Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa

CarPlay: il sistema operativo su quattro ruote secondo Apple

di Claudio Carelliaggiornato il 3 maggio 2015

L’adozione della tecnologia avanza, i nostri dispositivi tendono sempre più a rimanere in ogni momento con noi. Lo dimostrano davvero tante realtà già affermate, dettate spesso dalla nuova necessità di rimanere sempre connessi sul web, sempre disponibili e con a disposizione strumenti versatili da poter sfruttare in più modi. L’introduzione degli smartphone e dei tablet in ambito lavorativo è infatti ormai un fenomeno già affermato che rientra già nella comune routine.

I telefoni di nuova generazione si fanno spazio ormai in più ambiti e luoghi, e a quanto pare le autovetture rientrano tra questi. Sono ormai anni che i navigatori satellitari sono stati soppiantati sul cruscotto da smartphone dotati di apposite applicazioni accurate (vedi quelle dedicate alla navigazione su iOS e su Android), e quasi un anno da quando Apple ha lanciato il sistema “Siri eyes-free“, connubio tra il celebre sistema di controllo vocale e il computer di bordo. Sono ormai alcune le auto in grado di supportare il controllo vocale dei dispositivi mobili, e non solo di quelli griffati con la Mela morsicata.

È però proprio quest’ultima che concretizza, in modo vero e proprio, un nuovo progetto finalizzato a portare un proprio sistema operativo nelle autovetture, ad hoc per la comunicazione con iPhone. Mentre Google stringe una partnership tra alcuni produttori di auto ed Nvidia per portare Android nelle autovetture, annunciando il tutto in occasione del CES 2014, Apple, come un fulmine a ciel sereno, annuncia CarPlay, progetto associato a numerosi produttori di automobili. Vediamo oggi di capire di cosa si tratta, cosa dobbiamo aspettarci dal prodotto e quali potranno essere le sue relative evoluzioni.

CarPlay: dalla tasca alla plancia

[img_destra][/img_destra]”Cos’è CarPlay?“: cerchiamo di rispondere subito a questa fondamentale domanda. Ciò che le automobili hanno messo a disposizione fino ad oggi è stato un set di strumenti davvero interessanti, impensabili da trovare fino ad una decina di anni fa. Questi non sono però considerabili sufficientemente versatili, poiché comunque hanno sempre fatto riferimento ad un computer di bordo realizzato dalle case automobilistiche, proprietario, e adibito a svolgere solo precise funzioni. Ecco quindi che, per estendere l’esperienza di utilizzo su quattro ruote, il produttore di smartphone prova a salire un nuovo scalino, sviluppando un vero e proprio OS da proporre ai produttori di veicoli.

CarPlay è proprio questo: un sistema che riesce ad integrare perfettamente, in modo semplice e familiare, le funzionalità di iOS e di iPhone all’interno della propria autovettura. Apple ha così voluto estendere i propri confini rendendo il proprio smartphone sì, limitato ad un OS principale in grado di interfacciarsi via Bluetooth (o AirPlay, chiamatelo come volete), ma anche condizionato dalla natura del sistema gestionale stesso. Questo è infatti dotato di una grafica totalmente in linea col nuovo iOS 7, improntata estremamente sul flat e potenzialmente interessante dal punto di vista di intuitività in auto.

Il sistema dispone di ottime potenzialità, anche se al momento il progetto ancora troppo acerbo non si concretizza in un set di funzioni molto vasto. Vediamo le principali.

Mappe

Quale impiego migliore, se non quello di sfruttare CarPlay per la navigazione su mappa? L’OS dispone infatti di una vera e propria applicazione Mappe, del tutto simile a quella presente già attualmente all’interno di iOS. Introdotto il proprio smartphone nell’abitacolo, e non obbligatoriamente posto all’interno di uno stand o di un supporto apposito, è possibile utilizzare le mappe offerte da Apple tramite GPS o connessione dati presente sul proprio iPhone.

In tal modo sarà possibile sfruttare un largo display integrato all’interno della propria vettura per poter viaggiare in piena sicurezza, accompagnati anche da una navigazione turn-by-turn, ovvero in tempo reale. Siamo già ampiamente abituati ad utilizzare l’iPhone come navigatore, ma averlo all’interno della propria auto, con le proprie posizioni preferite e senza dover far riferimento ad un dispositivo che ingombra all’interno dell’abitacolo, è una cosa veramente interessante.

Potremo, tramite CarPlay, decidere ad esempio una meta mentre siamo in mobilità, entrare in auto e partire direttamente alla guida con la navigazione assistita integrata all’interno del computer di bordo. Allo stesso modo è  possibile interagire tramite il touchscreen di bordo per poter impostare una meta, ottenere informazioni particolari sul luogo da raggiungere e decidere eventuali percorsi alternativi.

