Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Amazon Fire 7 2017 recensione: la scusa perfetta per acquistare un tablet low-cost

Amazon Fire 7 2017 recensione: la scusa perfetta per acquistare un tablet low-cost

Amazon Fire 7 2017 offre una soluzione davvero accessibile a chi desidera dotarsi di tablet da affiancare al proprio computer / Ultima modifica il

Amazon Fire 7 2017 porta sulle spalle il gravoso compito di offrire una “scusa” ai tanti utenti che, cercano un tablet economico, hanno comunque la sicurezza di non trovarsi di fronte ad uno dei tanti prodotti di dubbia fattura che è possibile trovare nei grandi store di elettronica. Il modello passato era riuscito a trainare il mercato dei tablet low-cost grazie a delle specifiche interessanti ed un prezzo molto competitivo.

Il modello nuovo viaggia sulla stessa onda ma, come è ovvio che sia, ha dalla sua alcuni assi nella manica che potrebbero convincere chi è ancora indeciso su quale tablet economico comprare. Dal canto mio – piccolo spoiler, perdonatemi – sono già convinto di non volerne fare più a meno. Ma basta futili parole: scopriamo assieme in questa recensione perché Amazon Fire 7 2017 è un best buy di questa metà 2017.

Design: robusto e senza fronzoli

Chi ha preso in mano il vecchio Amazon Fire 7 sa bene cosa aspettarsi da un tablet molto economico. Chi invece non ha mai avuto il piacere di farlo, Amazon Fire 7 2017 è essenzialmente un tablet che arriva dritto al suo scopo senza girarci troppo o perdersi in inutili fronzoli. Scordatevi cornici super sottili, telaio in alluminio, frame in alluminio vivo e compagnia cantante.

Amazon Fire 7 2017 non vuole essere il tablet super mega figo da portare in giro e da fare vedere agli amici per farli morire d’invidia. La strategia di Amazon è quella di offrire un prodotto con un design piacevole, facile da impugnare, che non stanca la mano e che non pesa in borsa. Tutto il resto e superfluo e sinceramente va bene così. Frontalmente troviamo il pannello IPS da 7 pollici incastonato in un frame con cornici vistose, su tutti e quattro i lati. I bordi, arrotondati, abbracciano un telaio in plastica di buona fattura ma con qualche problemino di troppo per quanto riguarda le ditate.

Questa cosa l’ho notata anche sul display e, devo essere sincero, mi ha un po’ infastidito. Per natura stessa del prodotto, ovvero un tablet pensato per la multimedialità in termini di video, lettura e uso misto, dover avere a portata di mano la classica pezzetta per levare le impronte digitali, beh, fatemelo dire, mi ha un po’ lasciato dell’amaro in bocca. Come mi era capitato qualche mese fa durante la recensione Amazon Fire HD 8 2016, la compagnia americana deve spendere un po’ più di tempo nel trovare la giusta quadra per il trattamento oleofobico del suo pannello frontale.

Parentesi chiusa. Tornando a parlare del design dell’Amazon Fire 7 2017, i bordi arrotondati sono interrotti sul lato destro dal piccolo vano per la micro SD mentre superiormente dal bilanciere del volume, il tasto di accensione/blocco, la porta micro USB 2.0 per la ricarica, il microfono e il jack audio da 3.5 mm. Girando il tablet a testa in giù, ecco apparire il modulo fotografico nell’angolo in alto a sinistra, il logo “Amazon” leggermente incavato nel case (dona un bel tocco alla facciata posteriore) e, in fondo, lo speaker mono.

Design è anche la corretta posizione degli elementi che compongo un oggetto. In questo caso devo ammettere che la posizione dello speaker mono è alquanto scomoda. Trattandosi di un tablet piccolo, compatto, pensato anche per essere sorretto con una mano sola, può capitare di coprire inavvertitamente lo speaker con il palmo della mano sinistra. Non ho mani giganti, ma diverse volte ho dovuto posizionare l’impugnatura in modo diverso oppure tenere il tablet con la sola mano destra. Dal mio punto di vista si tratta di un piccolo passo indietro che sicuramente non incide sulla qualità complessiva del prodotto, ma è sicuramente capace di creare qualche grattacapo a chi vorrebbe utilizzare Amazon Fire 7 2017 con una mano sola.

