Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Canon IXUS 190 recensione: la fotocamera punta e scatta facile e divertente da usare

Canon IXUS 190 recensione: la fotocamera punta e scatta facile e divertente da usare

Cosa si può fare con una fotocamera compatta punta e scatta piccola e semplice come la Canon IXUS 190? Scopriamolo in questa recensione / Ultima modifica il

Le fotocamere compatte economiche sono sicuramente tra i prodotti che hanno subito maggiormente la crisi con la nascita degli smartphone, i quali permettono di tenere più o meno la stessa qualità dell’immagine con tutti i vantaggi ad essi connessi. Ecco che però a sorpresa troviamo Canon IXUS 190, una fotocamera compatta economica punta e scatta che sfida il mercato con un design pulito ed elegante, estremamente compatto e facile da usare. Vediamo allora tutti i dettagli su questa fotocamera, i consigli e le opinioni in questa recensione di Canon IXUS 190.

Design e materiali: estremamente semplice e compatta

Canon IXUS 190 si presenta con un design decisamente compatto e facile per il trasporto: se dovessimo identificare una parola chiave per questo modello sarebbe semplicità, che è proprio quello che cerca di trasmettere questa fotocamera. Ovviamente per il target particolare a cui si rivolge, ovvero persone che non hanno particolari esigenze in termini di qualità degli scatti ma vogliono giusto una fotocamera facile da utilizzare, Canon IXUS 190 deve avere determinate caratteristiche.

Dal momento che la semplicità è il punto di forza di Canon IXUS 190, non ci aspettiamo di trovare numerosi tasti e funzioni su questo modello, e infatti il design rimane davvero minimale. Nella parte superiore troviamo infatti giusto due pulsanti, quello più piccolo per accendere e spegnere la fotocamera e quello più grande per scattare, circondato da una levetta per zoomare e orientarsi nel menu e nella ricerca delle immagini scattate. Troviamo inoltre la scritta che indica la presenza del WiFi e della capacità di generare filmati in HD.

Nella parte frontale è presente l’obiettivo con uno zoom 10x equivalente ad un 24-240mm nel formato 35 mm che combinato con lo zoom digitale arriva a coprire una distanza di 20x. Troviamo inoltre la presenza di un piccolo led High Power Flash HF-DC2 Canon che può essere utilizzato sia in modalità automatica che manuale scegliendo di attivarlo o disattivarlo. Il raggio di azione di questo flash è pari a 50 cm – 4 m con la modalità grandangolo e 1-3 m con la modalità teleobiettivo. Infine troviamo il segnale che informa sulla messa a fuoco illuminandosi di arancione quando si utilizza la modalità automatica.

Nella parte posteriore troviamo invece il classico display LCD (TFT) da 6,8 cm (2,7″) da circa 230.000 punti con una copertura dell’immagine che arriva quasi al 100% e con 5 livelli di regolazione per quanto riguarda la luminosità. Da questo monitor non ci aspettiamo certo grandi caratteristiche, anche se sarebbe stato sicuramente bello e utile trovare un display touch considerando che ormai con gli smartphone siamo abituati a orientarci toccando il display. Tuttavia la fascia di prezzo in cui si colloca Canon IXUS 190 è decisamente bassa e non possiamo aspettarci grandi cosa da questo punto di vista.

L’esperienza utente con i pochi tasti presenti e l’assenza di un modulo touch in grado di riconoscere il tocco sul monitor è però compromessa. I tasti che troviamo sono tutti posizionati nella parte destra del retro e partendo dall’alto troviamo il tasto di riproduzione delle immagini scattate, il tasto rec per registrare i video, il classico cerchio Canon con al centro il tasto set, e a partire dall’alto in senso orario il tasto auto/ cestino, flash, info, data e ora. Infine troviamo il menu e il modulo per attivare la sincronizzazione WiFi.

Per finire notiamo che lo slot per collocare la batteria e la scheda di memoria è posizionata nella parte inferiore, assieme al classico attacco treppiede con filettatura standard da 1/4″. Mentre nella parte laterale sinistra è presente solo il simbolo della presenza della tecnologia NFC, nella parte destra troviamo un gancio per collegare la fotocamera ad un cinturino ed un attacco AV per collegare la fotocamera ad un monitor o la TV tramite il cavo Canon AVC-DC400 Stereo.