Chiamate e messaggi

Restare in contatto, sicuramente la cosa più difficile da fare in auto riuscendo a mantenere elevato il livello di sicurezza. Ecco quindi che CarPlay prova ad andare incontro a coloro che utilizzano spesso il proprio smartphone per comunicare con gli altri, magari anche per lavoro. All’interno del sistema è presente ovviamente Siri, servizio di controllo remoto che si metterà a vostra disposizione per gestire le chiamate in entrata o in uscita, e leggere i vostri messaggi. Come?

Semplice. Le chiamate vengono gestite come praticamente avviene attualmente sui sistemi “eyes-free”, ovvero con la possibilità di ricevere quelle in entrata, rispondere e comunicare tramite un microfono integrato nell’abitacolo. Sul touchscreen del computer di bordo saranno a disposizione anche i classici tasti per interagire con il tastierino numerico, con la funzione “Muto”, con l’aggiunta di un terzo contatto nella chiamata e con la chiusura della stessa. Lo stesso è possibile con le chiamate in uscita: avremo infatti l’opportunità, tramite CarPlay, di richiamare Siri per avviare la chiamata con un contatto, funzione ovviamente sempre possibile anche tramite l’interfaccia touch.

Allo stesso modo è possibile gestire i Messaggi, ovviamente tramite l’apposita applicazione. CarPlay consente di utilizzare la dettatura vocale per inviare e rispondere ai messaggi ricevuti. Questi ultimi possono ovviamente essere letti direttamente a voce tramite Siri, senza distogliere lo sguardo dalla strada. Limitante il solo supporto ad SMS e ad iMessage: purtroppo non è possibile comunicare al momento tramite la celebre app Whatsapp.

Musica

[img_sinistra][/img_sinistra]In ogni auto che si rispetti non si può di certo rinunciare alla propria musica preferita. I propri viaggi sono supportati da CarPlay con un’altra fondamentale applicazione nativa; Musica appunto. Tramite questa è possibile trasmettere via AirPlay i brani presenti sul proprio dispositivo direttamente nell’impianto della propria vettura, anche tramite il supporto di Siri che può mettere in riproduzione determinati artisti o album per noi, senza toccare il dispositivo.

Interessante inoltre la possibilità di sfruttare anche iTunes Radio (al momento disponibile solo negli USA), così da poter ascoltare praticamente qualsiasi brano, artista, album o playlist si desidera, sfruttando ovviamente una connessione ad internet attiva. Ma non finisce qui, perché arriva all’interno di CarPlay il supporto nativo anche a Spotify, nota piattaforma di streaming da poter sfruttare in modo del tutto simile ad iTunes Radio.

Un mondo ancora da scoprire

CarPlay è praticamente, come avrete già capito, un’ottima risorsa per poter sfruttare in sicurezza le funzioni del proprio smartphone anche durante i viaggi. È ancora un mondo del tutto da scoprire: come abbiamo detto il supporto delle funzioni al lancio non è così esteso, ma probabilmente tramite l’apposito SDK la comunità degli sviluppatori potrà portare le proprie app anche sulle quattro ruote, con grande facilità.

Ci aspettiamo ovviamente che il prodotto di Apple, recentemente supportato da iPhone 5, 5s e 5C tramite l’aggiornamento ad iOS 7.1, prenda piede in modo deciso. I brand che inizieranno a portarlo negli abitacoli saranno Ferrari, Honda, Volvo, Hyundai e Mercedes, ma la partnership consolidata si estenderà per le automobili compatibili anche con BMW, Chevrolet, Ford, Jaguar, Kia, Land Rover, Mitsubishi, Nissan, Opel, Pegeaut, Subaru, Suzuki e Toyota (davvero un bel numero di brand). Avendo capito cosa Apple sarà in grado di offrire, non ci resta che aspettare di assistere a come le case automobilistiche saranno in grado di presentare la propria concezione di CarPlay al pubblico.

[ultimoaggiornamento]Nuove case sposano CarPlay[/ultimoaggiornamento]

Nuove case automobilistiche: arrivano anche Fiat e Alfa Romeo

Giornata importante, almeno per tutti i fan della Mela che vogliono integrare le tecnologie di Apple all’interno delle proprie prossime autovetture. In data [ultima_data_aggiornamento]01/07/2014[/ultima_data_aggiornamento] Casa Cupertino annuncia ufficialmente che Abarth, Alfa Romeo, Audi, Chrysler, Dodge, Fiat, Jeep, Mazda, e Ram saranno i nuovi brand che sposeranno la tecnologia CarPlay in nuovi modelli di autovetture dal lancio imminente sul mercato. Possiamo sperare nell’arrivo di modelli accessibili con Fiat? Staremo a vedere.