Vai a Tecnologia
Vai a Videogiochi
Vai a Fotografia
Vai a Casa
Alimentatore Nintendo Switch: la nostra guida all'acquisto

Alimentatore Nintendo Switch: la nostra guida all'acquisto

di Stefano Zocchi
Specialist Accessori Nintendo Switch
aggiornato il 6 marzo 2019
2 utenti hanno trovato utile questa guida

Che aspetti? Fino al 27 marzo puoi approfittare dei nuovi “Imperdibili di eBay“: tantissime offerte su svariate categorie, con sconti fino al 50% per innumerevoli prodotti di spicco. Inoltre, usando nel carrello il codice “PIT50EURO” su una spesa minima di 20€, puoi ottenere il 5% di sconto (fino a 50€ massimi) su tutti gli acquisti per il settore di tecnologia, videogiochi, casa e fotografia.

N.B. La guida Alimentatore Nintendo Switch è monitorata mensilmente e aggiornata con eventuali nuove proposte. Per maggiori dettagli su come realizziamo le nostre guide all’acquisto ti rimandiamo alla pagina Come lavoriamo. L’ultimo aggiornamento risale a Marzo 2019.

Nintendo è un’azienda che si è sempre distinta per l’hardware particolare, e Nintendo Switch non è da meno. La console è un ibrido tra fisso e portatile, e può essere connessa a una televisione semplicemente inserendola nel dock. Trasportabile facilmente, è in grado di fornire la potenza necessaria a far girare giochi moderni anche tripla A, ma ovviamente questa possibilità richiede un certo consumo di energia. Tenendo sempre a mente che il dock è un semplice adattatore, la console è alimentata attraverso USB C, e non un ingresso proprietario. Questo vuol dire che può essere alimentata da un qualunque cavo USB C; abbiamo preparato quindi una guida su quale alimentatore Nintendo Switch potrebbe esserti più utile.

Alimentatore Nintendo Switch: quale comprare

Prima di introdurre la nostra selezione, ci teniamo a specificare che Nintendo Switch viene venduta con incluso un dock Nintendo Switch e un alimentatore nella confezione. L’acquisto di un ulteriore alimentatore non è quindi necessario, ma ci sono motivi per cui lo si potrebbe volere. I guasti ovviamente necessitano di un rimpiazzo, ma avere ulteriori opzioni è sempre un bene. Per questo motivo ci siamo orientati su caricatori in grado di soddisfare necessità diverse. Una nota importante: per caricare la console durante il gioco è necessario un cavo USB C a USB C. I cavi USB A a USB C non riescono a fornire abbastanza corrente durante l’uso a pieno regime, limitandosi a rallentare lo scaricamento della console – ma possono essere usati per caricarla in modalità riposo o spenta. A seconda del tipo di uso che ne devi fare, infatti, è meglio considerare modelli diversi.

Alimentatore ufficiale Nintendo Switch

Partiamo dall’alimentatore ufficiale della console in modo da avere un punto di riferimento di base. Comprare il caricatore ufficiale è ovviamente la soluzione migliore per la compatibilità, che si tratti del tablet o del dock (che ricordiamo essere solo un adattatore USB > HDMI, senza nessun tipo di aggiunta). Lati negativi? Il prezzo, che riflette il tipico costo dei prodotti first party. Ma se sei preoccupato di danneggiare la tua console o di non avere abbastanza energia, rischi comprensibili per quanto minimi, è l’opzione che dà più certezza. Specialmente nel caso del dock: raccomandiamo di utilizzare per quello solo caricatori certificati per l’uso con il dock.

Puoi acquistare Alimentatore ufficiale Nintendo Switch su Amazon o se preferisci su eBay

Alimentatore Tutuo a due porte

La certificazione USB PD è un requisito importante se intendi comprare un alimentatore che offra il massimo dell’efficacia. Oltre a essere più rapido, questo protocollo (Power Delivery) permette di adattare il flusso di energia a seconda delle necessità, perfetto per fare da alimentatore Nintendo Switch in situazioni con consumi diversi in giochi diversi. Soluzione pratica, versatile e non troppo costosa, le sue uscite multiple permettono di ricaricare in contemporanea anche cellulari o altri device.

Puoi acquistare Alimentatore Tutuo a due porte su Amazon o se preferisci su eBay

Anker Powerport Speed 5

La questione USB A a USB C è, come abbiamo accennato, legata al dover ricaricare la console durante il gioco. Se invece ricarichi di notte o senza utilizzarla, questo alimentatore a cinque porte di Anker è una soluzione molto comoda. Oltre a permettere di connettervi apparecchi multipli, l’alimentatore include due porte Quick Charge 3.0 pensate per la velocità di ricarica, velocità a cui è dedicata l’intera linea di prodotti. Dedicato a chi ha poche prese a disposizione o vuole semplicemente ricaricare tutti i suoi device da un solo punto della casa.

Puoi acquistare Anker Powerport Speed 5 su Amazon o se preferisci su eBay

Alimentatore verticale Dobe

Esistono già caricatori verticali per Joy-Con, molto più comodi rispetto al doverli sempre rimuovere dal tablet. Quello che Dobe aggiunge è una posizione da cui ricaricare anche il tablet e il Controller Pro. Si tratta di un alimentatore Nintendo Switch pensato per mantenere quanti più componenti possibili al massimo della carica, che funge da vero e proprio hub di ricarica per ogni parte della console, con un aspetto pratico e dei led per confermare l’effettiva ricarica. Semplice, elegante e sorprendentemente utile.

Puoi acquistare Alimentatore verticale Dobe su Amazon o se preferisci su eBay

Power Bank RavPower 26800mAh

Per finire, l’ultima possibilità da considerare è usare direttamente un power bank per l’alimentazione in mobilità. Perfetto per i lunghi viaggi senza prese elettriche disponibili, questa batteria esterna ha una capacità pari a circa sei volte quella della console e una certificazione USB PD. I vantaggi sono ovvi: la portabilità della console è moltiplicata parecchio, e permette lunghe sessioni di gioco che tu sia in pullman o in tenda nella natura. Se vuoi valutare opzioni diverse abbiamo inoltre realizzato una guida alle power bank Nintendo Switch proprio su questi argomenti.

Puoi acquistare Power Bank RavPower 26800mAh su eBay.

Ti segnaliamo che per i prodotti in vendita su Amazon puoi usufruire delle spedizioni rapide e di tanti altri servizi privilegiati attraverso un account Amazon Prime: per attivarlo clicca qui.

2 persone hanno trovato la guida all'acquisto utile. Anche tu?
Se hai ulteriori domande chiedi a Stefano Zocchi tramite i commenti.