Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Apple Watch Series 4

Apple Watch Series 4

di Giovanni Matteiaggiornato il 3 dicembre 2018
attesaelevata
La storia del prodotto
Questa pagina raccoglie tutte le news a tema Apple Watch Series 4 ed è costantemente aggiornata. Il contenuto in cima è il più recente e l'ultimo aggiornamento risale al 14 Dicembre 2018.
L'Apple Watch Series 4 è disponibile all'acquisto

Apple Watch Series 4 miglior prezzo e offerte

Come si può vedere dal box qui in basso, i prezzi a cui è possibile acquistare l’Apple Watch Series 4 restano tuttora alti, in linea con quelli ufficiali comunicati da Apple nella seconda metà di settembre. È probabile che il prezzo inizi effettivamente a mostrare importanti cali poco prima o durante l’imminente holiday season, come è spesso accaduto negli scorsi anni. Resta però il fatto che si tratta sempre di uno smartwatch di fascia alta, pertanto proposto ad un prezzo pur sempre impegnativo.

24 settembre 2018
Apple presenta il nuovo Watch Series 4, con display rivoluzionato e cassa da 44 mm

Apple Watch Series 4 caratteristiche: tutto quello che c’è da sapere

Anche questa volta i leak precedenti all’evento ufficiale di Apple hanno rovinato la sorpresa. Infatti, a precedere il lancio pomposo dei nuovi iPhone Xs e iPhone Xs Max (anche questi leaketi per quanto riguarda il design), l’azienda di Tim Cook ha svelato il nuovo Apple Watch 4. Lo smartwatch è ancora una volta un elemento fondamentale per Apple, soprattutto in questi anni dove si sta cercando di spostare la grande dipendenza di ricavi proprio dall’iPhone (i top di gamma cinesi iniziano a fare paura sul serio), e presenta l’esatto design che avevamo visto nel capitolo rumor poco più sotto. In tal senso l’impegno di Apple si manifesta in un lavoro certosino anno dopo anno che, per la Series 4, prevede passi in avanti molto importanti.

Un vecchio detto dice “squadra vincente non si cambia”, ed è effettivamente quello che fa Apple con i suoi prodotti. Di tanto in tanto, però, l’azienda statunitense decide di rimescolare le carte e mettere sul piatto una mano vincente. L’Apple Watch Series 4 è il punto di arrivo (e di partenza) di una lunga serie di miglioramenti hardware e software, che permettono ad Apple di posizionarsi come uno dei player più importanti (e da temere) nel settore degli smartwatch.

Se l’iPhone X aveva avviato Apple nel campo degli smartphone tutto schermo, quest’anno è l’Apple Watch Series 4 a spingere l’azienda di Cupertino fra i produttori di smartwatch a tutto schermo. Del resto era quello che la user base chiedeva da tempo: un Apple Watch moderno, con un display più grande, in grado di offrire maggiori informazioni all’utente pur mantenendo intatto l’iconico form factor – a differenza della grande mole di smartwatch con Wear OS molto spesso accomunati da un design simile.

Dicevamo display a tutto schermo, o quasi. Questa novità corre a braccetto con la presenza di due nuove misure: 40 e 44 mm. Con il Series 4, Apple manda ufficialmente in pensione i vecchi tagli da 38 e 42 mm, un aumento importante che però non va a sacrificare l’ergonomia dello smartwatch. Le casse più grandi permettono di integrare display più generosi. La versione con cassa da 40 mm integra adesso un pannello OLED da 1,8 pollici (contro i 1,5 pollici del vecchio 38 mm) con risoluzione da 324 x 394 pixel. Il modello da 44 mm integra invece un display OLED da 2,0 pollici (contro i 1,65 pollici del vecchio 42 mm) con risoluzione da 368 x 488 pixel.

Il passo in avanti è di una certa portata, soprattutto se si considera l’estrema ottimizzazione delle cornici. Torna, anzi resta, la possibilità di scegliere il modello con connettività LTE, questa volta anche per l’Italia, dopo che un anno di bocca asciutta per colpa di accordi commerciali inesistenti con i carrier italiani avevano creato un po’ di scontento fra i fan dello smartwatch di Apple. L’Apple Watch Series 4 non è però solo schermo: le novità vanno a toccare un po’ tutti i punti dello smartwatch, come ad esempio il riposizionamento del microfono, adesso dal lato opposto rispetto allo speaker di sistema (e per la voce di Siri) ed in un punto in cui è più facile garantire un ascolto più cristallino per chi riceve una nostra telefonata (o messaggio vocale).