Prestazioni: da entry level

Pensando al prezzo con cui è venduta Canon IXUS 190 non possiamo di certo aspettarci grandi prestazioni. Questo modello fa parte infatti della fascia delle fotocamere compatte entry-level punta e scatta, più precisamente nella sezione dei modelli economici. Risulta quindi difficile valutarne le prestazioni, sopratutto se si è abituati a modelli di fotocamere di fascia più elevata. Canon IXUS 190 integra al suo interno un sensore CCD di tipo 1/2,3 da 20 megapixel, affiancato dal processore d’immagine DIGIC 4+. Quest’accoppiata è in grado di rendere molto bene in condizioni di luce ottimale, ma non se la cava affatto bene quando la luce inizia a diminuire e siamo costretti ad alzare il valore degli ISO. Anche se si utilizza la modalità automatica infatti, la fotocamera sarà costretta ad alzare la sensibilità per rimanere in tempi di esposizione accettabili ed evitare quindi l’effetto mosso, tuttavia già a bassi livelli di ISO il rumore si percepisce e la qualità dell’immagine risulta compromessa.

Messa a fuoco: discordante

La messa a fuoco di Canon IXUS 190 merita un paragrafo a parte dal momento che presenta alcune caratteristiche contrastanti che vale la pena analizzare. In primis troviamo la velocità di messa a fuoco automatica (non è possibile mettere a fuoco manualmente con questo modello) che è decisamente performante: il soggetto viene agganciato rapidamente. Il sistema AF è di tipo TTL ed integra 9 punti più un punto AD centrale fisso. Su questo modello troviamo anche la possibilità di scattare in modalità macro e mettere a fuoco il soggetto a solo 1 cm di distanza. Quest’ultima caratteristica è decisamente interessante perché fornisce un motivo valido per scegliere questa fotocamera rispetto a quella presente sulla maggior parte degli smartphone che fanno ancora fatica a mettere a fuoco i soggetti da una distanza ravvicinata. Tutte queste caratteristiche rendono Canon IXUS 190 attraente e valida per scattare foto, tuttavia ci sono alcuni aspetti che non rendono l’esperienza di scatto del tutto ottimale. Con la modalità totalmente automatica infatti non è minimamente possibile scegliere il punto di messa a fuoco, questo vuol dire che in alcuni casi proverete in tutti i modi a mettere a fuoco un determinato soggetto senza riuscirci. Questo fattore limita di molto la creatività e ci si ritrova in alcune situazioni in cui è necessario abbandonare lo scatto perché la fotocamera non è in grado di individuare il punto da mettere a fuoco che state cercando. Per fare ciò è necessario cambiare l modalità di messa a fuoco in modalità programma (che sarebbe una sorta di modalità manuale) con il risultato però di trovarsi con una lettura automatica dell’esposizione differente. Capite quindi che tutto ciò offre un’esperienza di scatto non del tutto piacevole e ci costringe nella maggior parte dei casi ad abbandonare la nostra idea iniziale di inquadratura limitando in questo modo la creatività.

Semplicità: il suo punto di forza

Canon IXUS 190 è un modello estremamente semplice da utilizzare, che si basa principalmente sugli automatismi e le possibilità generate dal processore di gestire le immagini. All’avvio della fotocamera è possibile selezionare la modalità “easy auto mode” che rappresenta una modalità automatica ulteriormente semplificata che rende Canon IXUS 190 una fotocamera compatta punta e scatta a tutti gli effetti, dal momento che non sarà possibile gestire nemmeno i parametri come ISO e tempi. Questa sua semplicità estrema è pensata proprio per chi non ha grosse esigenze anche a livello creativo, ma vuole semplicemente puntare e scattare, e magari condividere subito la foto con amici e parenti. Anche il numero di tasti limitato e il menu con poche funzioni rendono il tutto decisamente semplice e intuitivo: ci vuole davvero pochissimo per capire il funzionamento di Canon IXUS 190 e si può iniziare praticamente subito a fotografare. Con questo modello non sarà praticamente mai necessario aprire il manuale delle istruzioni e in pochi giorni sarete già molto bravi ad utilizzare questa fotocamera pur non essendo esperti di fotografia.

Velocità di scatto: sarebbe meglio chiamarla lentezza di scatto

Ogni fotocamera ha il suo punto debole e il suo punto forte. Se quello di forza come abbiamo visto è la semplicità di Canon IXUS 190, quello debole è decisamente la velocità che, di fatto, è molto lenta. Se infatti le migliori fotocamere di oggi arrivano a scattare molti fotogrammi per secondo e sono in grado quindi di catturare ogni momento della scena, con questa fotocamera di momenti ne perderete eccome. Infatti pur impostando la modalità di scatto continua e con il formato d’immagine più piccolo e leggero possibile, Canon IXUS 190 ci impiega davvero troppo tempo a memorizzare il primo scatto e procedere con il secondo.

Questo modello ha infatti una velocità di scatto pari ad appena 0.8 fps, il che vuol dire che ci impiega quasi un secondo a scattare ogni singola foto che, per gli standard odierni sono decisamente pochi. Tutto questo si traduce nell’impossibilità di utilizzare Canon IXUS 190 per la fotografia sportiva o per la fotografia naturalistica, dal momento che servirebbe una velocità di scatto decisamente maggiore per cogliere ogni attimo della scena.

Connettività: sembra quasi di scattare col telefono

Grazie al chip WiFi presente su Canon IXUS 190 è possibile collegare facilmente la fotocamera al proprio smartphone e iniziare ad utilizzare l’app Canon Camera Connect. Quest’applicazione sempre più famosa permette di beneficiare della lente e delle prestazioni della fotocamera e allo stesso tempo di tutti i vantaggi connessi al dispositivo portatile. Sarà infatti possibile guardare tutte le immagini presenti sulla memoria della compatta e scegliere quali salvare immediatamente sul proprio telefono, così come utilizzare lo smartphone come controllo remoto per la fotocamera. In questo modo si può posizionare Canon IXUS 190 ad esempio su un treppiede e controllarla direttamente dal telefono. Tutti questi vantaggi uniti alla portabilità unica ed eccezionale di Canon IXUS 190 rendono l’esperienza di scatto davvero notevole e interessante, ma sopratutto semplice e divertente. In questo modo avere la migliore qualità fotografica e la possibilità di ottenere scatti in modalità macro, ma anche di fotografare ad escursioni focali impossibili per uno smartphone è davvero a portata di mano. Grazie a questa accoppiata vincente potrete avere subito delle buone immagini da 20 megapixel sul vostro telefono, modificarle con un’app di post produzione come ad esempio Lightroom Mobile e condividere subito la foto con i vostri amici sui social. Con Canon IXUS 190 essere online è davvero facile ed è uno dei punti di forza di questa fotocamera.

Esperienza in modalità manuale: limitata

Con Canon IXUS 190 c’è anche la possibilità di controllare alcuni parametri, come la sensibilità ISO e l’esposizione. Si può anche dare la priorità alla fotocamera di utilizzare tempi lunghi in condizioni di luce difficili piuttosto che alzare i valori ISO, scelta molto utile e saggia quando si ha la possibilità di agganciare la fotocamera a un treppiede e che permette di gestire quindi in parte la lunghezza dell’esposizione. Tuttavia come si è potuto intuire questo modello non si rivolge in maniera specifica agli esperti di fotografia o comunque a chi è abbastanza esigente sulla qualità fotografica, ma al contrario è orientata a chi cerca una fotocamera semplice da utilizzare e vuole focalizzarsi principalmente sull’inquadratura piuttosto che scegliere i parametri. Ad ogni modo credo che sia comunque interessante poter avere più controllo sulla fotocamera dal momento che le esigenze potrebbero cambiare, e quindi chi magari all’inizio non è interessato ad imparare qualche tecnica fotografica, potrebbe esserlo in futuro. Vedendo Canon IXUS 190 in quest’ottica, bisogna pensare che l’esperienza di controllo manuale è decisamente limitata, i parametri vanno ogni volta selezionati tramite il tasto di settaggio e non c’è la presenza di neanche un tasto rapido per poter controllare in maniera più rapida i singoli parametri. Questo fattore seppur non molto negativo è comunque un fattore limitante che potrebbe in futuro abbassare il valore percepito dall’utente di questo modello.