Complessivamente Amazon Fire 7 2017 è un tablet che si fa amare dal punto di vista del design. I piccoli nei visti in questo capitolo non posso competere con la grande maestria di Amazon nel confezionare un prodotto che già nella precedente edizione era un must buy. Le linee restano le stesse ma cambiano il peso e lo spessore – 295 grammi contro i vecchi 313 grammi, 9,6 mm contro i vecchi 10,6 mm -, adesso più adatti a chi vuole sfruttare la diagonale ridotta per impugnare il tablet con una mano sola. Qualcuno una volta ha detto che quando si richiede cambiamento a tutti i costi, bisogna avere un forte senso di disciplina nel non rovinare una cosa ben riuscita.

Questo, volendo, è quello che ha fatto Amazon con il nuovo Fire 7 2017.

Display: bassa risoluzione che non delude

Amazon Fire 7 2017 integra un pannello IPS da 7 pollici a risoluzione 1024 x 600 pixel con 171 PPI di densità di pixel. Dati alla mano, si tratta delle stesse identiche caratteristiche presenti nel modello precedente. Quello che sottolinea Amazon è la presenza di una migliore luminosità del pannello e colori più vividi. Da quello che mi è stato possibile constatare, il display offre il minimo indispensabile per quanto riguarda la luminosità e la gamma cromatica. La prima è ben bilanciata, sicuramente merito dell’ottimo sensore per la luminosità; i colori, invece, sono più che sufficienti anche se i neri non sono per niente carichi.

Purtroppo c’è da sottolineare l’estrema facilità con cui è possibile riempire il display di ditate – Amazon, ti prego, fai qualcosa in tal senso per le prossime generazioni di Fire – e la difficoltà che si incontra utilizzando il tablet al sole. Trovandoci ormai all’interno della bella stagione, ho spesso cercato di portare il tablet in giardino per guardare qualche video su YouTube. Se direttamente esposti alla luce del sole, il Fire 7 2017 non si trova poi molto a suo agio nel garantire una giusta visibilità del display.

Anche se il sensore per la luminosità si comporta egregiamente, scene poco illuminate o con angolazioni strane rischiano di apparire al limite del guardabile. La scelta migliore è quella di posizionarsi all’ombra; solo in questo modo si ha la possibilità di utilizzare il tablet senza ricorrere a strani trucchi per guardare qualche video. È apprezzabile la presenza della tecnologia “Blue Shade” per l’abbattimento della luce blu. Anche qui, come per altre caratteristiche, fa piacere trovare questo genere di attenzione su un prodotto così economico.

Oltre a permettere una visione più rilassante del display durante le ore di buio, è un toccasana per gli occhi dei più piccoli. Amazon Fire 7 2017, infatti, può essere il regalo perfetto per un adolescente che si affaccia alla tecnologia, e iniziare a tutelare la vista sin dalla giovane età è un obbligo più che un dovere. La funzionalità può essere attivata rapidamente tramite il menù a tendina delle notifiche, oppure impostato secondo degli orari precisi all’interno delle impostazioni del display.

Hardware e software: un connubio perfetto

Come tutti i dispositivi Fire, anche Amazon Fire 7 2017 si rifà alla presenza di Android in forma della personalizzazione di Amazon Fire OS che, in questo momento, è arrivata alla versione 5.4.0.0. Chi ha avuto modo di provare i tablet Amazon in passato, saprà benissimo che di Android Lollipop 5.0 è rimasto davvero ben poco. Fire OS è una personalizzazione molto profonda che cambia i connotati dell’OS di Google in maniera drastica.