Il Series 4 non è però solo nuovo display; Apple continua a puntare parecchio anche sull’aspetto “salute”, aggiungendo due interessanti funzioni per questa generazione di Apple Watch. Infatti, il nuovo smartwatch è adesso in grado di riconoscere le cadute (attivato di default per gli utenti over 65, ma azionabile a piacimento nel pannello Apple Watch > Emergenze > Rilevamento caduta) grazie alle informazioni ricevute dal giroscopio e dall’eccelerometro. Un’accelerazione particolarmente rapida mette in fase di allarme l’Apple Watch che, se non riceve informazioni di movimento (magari il cambio di passo dipende da uno scatto in avanti e non da una caduta), registra l’evento come una caduta. A questo punto entra in azione una nuova funzione di watchOS 5 che permette all’utente di chiamare aiuto tramite la pressione di un tasto virtuale sul display.

Indipendentemente dalla gravità della caduta, watchOS 5 attiva automaticamente un timer di 15 secondi in cui l’utente può comunicare allo smartwatch il suo stato di salute (“sono caduto ma sto bene” oppure “emergenza SOS”). Se l’utente non indica una delle due possibili azioni, l’Apple Watch passa automaticamente a chiamare i numeri di telefono di emergenza indicati all’interno della cartella clinica presente nell’app Salute. L’altro elemento di punta del nuovo Series 4 è il sensore posto tutto attorno al sensore HR per il battito cardiaco.

Si tratta di un vero e proprio ECG (elettrocardiogramma) portatile, in grado di immagazzinare informazioni relative al tracciato del proprio battito cardiaco che può essere poi inviato come PDF al proprio medico di fiducia. È la prima volta che troviamo un “dispositivo medico” all’interno di un prodotto commerciale come uno smartwatch, e permette all’utente di individuare rapidamente situazioni di allarme a seguito di un malessere. Ovviamente il nuovo sensore non va inteso come un vero e proprio apparecchio medico, ma piuttosto come un dispositivo di “accompagnamento”.

Nonostante l’autorizzazione dell’FDA (Food and Drug Administration) americana – molto diversa dall’approvazione che richiede numerosi test clinici -, questa funzione è attualmente disabilitata via software in tutti i paesi in cui non è ancora prevista l’approvazione dei vari enti preposti. La nuova generazione presenta anche il nuovo chip dual core a 64 bit Apple S4, adesso in grado di avviare applicazioni ancora più rapidamente.

Batteria

Il Series 3 presentato l’anno scorso mostrava una batteria da 279 mAh, segnando un corposo passo in avanti rispetto al modello ancora precedente. Quest’anno, con l’Apple Watch Series 4, gli ingegneri di Cupertino sono riusciti a fare un altro mezzo miracolo, riuscendo a posizionare all’interno del case in alluminio un modulo da 291,8 mAh.

Questo permette allo smartwatch di garantire un utilizzo continuativo di circa 18 ore, che potrebbero salire a qualcosa di più in relazione al tipo di utilizzo che si fa del dispositivo. In media potremmo dire che cambia qualcosa in positivo, ma molto probabilmente sarà comunque necessario ricaricare il proprio smartwatch ogni notte, in modo da averlo carico al mattino seguente.

Connettività e sensori

Apple Watch Series 4 presenta quindi numerose novità per quest’anno, a partire dal display più grande. Ma non solo: il lavoro di Apple nel campo del fitness e del tracking è agguerrito più che mai. Il nuovo Apple Watch integra nuovi sensori: il giroscopio e l’accelerometro di nuova generazione sono creati per individuare le cadute, mentre il sensore per l’ECG apre nuovi scenari di utilizzo un tempo confinati ai soli film di fantascienza.

Viene ritoccato anche il sensore HR che, grazie alle nuove feature presenti all’interno di watchOS 5, è adesso in grado di individuare non solo l’andamento del battito cardiaco, ma anche eventi di attività cardiaca troppa alta, troppo bassa oppure pattern non fisiologici (come la tachicardia). Il nuovo Apple Watch fa un balzo in avanti anche per quanto riguarda la connettività, soprattutto rispetto al Series 3. Il Bluetooth 5.0 del Series 4 manda in pensione il vecchio Bluetooth 4.2, mentre il modulo LTE è adesso disponibile anche per il nostro Paese, ma solo in esclusiva con Vodafone.