Sensibilità ISO: non ci possiamo aspettare grandi cose

Guardando la sensibilità ISO di Canon IXUS 190 ci si rende conto che con un certo budget non è possibile raggiungere alcuni risultati. Questo è uno dei maggiori problemi delle fotocamere compatte economiche e in particolar modo dei sensori piccoli come quelli presenti nella maggior parte delle compatte e dei telefoni cellulari moderni. Per ovvi motivi questa tipologia di fotocamere monta sensori così piccoli con tutti i vantaggi del caso: maggiore compattezza e prezzi molto ridotti, ma pagando il prezzo del rumore digitale che risulta evidentissimo ad alti ISO. Per questo motivo da Canon IXUS 190 non ci possiamo aspettare grandi risultati quando spingiamo la sensibilità del sensore a livelli più elevati e in questo senso non delude le aspettative (purtroppo). Il rumore in scarse condizioni di luce si percepisce già ad appena 400 ISO e spingere la fotocamera al limite ovvero 1600 ISO risulta spesso impossibile con una qualità dell’immagine decisamente bassa.

Il problema del rumore digitale non riguarda solo la sensibilità ISO nel caso di questa fotocamera ma anche lo zoom elettronico. Se infatti all’inizio abbiamo visto che l’escursione focale può essere raddoppiata tramite lo zoom elettronico fino a 20x, difficilmente potrete beneficiare di questa potenzialità dal momento che la stabilità dell’immagine e il rumore rendono questa caratteristica inutilizzabile. Probabilmente è più una scelta di marketing quella di inserire questa feature. Se sommiamo le due cose poi, quindi alti valori ISO e zoom digitale, ecco allora che il risultato sarà un’immagine fatta quasi esclusivamente di rumore digitale.

Canon IXUS 190 recensione: le nostre conclusioni

Nel complesso si può dire che Canon IXUS 190 è una fotocamera divertente da utilizzare, che permette di concentrarsi solo ed esclusivamente sull'inquadratura dello scatto, senza doversi preoccupare di nient'altro. La messa a fuoco macro a solo 1 cm di distanza con la lente grandangolare permette di effettuare inquadrature inusuali e particolari, ancora difficilmente raggiungibili con lo smartphone. Inoltre la sua compattezza e leggerezza rende questo modello facile e pratico da portare in giro e facilmente connesso alla fotocamera del nostro smartphone. Infine se consideriamo che stiamo parlando di un modello di fascia economica ci fa stare leggermente più tranquilli quando la utilizziamo con gli amici magari in vacanza o nelle mini gite. Parlando invece della qualità fotografica, Canon IXUS 190 non può garantire ottimi risultati e, quando le condizioni di luce si fanno difficili siamo costretti ad avere con noi un treppiede per allungare i tempi ed evitare di alzare gli ISO. Se le condizioni di luce sono ottimali invece potremmo portare a casa dei buoni scatti e ritenerci abbastanza soddisfatti. Infine dobbiamo considerare che questo modello non è proprio adatto a quelle situazioni che richiedono una rapidità e una raffica di scatto elevate, quindi se il vostro obiettivo è quello di fotografare eventi sportivi o comunque azioni dinamiche vi sconsigliamo l'acquisto di questo modello. Canon IXUS 190 è ideale per chi vuole iniziare a scattare, per chi non ha grosse pretese e per chi vuole avvicinarsi al mondo della fotografia per la prima volta. Visto il suo prezzo può essere un ottimo regalo da fare a qualcuno che non ha ancora una macchina fotografica.

Pro
Mette a fuoco da solo 1 cm di distanza
Design ultra compatto e maneggavole
Semplicissima da utilizzare
Si accende subito
Contro
Raffica di scatto decisamente lenta
Forte rumore digitale anche a bassi ISO
Lo zoom digitale ha una qualità pessima
Il Display non è touch
valutazione finale6