Aspirapolvere ricaricabile: grande potenza lontano dal filo

N.B. Questo contenuto, come tutti gli altri, è sempre il risultato del nostro lavoro costante. Per maggiori dettagli su come realizziamo i nostri contenuti ti invitiamo alla pagina Come lavoriamo.

 

Il filo vi fa dannare più della polvere? Non rimanete intrappolati nel cavo, ormai la tecnologia permette di abbandonare l’alimentazione a filo grazie a potenti batterie ricaricabili e altrettanto efficienti. Se volete il massimo per la pulizia casalinga è arrivato il momento di scoprire i vantaggi di un aspirapolvere ricaricabile, e noi siamo qui per aiutarvi a scegliere la migliore!

Aspirapolvere ricaricabile: quale comprare

Se siete giunti in questo articolo siete sicuramente poco amanti del filo e state cercando un aspirapolvere ricaricabile in modo da non dover più dipendere dalla presa elettrica. I motivi possono essere tanti: il filo si incastra nei mobili e rallenta il vostro lavoro di pulizia; non volete perdere tempo ad arrotolarlo una volta terminato; la lunghezza del cavo non basta e dovete sempre affidarvi ad ulteriore prolunghe trasformando il vostro salotto in una centrale elettrica. Sono problemi piuttosto noti e che oggi trovano piena soluzione con l’aspirapolvere ricaricabile. Queste macchine non solo vi permettono di trasportarle ovunque e senza difficoltà, ma ormai offrono la stessa potenza di un’aspirapolvere con il filo, tanto che sono considerate un vero sostituto dell’aspirapolvere classica.

L’aspirapolvere ricaricabile, o aspirapolvere senza filo, è quindi uno strumento che si affida molto alla durata delle batterie capaci di raggiungere ormai una media tra i 30 e i 60 minuti di autonomia. Una tempistica davvero elevata e che vi permetterà di pulire tranquillamente anche una casa molto spaziosa. Se però avete bisogno di più autonomia, queste macchine offrono anche una ricarica abbastanza veloce che permette di ripristinare tutta la batteria nel giro di 4 ore circa. Inoltre, un aspirapolvere ricaricabile, è dotato anche di dock station da attaccare alla parete, che funziona da caricabatterie, o di vero e proprio caricatore classico delle dimensioni di quello di un computer.

aspirapolvere ricaricabile

Queste caratteristiche dell’aspirazione senza filo hanno portato la pulizia casalinga ad un nuovo livello ma, oltre all’autonomia, bisogna tenere conto anche di altre caratteristiche per scegliere un buon aspirapolvere ricaricabile.

Forza di aspirazione

Innanzitutto la forza di aspirazione, può sembrare una caratteristica banale ma sono moltissimi gli aspirapolvere del mercato che aspirano la polvere solo di nome. Nella nostra selezione abbiamo quindi preferito macchina con motori ciclonici, ultimo ritrovato in fatto di aspirazione e che, anche ai livelli di velocità più elevati, mantengono buone prestazioni senza intaccare la batteria.

Serbatoio

Poi va tenuto conto del serbatoio, il recipiente della polvere. Le macchine con sacchetto sono ormai superate ma anche per quelle con il serbatoio è bene avere delle accortezze. Abbiamo quindi scelti modelli che possono essere svuotati facilmente e velocemente, in modo che le operazioni di manutenzione durino il meno possibile e senza contatti con lo sporco.

Accessori

Infine è importante tener conto anche degli accessori, se con l’aspirapolvere classica fate fatica a pulire spazi particolari come termosifoni o ripiani rialzati, un aspirapolvere ricaricabile offre una rosa di accessori davvero vasta che comprende spazzole motorizzate come quelle di Dyson o la possibilità di trasformarsi in un aspirabriciole per pulire facilmente anche il divano o i sedili dell’auto.

Fatte tutte queste valutazioni abbiamo creato la seguente selezione di aspirapolvere ricaricabile divisa per fasce di prezzo, nella speranza di rendere la scelta del vostro nuovo aspirapolvere ancora più semplice.

Aspirapolvere ricaricabile: fascia bassa

Fascia di prezzo economica con prodotti che si aggirano intorno ai 100 euro. Questi prodotti non offrono, naturalmente, le funzioni e prestazioni da top di gamma ma sanno comunque soddisfare tutte le esigenze di pulizia di base.

Ariete 2763

Iniziamo con un prodotto italiano, l’aspirapolvere ricaricabile Ariete 2763, dotata di una batteria a litio che permette ben 45 minuti di autonomia e la possibilità di funzionare a due velocità, Eco e Max. È una aspirapolvere che si adatta egregiamente a tutte le superfici, grazie anche alla possibilità di diventare un aspirabriciole per tirare a lucido anche divani e scrivanie.

