Acer Swift 7: cosa significa usare l’Ultrabook più sottile in circolazione

L’Ultrabook è quella categoria di portatile pensata per portare all’estremo la mobilità e, appunto, la portabilità. Caratteristiche fondamentali sono il peso della macchina, il suo spessore, la durata della batteria e un mix di prestazioni comunque adatto per ogni operazione. Fa parte di questa categoria il nuovo Acer Swift 7, piuttosto fresco data la sua presentazione a IFA 2016 di Berlino e pensato proprio per chi cerca un PC adatto per seguirci sempre senza sentirne la sua impronta.

Acer Swift 7 è quindi la soluzione adatta per chi, come me, vuole avere un prodotto prestante ma che non si fa sentire. Non sempre puntare su spessori e peso ridotti significa fare eccessivi compromessi, ed è questo il caso con l’ultima proposta in campo Ultrabook di Acer. Certo, bisogna prendere atto di qualche aspetto, ma sono il frutto di trend recenti che stanno toccando, volente o nolente, tutti i prodotti sul mercato. Scopriamo insieme Swift 7 in questa recensione.

Acer Swift 7: videorecensione

Scheda tecnica

Sistema operativo
Versione Windows 10 Home
Form Factor
Formato laptop semplice
Display
Diagonale 13.3 pollici
Tecnologia LCD IPS
Risoluzione 1920 x 1080 pixel
Densità 165 PPI
Touchscreen No
Processore
Nome Intel Core i5-7Y54
Frequenza di clock 1.2 GHz
Numero core 2 core
Architettura x86 a 64 bit
Socket No
RAM
Quantità 8 GB
Scheda video
Nome Intel HD Graphics 615
Memoria No
VRAM Dinamica
Tipologia Integrata
Memoria di archiviazione
Memoria HDD No
Memoria SSD 265 GB
Connettività
Wi-Fi 802.11ac MU-MIMO
Bluetooth No
NFC No
Porte
USB 3.1 2
USB 3.0 No
USB 2.0 No
Supporto Type-C 1
Ethernet No
Card Reader No
Jack audio No
Firewire No
Thunderbolt No
Output video
Porte No
Webcam
Integrata
Batteria
Capienza Wh
Dimensioni
Millimetri 324 x 229,6 x 9,98
Peso
Grammi 1120

Design: quando le dimensioni contano

Con uno spessore sotto il centimetro e un peso che supera di poco i 1100 grammi, Acer Swift 7 è un vero e proprio campione della portabilità. Ci vuole un attimo per capire i vantaggi di questi aspetti: all’inizio si riesce ad apprezzare sicuramente il peso ridotto tenendolo fra le mani o in spalla nello zaino, ma solo dopo qualche giorno si capisce veramente che impatto ha questo nella quotidianità. Avere una macchina prestante che non richiede però di sacrificarsi per portarla, non è una cosa da poco soprattutto se ci si sposta quotidianamente per lavoro o università.

Acer Swift 7

Acer Swift 7 poi è letteralmente una sottiletta: il suo spessore è da record, e il corpo non rastremato evidenzia ancora di più questo aspetto. Il corpo completamente in metallo poi accentua i bordi e i dettagli, e sembra davvero di usare una macchina futuristica per il suo aspetto. Mi piace molto anche la colorazione oro e nero del mio sample, moderna e attuale senza risultare pacchiana. I bordi, pur sottili, non risultano però taglienti date le varie smussature, ma una pecca sta nella scocca esterna che tende a catturare molte ditate, che sporcano l’aspetto minimal della macchina.

Acer Swift 7Aprendola notiamo uno schermo da 13,3 pollici con cornici importanti, che permettono però di avere una tastiera con pulsanti ben spaziati (ma non retroilluminati!) e un touchpad enorme e comodo, identico a quello già visto su Acer Spin 7. Sul bordo destro si trova però uno degli aspetti più controversi di questo PC: la dotazione di porte è limitata a due USB Type-C (non Thunderbolt 3) e il jack audio. Preparatevi a comprare cavi e adattatori di nuova generazione, perché senza nemmeno una USB classica non riuscirete a collegare molto.

Sulla scocca esterna troviamo anche l’implementazione intelligente delle varie antenne: il metallo viene momentaneamente interrotto da una striscia di plastica gommata che permette di far “respirare” i vari moduli per la connettività assicurando delle connessioni stabili. Nel complesso è una macchina solida e ben realizzata, elegante ma futuristica, con una costruzione che non fa rimpiangere spessori più elevati e capace di farsi distinguere in un mercato saturo di prodotti spesso molto simili fra di loro.

