste termostatiche smart per il riscaldamento invernale. Tado° Climatizzazione Intelligente, giunto alla sue seconda versione, è un apparato di piccole dimensioni, dal design minimale e curato, che si può attaccare ad una parete o appoggiare orizzontalmente su un piano. Si alimenta tramite una porta microUSB, mentre si connette alla rete Wi-Fi di casa solo sulla frequenza dei 2.4 GHz. Come tutti i dispositivi di questo genere, Tado° Climatizzazione Intelligente invia tramite IR i comandi al climatizzatore installato in casa, donandogli tutti i plus di un innovativo climatizzatore WiFi. È naturale che, vista la natura del segnale infrarosso, il dispositivo si deve trovare nella stessa stanza del climatizzatore, senza troppi ostacoli tra uno e l’altro. Sulla parte frontale del dispositivo sono presenti dei LED mimetizzati nella scocca, che possono indicare la temperatura attuale e impostata, nonché dei pulsanti per alcuni controlli di base.

Per quanto riguarda la compatibilità, Tado° Climatizzazione Intelligente risulta adatto a controllare solo i climatizzatori con un telecomando che mostri a schermo i diversi parametri di funzionamento, quindi in linea di massima potrebbe non essere compatibile con i climatizzatori e condizionatori più datati. Maggiori dettagli li trovate comunque sul sito del produttore.

Una volta installato e configurato (l’operazione è molto veloce, soprattutto rispetto alla prima versione), si apre un mondo di possibilità per il nostro climatizzatore. La prima riguarda i controlli, che possono avvenire in modo istantaneo ovunque ci si trovi tramite l’app di Tado°. Possiamo inoltre controllare la temperatura e l’accensione del climatizzatore attraverso la voce, utilizzando Google Assistant o Amazon Alexa, magari con uno smart speaker; non manca nemmeno la compatibilità con il sistema IFTTT, mentre è assente quella con HomeKit.

Tuttavia se installiamo un dispositivo del genere, non è certo solo per i comandi tramite app e voce, comunque comodissimi, ma anche perché vogliamo una certa autonomia di funzionamento da parte del nostro climatizzatore WiFi. Ecco che quindi entra in gioco la programmazione intelligente di Tado°, in cui possiamo pianificare al meglio tutti periodi di funzionamento del raffreddamento (o riscaldamento, se usiamo una pompa di calore) con le relative temperature, orari e giorni della settimana. Il dispositivo Tado° gestirà l’accensione e lo spegnimento del climatizzatore, anche in base alla temperatura ambientale della stanza, che possiamo scegliere di far rilevare al termometro presente nel dispositivo, e non più – come avveniva con la prima versione – solo attraverso quello integrato nel climatizzatore.

Ma se siamo soliti a raffrescare la stanza ad un certo orario, ma un giorno rientriassimo dopo dal lavoro, o uscissimo di casa ad un orario insolito? Grazie alla funzionalità di geofencing, Tado° soprà dove ci troviamo (sempre che abbiamo con noi lo smartphone, ma quando questo non è vero?) e provvederà di conseguenza a comandare il climatizzatore, evitando inutili sprechi energetici dovuti a dimenticanze; allo stesso tempo, quando stiamo per rientrare in casa Tado° lo saprà, e raffredderà per noi la stanza con un piccolo anticipo, in modo da trovare la giusta temperatura al nostro rientro.

Se avete più di un climatizzatore in casa, e volete controllarli tutti, dovete acquistare necessariamente più device, poiché ognuno controlla un climatizzatore, quello in vista del suo segnale infrarosso. Tado° Climatizzazione Intelligente (v2) si paga all’incirca 150€, a seconda delle offerte, ma offre certamente grandi vantaggi in termini di comfort per la climatizzazione estiva, mentre se usate anche la pompa di calore nei mesi invernali o nelle mezze stagioni, allora diventa uno strumento assolutamente indispensabile, portando anche ad un buon risparmio energetico sul lungo periodo. Questo dispositivo risulta anche una scelta molto azzeccata se avete intenzione di usare anche i device Tado° per il riscaldamento invernale, come il Tremostato Intelligente e le teste termostatiche motorizzate (dispositivi compatibili anche con Apple HomeKit). Altrimenti potete valutare le altre alternative, che vediamo subito.