Nonostante questo, Fire OS si lascia utilizzare davvero senza problemi e, in alcuni versi, potrebbe essere addirittura più semplice ed intuitivo di Android stesso. La grande duttilità in termini di personalizzazione del robottino verde si perde completamente – ad eccezione della possibilità di cambiare il wallpaper – a favore di una esperienza utente completamente incentrata ai servizi di Amazon. In parole spicciole, Fire OS è la vetrina tramite cui Amazon cerca di venderci altri servizi, giochi, libri, film e quant’altro.

Questo è rimarcato dalla gestione stessa della schermata iniziale che, ad eccezione della sezione “Home“, permette di passare rapidamente in tutti i mercati in cui Amazon è presente. La schermata Libri permette di avere accesso alla propria libreria di libri scaricati e acquistati con il proprio account Amazon e, ovviamente, ne consiglia di nuovi in relazione ai nostri gusti. La stessa cosa avviene per “Video”, “Giochi”, “App” e “Musica”; la sezione “Acquista” è una scorciatoia rapida allo store Amazon generale.

Tutte le schermate che abbiamo visto (ad eccezione di Home), integrano inoltre il tasto virtuale “Negozio” che permette di passare rapidamente all’app Amazon. Nonostante sia presente un rimando perpetuo ad Amazon in tutte le sue forme, Fire OS si lascia utilizzare davvero bene. Chi non ha interesse di sfruttare tutti i servizi Amazon e vuole utilizzare il tablet come un dispositivo per giocare, navigare, leggere e quant’altro, può fare riferimento alla schermata Home. Qui non sono presenti collegamenti rapidi per accedere allo store Amazon, ad eccezione dell’app omonima, e le applicazioni possono essere spostate e catalogate in cartelle proprio come avviene su Android.

Il menù a tendina, quello dove sono presenti notifiche e toggle rapidi, viene utilizzato proprio come su qualsiasi dispositivi Android. Purtroppo manca il controllo di quali toggle vengono visualizzati; sia chiaro, sono a disposizione tutti quelli che realmente hanno una utilità, quindi non si tratta poi di un grosso svantaggio. Nonostante l’hardware un po’ risicato per quanto riguarda i componenti interni, Fire OS è ancora una volta una delle migliori personalizzazioni Android presenti sul mercato.

Pochissime volte mi è capitato di assistere a rallentamenti e in generale non posso che ritenermi estremamente soddisfatto dall’esperienza garantita da un tablet così economico. Continua ad essere presente una piccola chicca di Fire OS: il Parental Control. Se avete intenzione di regalare il tablet ad un ragazzino, un nipote, vostro figlio o semplicemente ad un adolescente, Fire OS vi permette di attivare rapidamente in Parental Control direttamente dalle impostazioni generali dell’OS. Qui, una volta impostata una password generale, potete bloccare ogni tipo di acquisti (estremamente utile), l’accesso ad altre funzionalità dell’OS, la navigazione sul web, la possibilità di condividere informazioni sui social e tanto altro.

Inoltre accedendo a questo sito, dal menu I miei contenuti e dispositivi > Centro attività, vi sarà possibile monitorare e rivedere l’attività svolta sull’Amazon Fire 7 2017. Parlando di hardware vero e proprio, le differenze rispetto al modello passato sono lievi ma comunque interessanti. Il più grande passo in avanti è certamente la possibilità di scegliere il taglio da 8 o 16 GB, ovviamente espandibili tramite micro SD fino a 256 GB. A livello di CPU, troviamo un MediaTek MT8127 da 1.3 GHz affiancato ad 1 GB di RAM. Adesso, quasi certamente vi starete chiedendo come faccio a definire positiva l’esperienza utente riguarda all’OS con appena 1 GB di RAM.

Questo è possibile grazie all’ottimo lavoro di ottimizzazione svolto da Amazon. Scordatevi i tablet economici con 1 GB di RAM che laggano, si imputano, crashano e diventano spesso praticamente inutilizzabili. Per il prezzo che ha e per il tipo di utilizzo che se ne deve fare, Amazon Fire 7 2017 è una scheggia. La gestione del calore è nella norma ed è piuttosto normale assistere ad un suo leggero aumento nella zona posteriore, a livello del logo Amazon, quando si gioca a titoli impegnativi. Nonostante Amazon Underground si appresti alla chiusura definitiva, il passaggio allo store etichettato come “Appstore” non desta problemi.

Sono riuscito a scaricare senza problemi le applicazioni più comuni e vale lo stesso per i giochi.

Multimedia: niente di entusiasmante

Si è più volte detto che l’Amazon Fire 7 2017 è pensato per garantire un utilizzo piuttosto soddisfacente per quanto riguarda il lato multimediale. Ovviamente non siamo difronte ad un tablet con un pannello 2K ed un comparto audio da strapparsi i capelli per la gioia. Bisogna sempre focalizzarsi sul fatto che il tablet costa molto meno di 100€ e non è certamente pensato per gli audiofili o per chi è abituato a guardare film su un televisore 4K. Il pannello IPS da 10 pollici non si comporta male al chiuso, ma bisogna tenere in conto che qualche problemuccio potrebbe uscire fuori se bisogna stare per tanto tempo all’aperto, sotto il sole.

Qui i limiti del display iniziano a farsi sentire, ed è più che normale. Le immagini sono sempre visibili, così come i colori anche se un po’ sbiaditi, però potrebbe essere meglio spendere del tempo a guardare contenuti multimediali al chiuso oppure in una zona d’ombra. Il comparto audio offre invece qualche piccola soddisfazione in più. Nonostante sia presente uno piccolo speaker mono, l’audio esce sempre pulito e chiaro, anche a volume sostenuto. È perfetto per un ascolto casuale, senza grosse pretese, e dà il meglio di sé sul parlato.

Serie TV, film, gameplay e quant’altro offrono il giusto bilanciamento audio e la voce non viene quasi mai coperta da musica o altri strumenti. Bisogna fare attenzione alla posizione della cassa – ne abbiamo parlato all’interno del capitolo sul design -, ma tutto sommato è sicuramente l’aspetto multimediale che più mi ha convito di questo Amazon Fire 7 2017. Per quanto riguarda il comparto camere, c’è da dire che qui siamo proprio al mimino sindacale. Frontalmente è presente un sensore VGA – benvenuti primi anni 2000 – e potrebbe essere utilizzato giusto per qualche selfie senza grosse pretese oppure per le videochat.

Sul retro, invece, troviamo un sensore da 2 MP pensato per qualche scatto rapido, sufficiente giusto per la condivisione con qualche amico o parente; scordatevi foto con dettagli tali da poter essere caricate sui social. Le fotocamere non sono certamente il punto di forza dell’Amazon Fire 7 2017.

Batteria: buona autonomia, peccato per il tempo di ricarica

Arrivando al capitolo inerente alla batteria, le cose si complicano leggermente. Il modulo, come descritto da Amazon all’interno della pagina prodotto, dovrebbe garantire un utilizzo misto di circa 8 ore. Secondo le mie stime che fanno riferimento a qualche partita, video su YouTube, navigazione sul web, qualche live su Twitch e via discorrendo, mi sono ritrovato a coprire anche quasi 9-10 ore di utilizzo.

Il mio consiglio è quello di procedere ad un paio di cicli di carica/scarica in modo da stabilizzare l’autonomia vera e propria della batteria stessa. Il grande vantaggio dell’Amazon Fire 7 2017 è certamente la possibilità di sfruttare la batteria per diverse ore – se ci pensiamo sono circa le stesse che Apple riesce a garantire con gli iPad, peccato costino circa 10 volte tanto -, ma bisogna fare attenzione per quanto riguarda i tempi di ricarica. Qui iniziano i dolori: secondo i miei test ed utilizzando il caricatore integrato nella confezione da 5V-1A, il tablet riesce a raggiungere il 100% di ricarica dopo circa 5-6 ore.

Qui è certamente colpa sia della micro USB presente che del caricabetteria decisamente poco performante integrato. Se da una parte è comprensibile il non voler abbracciare lo standard USB Type-C (magari per tenere giù i costi?), dall’altro faccio fatica a convivere con un caricabatterie così poco performante. Il mio consiglio è quello di utilizzare un caricabatterie magari da 2A per recuperare qualche ora oppure di convivere con questo piccolo tallone d’Achille e fare in modo di ricaricare il tablet solo di sera.

Tutto sommato non è un gran deficit soprattutto se consideriamo la linea di prezzo del tablet e la grande autonomia; certo non avrebbe fatto brutta figura la possibilità di avere una cospicua quantità di batteria dopo qualche ora di ricarica. Se siete in vacanza e volete portare con voi l’Amazon Fire 7 2017, magari sotto l’ombrellone per leggere oppure per navigare sul web fra un bagno e l’altro, prendete in considerazione l’idea di acquistare una batteria esterna da 10000 mAh, giusto per stare tranquilli.

Cover esterna: un acquisto consigliato

Ancora una volta ci ritroviamo a parlare della cover esterna per l’Amazon Fire 7 2017. Come avevo già detto nella recensione dell’Amazon Fire HD 8 2016, ritengo l’acquisto della cover esterna un must buy non di poco conto. Non è tanto per una questione di resistenza generale del prodotto una volta affiancato alla cover – il tablet è di per sé estremamente robusto -, ma più per la possibilità di sfruttare la grande porzione frontale della cover come un piccolo piede per tenere il tablet in posizione verticale e orizzontale.

Si è spesso detto che il tablet è adatto ad essere utilizzato per leggere libri oppure per guardare film e serie TV. Questo è tanto vero tanto più si prende dimestichezza con la cover esterna. Se si hanno le mani occupate e magari si ha voglia di guardare rapidamente un video oppure fare una videochat, con la cover è possibile posizionare il tablet come si vuole e continuare a fare qualsiasi cosa. L’ho provato personalmente per una piccola ricetta di cucina e devo dire che il risultato è più che soddisfacente – peccato per il piatto che non è uscito bello come quello di GialloZafferano, pazienza.

Rispetto alla cover provata l’anno scorso, quella che viene venduta per il nuovo Fire 7 2017 vede la presenza di una simpatica texture simil-jeans su tutta la sua superficie. Offre sicuramente un grip più deciso e risulta essere anche più resistente allo sporco. Una volta aperta, al suo interno è poi presente il classico inserto morbido che protegge il display e il telaio da graffi e urti.

Amazon Fire 7 2017 recensione: le nostre conclusioni

Come abbiamo avuto modo di vedere all'interno della recensione, Amazon Fire 7 2017 è un tablet che consiglio di acquistare praticamente a tutti. Se non si hanno preferenze particolari per quanto riguarda il sistema operativo - magari non si apprezza Android o si è già utenti iOS navigati -, il tablet può essere davvero il miglior acquisto tecnologico di questi ultimi mesi. Fateci caso: è più leggero del modello precedente, la batteria dura di più, la struttura è ancora in grado di resistere a botte e cadute (evviva) e costa davvero pochissimo, ancor di meno se si è cliente Amazon Prime. Al prezzo di un classico gioco tripla A della PS4 (forse qualcosa in meno), avrete l'opportunità di portarvi a casa un tablet da affiancare ad un computer principale. Pensateci bene quando nel caso in cui vi ritroviate nella situazione di dover accompagnare le vacanze estive con un prodotto secondario ma che sia resistente, economico, duttile e di lunga durata.

Pro
Economico
Leggero e compatto
Resistente agli urti
Ecosistema Amazon
Speaker mono ottimo per il parlato
Batteria di lunga durata
Contro
Protezione oleofobica discutibile
Speaker mono scomodo per l’utilizzo con una mano
Tempi di ricarica lunghi
valutazione finale9

Amazon Fire 7 2017
Prezzo consigliato: € 84.99Prezzo: € 84.99