È ovviamente anche presente il modulo Wi-Fi 802.11 b/g/n a 2.4 Ghz.

Apple Watch Series 4 prezzo e uscita in Italia

A seguito dell’evento di presentazione dell’Apple Watch Series 4 in cui l’azienda ha ovviamente dichiarato i prezzi relativi al solo mercato statunitense, la compagnia ha reso disponibile la pagina di acquisto ufficiale anche per il nostro Paese. Ovviamente abbiamo la classica ampia scelta di modelli diversi con la presenza del solo modulo GPS oppure della combo GPS + Cellular. Per entrambe le versioni troviamo la possibilità di scegliere la cassa in alluminio o in acciaio inossidabile da 40 o 44 mm (quella da 38 e 42 non sono più disponibili da questa generazione) con un prezzo di 439€ per la variante da 40 mm che salgono a 469€ per il modello da 44 mm.

Se vi ricordate bene, la presenza del modulo LTE era stato presentato l’anno scorso a seguito della introduzione dell’Apple Watch Series 3 ma, a seguito di mancati accordi commerciali, non è mai riuscito a fare capolino anche nel nostro Paese, costringendo Apple alla commercializzazione del solo modello con modulo GPS. Questo anno di differenza pare abbia permesso ad Apple di stringere un contratto di esclusività con Vodafone che si occupa di garantire l’accesso ad Internet per il modello con GPS + Cellular.

Questa variante ha un costo di 539€ per la versione da 40 mm e 569€ per il modello da 569€. I prezzi sono ovviamente alti, altissimi se prendiamo in considerazione il modello da 44 mm GPS + Cellular. A questo dobbiamo aggiungere il costo mensile di 5€ per il profilo Vodafone OneNumber pensato per gli utenti che acquisteranno il Watch 4 con connettività LTE. Il prezzo stellare non è mai stato un grosso problema per Apple, visto che non ha mai avuto problemi a commercializzare prodotti di fascia alta a prezzi sensibilmente maggiori rispetto alla concorrenza.

12 settembre 2018
Tutti i rumors sul nuovo Apple Watch Series 4

Apple Watch Series 4 rumors

In una famosa dichiarazione di qualche anno fa, Tim Cook aveva assicurato che Apple avrebbe raddoppiato gli sforzi per quanto riguarda la segretezza dei suoi prodotti non ancora annunciati. Tutti ricordano gli enormi problemi che l’azienda di Cupertino ha dovuto affrontare negli anni passati, quando alcuni dipendenti lasciavano in giro (o peggio, perdevano) device non ancora rivelati al pubblico. I problemi legati alla fuga di notizia sono vari e articolati, ma le ricadute più evidenti riguardano l’evidente perdita del vantaggio in termini tecnologici verso le altre aziende competitor. Ecco il perché la volontà di alzare una ulteriore cortina di nebbia attorno ai prodotti non ancora presentati.

Se da un lato non si sono più verificati situazioni di dispositivi persi in nei bar, Apple continua ad essere comunque vittima di una feroce attenzione da parte di chi ha come lavoro quello di sbirciare e carpire informazioni sui prossimi prodotti made in Cupertino. Questa volta i malcapitati sono stati i nuovi iPhone Xs, Xs Max e l’Apple Watch Series 4. Infatti, come riporta 9to5Mac, il sito è riuscito a mettere le mani su alcune immagini raffiguranti proprio la nuova generazione di smartwatch. Quel che si può notare in modo chiaro e univoco, è la presenza di un display decisamente più grande rispetto alle passate generazioni, segno che Apple è forse finalmente in grado di attuare le tanto attese ottimizzazioni delle cornici del display.

È ancora presto per parlare di specifiche tecniche, hardware e software, ma pare che la prossima versione di watchOS 5 sarà in grado di mostrare molte più informazioni sullo schermo. Le complicazioni, ovvero il set di informazioni che possono essere inserite in una watch face, sembrano avere molto più spazio a disposizione, garantendo così un livello di informazioni precluso alle passate generazioni di Apple Watch. Lievi modifiche (solo estetiche?) sembrano essere presenti anche a livello della digital crown, con il bordino rosso al posto del puntino che differenzia l’Apple Watch Series 3 con connettività cellular dal modello con solo modulo GPS.

Non abbiamo notizie per quanto riguarda il prezzo di listino, anche se ci aspettiamo il classico posizionamento a 399$ per il mercato statunitense.

1 settembre 2018