Con una ricarica di sole 4-5 ore e un serbatoio da 0,8 litri questo aspirapolvere Ariete, è uno dei prodotti di fascia bassa più veloci, in termini di ricarica e dei più capienti per quanto riguarda invece il contenitore dello sporco. Una macchina che offre grandi prestazioni rimanendo contenuta nel prezzo. Perfetto per pulire i gradini e gli angoli più stretti grazie alla sua spazzola rotante motorizzata con led che fa quasi invidia ai più costosi Dyson. Ve lo consigliamo vivamente se cercate un aspirapolvere ricaricabile innovativo e veloce, poco ingombrante e davvero leggero.

Hoover FD22G

Saliamo leggermente di prezzo con l’aspirapolvere ricaricabile Hoover FD22G che presenta una autonomia molto ridotta (25 minuti), rispetto al precedente aspirapolvere, ma offre una potenza di aspirazione maggiore e che non teme cali di prestazione nemmeno in modalità turbo. Inoltre si ricarica facilmente grazie alla dock station da parete che vi aiuta ad occupare pochissimo spazio oltre che essere un elemento di design.

Oltre alla possibilità di trasformazione in aspirabriciole, più rumorosa di altri brand ma formidabile contro lo sporco che rimane incastrato nelle giunture dei sedili, troviamo anche una serie di accessori (tra cui bastone telescopico e canna lunga) che sapranno sicuramente accontentare chi vuole ripulire anche le superfici più alte.

L’aspirapolvere ricaricabile di Hoover è infine consigliata per la pulizia dello sporco più grande come briciole o grumi, una versione più potente della precedente Ariete e che si pone come ottimo dispositivo per chi non vuole spendere molto e non ha bisogno di un prodotto pieno di funzioni.

Aspirapolvere ricaricabile: fascia media

Saliamo ora di circa 50 euro ed entriamo nella fascia media. A metà tra l’economia e l’efficienza più totale questi aspirapolvere ricaricabili sapranno soddisfare chi è alla ricerca di uno strumento con molte funzioni di pulizia.

Severin HV 7158

Una sfida ai top di gamma, è così che si presenta questo aspirapolvere ricaricabile HV 7158 di Severin. Circa 30 minuti di autonomia, un serbatoio da 0,65 litri e un filtro apposito per chi soffre di allergia, per non parlare poi della vasta gamma di accessori offerti tra cui la spazzola motorizzata con mini-rullo. Severin offre un aspirapolvere ricaricabile davvero compatta anche una volta trasformata in aspirabriciole, con degli utili led per illuminare il pavimento e non lasciare alcuno scampo allo sporco.

Vi consigliamo l’acquisto di questo modello HV 7158 se volete un aspirapolvere versatile e davvero veloce, non solo in ambito di pulizia ma anche in quello della ricarica. Questo prodotto Severin ripristina la sua batteria in sole tre ore, una delle tempistiche migliori nel panorama dell’aspirapolvere ricaricabile.

Rowenta Air Force Serenity

Aspirapolvere ricaricabile: fascia alta

Ultima fascia ma con un bel salto di prezzo dalla precedente. Se siete arrivati a leggere fin qui è perché volete i prodotti più all’avanguardia del settore, un tipo di tecnologia offerta la momento solo dagli aspirapolvere Dyson. Questa azienda si è imposta nel mercato della pulizia casalinga con prodotti davvero innovativi ma allo stesso tempo molto costosi. Vediamo i migliori aspirapolvere ricaricabili che potete trovare intorno ai 400-500 euro.

Dyson V8 Absolute

Dimenticate quanto visto sino ad ora, Dyson V8 è un vero e proprio ammazzapolvere con un motore digitale ciclonico brevettato proprio da Dyson per garantire la massima efficienza. Un livello di prestazione che viene pienamente mantenuto anche quando si trasforma l’aspirapolvere in aspirabriciole che permette una pulizia estrema di scrivanie, tavoli e sedili, arrivando a staccare i fastidiosi peli di animali con la spazzola a rullo inclusa in questa versione Absolute.

In sole 3-4 ore di ricarica, Dyson V8 si prepara a fornire 40 minuti filati di autonomia con 7 minuti continui in modalità turbo. Inoltre, la tecnologia di rilascio Dyson, permette di svuotare il serbatoio in un solo colpo e di compattare a tal punto la polvere che anche la capienza di 0,54 litri sembra non finire mai.

Dyson V8 è un aspirapolvere ricaricabile per chi vuole un ambiente totalmente libero dalle particelle di polvere. Naturalmente costa un bel po’ ma il prezzo è pienamente ripagato da una macchina senza pari capace di controllare la potenza di ben 15 cicloni aspiranti. Se tutto questo ben di dio ancora non vi basta, passate all’ultimo prodotto della nostra selezione per scoprire il miglior aspirapolvere del mercato.

Puoi acquistare Dyson V8 Absolute su Amazon.

Dyson V11 Absolute

Lascia un commento