Display: lo schermo che convince

Acer ha scelto un’unità da 13,3 pollici LCD IPS ricoperta in vetro e con risoluzione Full HD (1920 x 1080 pixel). Come già scritto le cornici sono piuttosto grosse e forse nello stesso layout sarebbe potuto essere inserito un 14 pollici, come già visto su Spin 7 che è praticamente la versione convertibile di questo Ultrabook. La risoluzione non è elevatissima ma comunque più che adeguata: altri competitor stanno cercando di effettuare una transizione verso il 4K passando da risoluzioni intermedie ma elevate, mentre Acer qui ha scelto di giocare una carta sicura che è il Full HD, adatta per consumi e scaling dell’interfaccia di Windows.

Acer Swift 7

Lo schermo è comunque più che valido: sono buoni i livelli di luminosità e gli angoli di visuale, il display è ben calibrato a livello di colori e i contrasti sono profondi. Il vetro frontale inganna facendoci credere di trovarsi davanti ad un touchscreen, ma non è così: non ci sono i comandi al tatto, che comunque io ritengo molto spesso pratici e comodi. Una pecca sta però nell’angolo di apertura del display – avrei preferito che l’angolo fosse un po’ più ampio, ma è per quello che Acer ha anche proposto un convertibile come fratello nella sua gamma prodotti.

Prestazioni: il momento di Kaby Lake

All’interno di Acer Swift 7 (ri)troviamo un freschissimo processore di Intel, il Core i5-7Y54, di nuova generazione Intel Kaby Lake e che sostituisce la “vecchia” gamma Core M. Le differenze non sono molte rispetto alle CPU degli scorsi anni, ma qui troviamo una frequenza maggiore e il supporto nativo ala decodifica hardware di vari formati come h265 e VP9. Inoltre, i due core fisici lavorano nel totale silenzio: non ci sono ventole a bordo per la dissipazione che è quindi completamente passiva, e questo comporta vantaggi e svantaggi.

Acer Swift 7

I vantaggi sono ovvi: non ci sono parti in movimento che possano fare rumore o a rischio usura nel tempo, e ne guadagna anche lo spessore della macchina. Le temperature però possono raggiungere valori critici: nell’uso normale non avrete problemi, ma con il PC sotto stress si potrebbero toccare gli 80° su core che si traducono in un calore piuttosto importante nella parte metallica sopra la tastiera. Non è un punto che solitamente va a dare fastidio durante l’uso, ma va tenuto in considerazione questo aspetto, che ovviamente si traduce in del throttling (cioè una limitazione delle prestazioni) per evitare delle temperature esagerate.

Acer Swift 7La dotazione, completa poi di 8 GB di memoria RAM (perché non 16!) e un SSD da 256 GB su slot PCI-express, permette di lavorare senza troppi pensieri. Se fate un uso ufficio non avrete davvero problemi: non lo metterete mai in crisi con browser, posta elettronica e Word. Se vi spingete oltre, non troverete inciampi neanche con Photoshop o Premiere Pro, dove magari noterete dei tempi di rendering un po’ più lunghi. Dove però Acer Swift 7 soffre è nelle prestazioni grafiche in 3D: essendoci un chip grafico integrato (HD Graphics 615), il gaming in praticamente ogni sua forma è escluso e le prestazioni 3D in generali sono scarse. Ma questo è un aspetto praticamente comune a tutti gli Ultrabook: chi vuole giocare si deve rivolgere da sempre ad altro.

Nell’uso quotidiano non ho notato problemi con Windows 10 preinstallato, che si comporta molto bene. I tempi di boot sono immediati e la risposta della macchina è sempre valida, senza crash o malfunzionamenti. C’è qualche app preinstallata ma la riuscirete a togliere in qualche minuto, e l’esperienza è in generale pulita. La scheda tecnica poteva quindi essere più ricca (perché non proporre configurazioni con SSD più capienti e RAM in più), ma questo mix risulta bilanciato soprattutto considerando il prezzo con cui si trova già ora Acer Swift 7.