Puoi acquistare Tado° Climatizzazione Intelligente (v2) su Amazon o se preferisci su eBay

Ambi Climate 2

Ambi Climate è un interessante progetto partito da crowfunding e giunto ormai alla sua seconda generazione. Il principio di funzionamento è del tutto simile a quanto abbiamo visto con il device Tado°, e l’obiettivo di trasformazione del climatizzatore WiFi viene anche qui portato a termine ottimamente. In questo caso non troviamo nessuna indicazione né pulsanti sulla scocca del dispositivo, e non è possibile attaccarlo al muro, ma si può posizionare liberamente su un tavolo, una libreria o un mobile, ovviamente ben in vista del climatizzatore; si connette alla rete Wi-Fi a 2.4 GHz e si alimenta tramite cavo microUSB.

Il punto forte di Ambi Climate 2 è quello dell‘intelligenza artificiale, che promette – dopo un periodo di apprendimento – di mantenere in casa sempre il clima più confortevole per i nostri gusti. All’interno di Ambi Climate 2 sono presenti diversi sensori: temperatura, umidità e luminosità; oltre a ciò vengono presi in considerazione i fattori meteo. Tutto questo è combinato e analizzato per restituire un output che si adatta alle nostre preferenze. Infatti, attraverso l’app, saremo noi a dire ad Ambi Climate se ci troviamo in una situazione di comfort, oppure se sentiamo troppo caldo o troppo freddo, cosicché il sistema imparerà le nostre preferenze dopo un po’ di tempo. Nell’app troveremo anche una sezione dedicata alle statistiche, con tutti i report sulle variazioni di temperatura e degli altri parametri ambientali.

Non manca neanche qui la funzionalità di geofencing, cosicché il nostro climatizzatore WiFi saprà sempre dove si trovano i vari inquilini, e provvederà ad accendere e spegnere la climatizzazione a tempo debito. Ambi Climate 2 è compatibile con Amazon Alexa e con il sistema IFTTT, ma purtroppo non presenta alcuna integrazione nativa con Google Assistant, una limitazione abbastanza rilevante e di cui sinceramente non capiamo il motivo, poiché sarebbe stato possibile integrarlo senza sforzo; diverso il discorso con Apple HomeKit, che prevede specifici requisiti per essere disponibile, e che infatti non lo è. Chissà che, almeno Google Assistant, non venga implementato in una release software futura, ma per il momento dobbiamo considerarlo mancante.

Il grande vantaggio di Ambi Climate 2 riguarda invece il database di compatibilità, che include tutti i climatizzatori che presentano un sistema di controllo – il telecomando – dotato di un display LCD. Qui non è importante che il display mostri le varie funzioni del climatizzatore, basta solo che ce ne sia uno. In realtà ci sono varie eccezioni a questa regola, comunque molto limitate, ma raccomandiamo di controllare sul sito del produttore la compatibilità nel caso di dubbi. Per maggiori dettagli su questo prodotto vi rimandiamo all’articolo: Ambi Climate 2 recensione.

Puoi acquistare Ambi Climate 2 su Amazon.

Ambi Climate 2
Prezzo consigliato: € 149Prezzo: € 149

Sensibo Sky (2a gen)

Ancora una volta parliamo di un prodotto giunto alla sua seconda generazione, Sensibo Sky. Il design del trasmettitore IR è compatto e discreto, di colore scuro, si può attaccare al muro e alimentare tramite microUSB; si connette alla rete Wi-Fi sulla frequenza dei 2.4 GHz. Ancora una volta, non sono poi molte le differenze da elencare tra questo e gli altri prodotti presenti nella guida. Abbiamo la piena compatibilità a Google Assistant e Amazon Alexa, e sono stati creati molti automatismi basati su IFTTT. Inoltre le sue API sono aperte, cosicché si è creata una buona comunità di supporto che ha sviluppato integrazione ed estensioni, anche per Homebridge – un sistema che permette di integrare in HomeKit dispositivi che non sono nativamente compatibili (sebbene questa non sia un’operazione alla portata di tutti).

Un altro punto di forza di Sensibo Sky riguarda la compatibilità. Il produttore dichiara infatti il pieno funzionamento con tutti i climatizzatori dotati di un telecomando IR, non importa di che tipo. In ogni caso è sempre possibile fare un ulteriore check di compatibilità sul portale web di Sensibo. Il climatizzatore WiFi ottenuto grazie a Sensibo Sky funzionerà come abbiamo visto con le altre soluzioni, quindi anche in maniera automatica, e soprattutto basandosi sul geofencing. È possibile impostare una programmazione settimanale e, grazie alla funzione Climate React, si possono stabilire i propri parametri ideali di comfort, basati su temperatura e umidità. Infine, un altro punto di forza è il prezzo, in generale il più basso tra le soluzioni viste.

Puoi acquistare Sensibo Sky (2a gen) su Amazon o se preferisci su eBay

Climatizzatore WiFi: acquistarlo già predisposto

Abbiamo visto alcune ottime soluzione che possono rendere il nostro climatizzatore tradizionale più smart e connesso. Tuttavia, se siete alla ricerca di un nuovo climatizzatore, potreste pensare di acquistarne uno già predisposto per connettersi alla rete Wi-Fi, nonché controllabile attraverso l’app sviluppata dal produttore. Vediamo una proposta di climatizzatore WiFi di questo tipo, che purtroppo sono ancora pochi, molti dei quali accusano seri problemi di maturità, instabilità e funzioni estremamente limitate.

Climatizzatore WiFi Daikin STYLISH versione 2018 9000-12000 BTU

La serie Stylish di Daikin comprende climatizzatori a parete dal design curato e con alcune caratteristiche interessanti. In particolare le alette dell’unità interna sono studiate per un flusso d’aria concentrato, che viene localizzato verso l’alto in caso di aria fredda, o verso il basso in caso di uso come pompa di calore. In questo modo, grazie al fenomeno fisico detto effetto Coandă, si ottiene una migliore distribuzione della temperatura, senza getti d’aria diretti. Il climatizzatore Stylish regola autonomamente l’umidità, mentre il sistema brevettato Flash Streamer filtra particelle, odori e allergeni fornendo aria pulita. Infine, il cosiddetto Grid Eye Sensor, analizza la temperatura della superfici della stanza in 64 aree diverse, per meglio comprendere dove è necessario concentrare il flusso d’aria. Il modello FTXA35A, con unità esterna, ha una potenza di 12000 BTU, in grado quindi di climatizzare al meglio ambienti tra i 25 e 40 metri quadri, considerando un’altezza del soffitto media di 2.70 metri. Il modello da 9000 BTU, FTXA25A, è l’ideale per ambienti tra 15 e 25 metri quadri. La classe energetica (A+++) è quanto di meglio possa pretendere.

Questo climatizzatore WiFi presenta già una scheda WLAN integrata (attenzione! Alcuni climatizzatori vengono venduti come WiFi, ma è necessario acquistare la scheda WLAN a parte), quindi si connette alla rete Wi-Fi di casa e diventa subito gestibile attraverso l’app Daikin Online Controller. L’app in questione è in grado di gestire diversi climatizzatori contemporaneamente, utilizzando timer e pianificazioni su base settimanale, nonché controllando tutte le funzioni di base (modalità, temperatura, velocità della ventola, risparmio energetico). L’app di Daikin permette anche di tenere sotto controllo ii consumi energetici di ciascun climatizzatore.

Tuttavia manca l’integrazione con gli ecosistemi domotici come Google Assistant e Amazon Alexa, precludendo i controlli vocali. Manca anche l’importante funzionalità di geofencing, che è possibile eventualmente implementare grazie al supporto di IFTTT. Tuttavia, una volta che il climatizzatore è spento, questo si accenderà solo in base ad una programmazione oppure ad un comando manuale, e non per aver rilevato temperature troppo alte o basse. Insomma, l’integrazione con i controlli a distanza c’è, così come la programmazione, ma il sistema non si può definire certo smart o domotico, cosa che avviene invece con i prodotti di terze parti visti sopra. Si ha però il vantaggio di avere tutti controlli del climatizzatore sempre a portata di mano, senza problemi di compatibilità e senza dover acquistare accessori terzi. Inoltre non è detto che alcune funzionalità non vengano integrate in seguito dai produttori, come il geofencing, oppure la compatibilità con gli ecosistemi domotici, che sono questioni riguardanti il software e potenzialmente applicabili ai climatizzatori già in commercio.

Puoi acquistare Daikin STYLISH FTXA35AW + motore - 12000 BTU su Amazon. In alternativa Daikin STYLISH FTXA35AW + motore - 12000 BTU è disponibile nella variante Daikin STYLISH FTXA25AW + motore - 9000 BTU.

La nostra analisi

Perché fidarti di noi

Ridble è il primo sito in Italia dedicato alle guide all’acquisto per tre motivi: è, innanzitutto, il sito dedicato alle guide all’acquisto più longevo, avendo compiuto 6 anni il 18 febbraio 2019. Inoltre è il primo sito di guide all’acquisto per numero di guide a disposizione: ne offriamo oltre 2000, sempre accessibili per gli utenti. Ridble è, infine, il primo sito in Italia di guide all’acquisto per numero di ordini online generati: sono stati oltre 100.000 quelli effettuati nel 2018.

Sono infatti migliaia i lettori che si sono già fidati di noi per trovare il miglior prodotto per le loro esigenze, ed il perché è semplice: il nostro compito è quello di monitorare e seguire costantemente i prodotti al fine di testarli, analizzarli e confrontarli fra loro per suggerire solo i più degni di nota. La qualità del nostro lavoro è testimoniata dal fatto che il 98% degli utenti che hanno fatto un acquisto attraverso le nostre guide hanno dichiarato di essere rimasti pienamente soddisfatti del prodotto consigliato. Infatti solo il 2% degli utenti ha richiesto il reso del prodotto acquistato tramite una nostra guida. Nel corso di questi anni abbiamo risolto i più disparati dubbi sugli acquisti non solo in Italia, ma affermandoci anche in mercati più complessi e sensibilmente diversi, come quello spagnolo. Possiamo quindi dire che in questi anni abbiamo creato un vero e proprio “metodo Ridble” per consigliare i prodotti da acquistare.

Uno dei cardini di questo modello è rappresentato dalle competenze e conoscenze che i nostri Specialist devono necessariamente arrivare ad avere anche solo per realizzare una guida all’acquisto. Difatti, per diventare Specialist di Ridble è necessario studiare e testare circa 100 prodotti, al fine di dimostrare di essere realmente degni di aiutarvi nelle scelte più difficili. Inoltre ogni Specialist si dedica interamente ad una specifica categoria merceologica, perché non crediamo nei “tuttologhi”: ognuno ha delle aree di competenza, e non scrive di tutto solo per generare traffico.

Io sono Simone, e come Specialist Smart Home mi occupo di testare e selezionare tutti i prodotti connessi che sono destinati ad entrare tra le mura domestiche, rendendo così le nostre case più “intelligenti”. Ho provato tantissimi dispositivi connessi, smart speaker e prodotti domotici, dalle luci ai termostati, passando per le telecamere, prese di corrente e sensori; i prodotti sono diventati nel tempo così tanti da aver trasformato ogni angolo della mia casa, che ormai è controllabile in modo smart, con lo smartphone o con la voce, e tante volte – mi sembra – quasi con il pensiero.

Un altro importante fattore del nostro modello è che le nostre guide all’acquisto sono sempre aggiornate. Infatti ogni mese aggiorno personalmente tutte le guide di mia competenza. Potete quindi essere certi che ogni volta che consulterete una nostra guida troverete i migliori prodotti da comprare in quello specifico momento.

A conferma del nostro impegno, vi basti pensare che la nostra competenza in materia di guide all’acquisto è riconosciuta dai brand più importanti al mondo. Siamo, ad esempio, tra i pochi siti al mondo ad aver realizzato una guida all’acquisto direttamente su Amazon Italia.

Come selezioniamo i prodotti

Tutti i prodotti per trasformare il vecchio climatizzatore in un climatizatore WiFi che trovate all’interno della nostra guida, sono stati selezionati attraverso il metodo Ridble. Si tratta del nostro modus operandi, un sistema che abbiamo sviluppato e migliorato nel corso del tempo, ed è composto da 4 fasi.

Un prodotto entra nei nostri radar una volta che è stato ufficializzato, senza dar importanza a rumors, indiscrezioni e chiacchiere varie. Attraverso diverse fonti (comunicati stampa, inviti ad eventi ecc…) ogni Specialist raccoglie l’ufficialità sull’esistenza dei prodotti appartenenti alla sua categoria di competenza.

Tuttavia un prodotto per poter essere preso in seria considerazione, e quindi per avere l’opportunità di entrare in una delle nostre guide, deve possedere un altro importante requisito: l’eleggibilità. Ciò significa che soltanto i prodotti venduti in Italia (online o offline) sono eleggibili di poter essere inclusi nelle nostre guide all’acquisto.

La terza fase che mettiamo in pratica è quella della prova prodotto. I prodotti in vendita vengono testati per conoscerne nel dettaglio i punti di forza e i difetti, al fine di esprime un giudizio. Inoltre, in questa fase, ciascuno Specialist ha la possibilità di capire al meglio quali esigenze d’acquisto ciascun prodotto sia in grado di soddisfare, e per quali utenti risulti più adatto.

Infine, i prodotti che ottengono un giudizio più che positivo sono selezionati per essere inseriti nelle guide all’acquisto. Questa fase è ripetuta non meno di una volta al mese, visto l’aggiornamento mensile delle guide all’acquisto. Quindi, mensilmente, mettiamo in discussione i prodotti precedentemente inseriti, e decidiamo se aggiungere o meno i prodotti che nel frattempo abbiamo testato.

Se vuoi saperne di più del metodo Ridble visita la nostra pagina Come Lavoriamo.

Test tecnici

Quando vado a testare un accessorio per la trasformazione del vecchio splitter in un climatizzatore WiFI, effettuo specifici test tecnici. In primo luogo vado a provare il funzionamento della gestione del climatizzatore, ovvero quali parametri l’accessorio sia in grado di controllare: modalità di funzionamento, velocità della ventola, temperatura, movimento delle bocchette. Inoltre testo la gestione autonoma, vedendo se il sistema è in grado di rilevare la corretta temperatura e mantenerla costante comandando lo splitter, anche in base ai miei spostamenti fuori casa, che dovrebbero farlo spegnere, e se al mio rientro trovo la giusta temperatura, grazie alle funzionalità di geofencing. Legato a questo test vi è poi quello relativo al risparmio energetico, che effettuo misurando il consumo di un climatizzatore in una giornata tipo, sia controllato in modo classico, che con il sistema in prova, ed andando poi a confrontare i dati; la misurazione avviene tramite un contabilizzatore DIN presente nel quadro elettrico, strumento che mi permette di monitorare i consumi.

Un ulteriore test è quello della compatibilità, che viene effettuato sia con gli splitter che possiedo, sia virtualmente, verificando la compatibilità con 15 splitter del mio elenco campione, alcuni recenti, altri in commercio da oltre 15 anni. Infine vado a provare il supporto alle piattaforme domotiche, testando la possibilità di controllare il climatizzatore tramite le app centralizzate di Apple HomeKit, Amazon Alexa e Google Home, nonché con i comandi vocali; inoltre verifico il supporto ad IFTTT e la presenza di applet utili e funzionanti.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Simone Sala tramite i commenti.