Batteria: autonomia nella media

Gli Ultrabook sono sempre a rischio per quanto riguarda l’autonomia, dato che gran parte dello spazio nello chassis è occupato dalle batterie – e se si decide di fare una delle macchine più sottili al mondo, da qualche parte bisogna pur metter mano. Acer però non ha effettuato un compromesso troppo grande: il modulo da 41 Wh è sufficiente per assicurare un uso continuativo della macchina per qualche ora, prima di dover ricorrere al caricatore incluso in dotazione.

Con un uso medio e non troppo intenso, con la luminosità impostata a metà e Wi-Fi sempre connesso, si possono tirare fuori dalle 5 alle 7 ore di autonomia, e con la modalità risparmio energetica attiva si ottiene anche qualche minuto in più. L’uso intenso invece provoca un calo dell’autonomia importante, che si traduce in circa 2-4 ore di uso continuativo: un po’ poco se siete lontani dalla presa, va ammesso. Non sono cifre da record ma una durata di circa 6 ore di media è in linea con quella di altri prodotti della stessa categoria: non fate i raffronti con ciò che dicono le aziende (“fino a 34 settimane di autonomia!!”) ma verificate i numeri reali.

Acer Swift 7

La ricarica avviene in circa due ore con il caricatore incluso in dotazione, che si collega ad una delle due porte USB Type-C presenti sul corpo – solo una è abilitata per questa operazione. Sul caricatore va detto che non condivido la scelta di includerne uno così generico nell’aspetto da risultare quasi come quelli universali venduti nelle grandi catene. Preferisco molto di più avere qualcosa di più curato e legato all’idea di prodotto, specialmente considerata l’estetica ricercata di Acer Swift 7.

Multimedia: qui lo Swift convince

Sempre di più gli utenti considerano importante l’aspetto multimediale dei prodotti che acquistano. Ormai ogni schermo è diventato una superficie adatta per la riproduzione di contenuti audiovisivi, dallo smartphone al notebook, passando per tablet e a momenti smartwatch. Come se la cava Acer Swift 7 quindi per guardare un telefilm o qualche video su YouTube? Direi decisamente bene. Lo schermo è di qualità e questo già aiuta molto, e la risoluzione Full HD alla fine rimane quella più versatile, e anche per foto e altro questo pannello così calibrato permette di godersi al meglio il contenuto.

Acer Swift 7

Il comparto sonoro è composto da due speaker nella parte inferiore del PC, che suonano piuttosto bene e con un volume elevato, senza suoni impastati, e ritroviamo almeno il jack delle cuffie fra le porte per quando non vogliamo condividere con il mondo ciò che stiamo ascoltando. L’aspetto multimediale ha sicuramente come pecca il gaming, perché come detto prima le prestazioni 3D non sono sufficienti per il gioco, a meno di non puntare su titoli molto vecchi o davvero leggeri. Aiuta però nel complesso la silenziosità totale, che permette di immergersi al meglio nel contenuto di cui stiamo fruendo.

Acer Swift 7: le nostre conclusioni

Acer Swift 7 rappresenta l’Ultrabook di nuova generazione. Peso inesistente, form factor che diventa invisibile, le giuste prestazioni per ogni tipo di lavoro. Il prezzo a cui lo si trova è anche interessante: di listino è posizionato intorno ai 1300€, ma ha già subìto un calo fisiologico che lo ha portato poco oltre i 1000€, come è possibile vedere a questa pagina. Con la scheda tecnica che ha è perfettamente allineato alla concorrenza nella stessa categoria di prodotto, che presenta caratteristiche simili in form factor piuttosto vicini a questo – senza però battere i suoi record.

Pro

  • Ottima costruzione
  • Versatile e pratico
  • Design futuristico
  • Le prestazioni convincono
Contro

  • Dotazione di porte scarna
  • Autonomia non da record
  • Scheda tecnica da spingere
8

Andrea Ricci


Certo, qualche pecca c’è: la dotazione di porte è davvero minimale e talvolta fastidiosa, la batteria poteva essere un filo più duratura e mi sarei aspettato di poter trovare più configurazioni sul mercato, specialmente modelli più prestanti con quantitativi maggiori di memoria. Per adesso bisogna accontentarci di ciò che è offerto, in attesa magari di scoprire nuovi prodotti pensati per i professionisti e con schede tecniche ancora più spinte, ma intanto questo Swift 7 rappresenta un ottimo compromesso fra portabilità e potenza per chi cerca un prodotto adatto a tutte le esigenze.

Top

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Privacy Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi