Nokia Lumia 720: il piccolo grande smartphone finnico

Nokia è tornata alla ribalta arricchendo la serie Lumia con una nuova proposta interessante: Lumia 720. Abbiamo avuto l’occasione di provarlo, ed eccone il risultato

nokia lumia 720

Quando la serie Lumia sembrava essere al completo su tutte le fasce, Nokia stupisce presentando allo scorso Mobile World Congress di Barcellona alcuni nuovi smartphone Windows Phone 8 che riaprono i giochi nel mercato dei dispositivi mobili. I precedenti Lumia 620, 820 e 920 non sono stati evidentemente giudicati sufficienti per ricoprire tutte le esigenze degli utenti, e infatti vengono accompagnati nel corso di questa primavera con due nuovi device. Uno di questi è il Nokia Lumia 720, protagonista della nostra recensione.

Con un ruolo decisamente interessante il piccolo grande terminale finnico fa parte di un mosaico molto vasto costituito da ben 5 soluzioni che virano da un prezzo di costo di 199€ fino ad arrivare a 599€. Di grado superiore all’entry level, Lumia 720 va a piazzarsi praticamente in mezzo, altalenando fra la fascia bassa e quella media. Vediamone tutti i dettagli.

Scheda tecnica

Processore: Qualcomm Snapdragon S4 dual-core con frequenza di clock da 1GHz
Memoria RAM: 512 MB
Display: LCD IPS da 4.3" con risoluzione a 480x800 pixel e densità di pixel da 217 ppi
Batteria: non rimovibile agli ioni di litio da 2000 mAh
Fotocamere anteriore: sensore da 1.3 MP con acquisizione video a 720p
Fotocamere posteriore: sensore da 6.1 Megapixel 1/3.6'' con ottica Carl Zeiss, autofocus, flash LED e acquisizione video a 720p
Connettività: HSDPA (21.1 Mbps massimi), Wi-Fi 802.11 a/b/g/n dual-band, Bluetooth 3.0 e NFC
Sensori: Accelerometro, bussola e sensore di prossimità
Peso: 128 gr
Spessore: 9 mm
Memoria: interna 8 GB (Quasi 3 GB occupati di default) espandibile via microSD fino a 64 GB
Sistema operativo: Windows Phone 8

Il contenuto del packaging

Prima di andare ad iniziare la nostra analisi, vediamo qual è il contenuto del pacchetto d’acquisto del Nokia Lumia 720. All’interno troviamo:

  • Lo smartphone
  • Adattatore da presa
  • Cavo microUSB
  • Auricolari
  • Manuale d’istruzioni
  • Graffetta per l’estrazione dei vani microSIM e microSD

Tralasciando i dettagli sul terminale, analizzato ampiamente in seguito, è giusto dare qualche breve anticipo su ciò che accompagna il prodotto. Mentre per il cavo microUSB e per l’adattatore da presa la valutazione è decisamente positiva sia per resistenza che per praticità, lo stesso non si può dire come al solito per gli auricolari, i quali risultano sprovvisti di controllo remoto per la musica e per le chiamate. Interessante la presenza della graffetta per l’apertura dei carrelli microSIM e microSD, simile nella funzione a quella presente nelle varie generazioni di iPhone.

Il contenuto del packaging è sinonimo di minimo indispensabile, in pieno stile minimal di Nokia.

Design e materiali: un piccolo Lumia 820 di fascia bassa

nokia lumia 720

Impugnando lo smartphone, provenienti da vari hands-on sui precedenti Lumia, è subito chiaro che il 720 non è affatto un classico terminale dalle dimensioni ridotte, dal peso notevole o dalla fattura mediocre, caratteristiche che spesso si riscontrano negli smartphone che non superano i 500€. A dire la verità, tutt’altro.

Nokia è una azienda che tiene molto al design dei propri device, e il Lumia 720 ne è la dimostrazione concreta di fascia media. Sviluppato prevalentemente nell’ampiezza, il dispositivo dispone di un case unibody in policarbonato che gli assicura solidità ma col classico stile dei materiali poco ricercati, giovanili e versatili. La scocca non è disponibile all’apertura per l’accesso al vano della batteria, e questa è una grossa novità per Nokia. L’inserimento di microSIM e microSD avviene tramite piccoli portelli posti lungo il margine superiore e quello laterale del dispositivo accessibili tramite una graffetta fornita in dotazione. Sebbene la scelta possa risultare meno pratica soprattutto per la sostituzione rapida della batteria, è interessante per la compattezza che attribuisce al dispositivo.

Il feeling al tatto è molto piacevole, e differente rispetto ai Lumia proposti precedentemente sul mercato. Mentre questi ultimi sono sempre stati caratterizzati da una back cover estremamente liscia in grado di conferire un grip estremo tramite l’aderenza con la cute, il Nokia Lumia 720 è più poroso, più piacevole al tocco nell’utilizzo.

Dalla forma prevalentemente rettangolare, un po’ come il fratello minore Lumia 520, ricorda molto (vuoi anche per la facile reperibilità della colorazione rossa) il modello 820, device di fascia più alta. La sostanziale similitudine, oltre al feedback nell’impugnatura, è conferita dal display dalle identiche dimensioni. Ovviamente la qualità non è la stessa, e per questo possiamo dire il Nokia 720 è considerabile come un “piccolo 820 low-cost”. Palesemente differente è però il taglio del vano dedicato alla camera posteriore, molto ridotto in questa edizione di device.

Dettaglio non poco importante è anche quello del vetro. Il display è protetto da un Gorilla Glass 2 prodotto da Corning decisamente resistente all’urto e ai graffi. Il feeling tattile è particolarmente piacevole, in questo caso grazie alla finitura ottenuta dai vari trattamenti che il componente specifico ha subito. Questo garantisce l’interazione tramite guanti, dettaglio marginale ma positivo. Nel complesso sia design che materiali risultano davvero ben studiati.

Display: ClearBlack sì, definizione no

nokia lumia 720

È inutile dire che uno dei componenti fondamentali che decidono la qualità dello smartphone è senza dubbio il display. Nel nostro caso il Nokia Lumia 720 monta un pannello IPS con una densità da 217ppi da ben 4.3 pollici, 0.5 in più rispetto al predecessore Lumia 620. Quest’ultimo mette a disposizione un componente molto simile, se non per un dettaglio: è LCD non IPS, quindi non è in grado di risultare facilmente visibile in condizioni avverse quali la luce diretta sul terminale o angoli di visibilità ampi.

Con una risoluzione WVGA da 480 x 800 pixel, reputati da Nokia sufficienti per una buona resa su uno smartphone di fascia media, Lumia 720 risulta essere molto dinamico per l’utilizzo agli esterni, anche grazie al sensore di rilevamento luminosità che, con funzione apposita attivata, si comporta molto bene (anche se è posizionato un po’ male, troppo sensibile soprattutto nelle sessioni di gioco dove si impugna il telefono in modo saldo).

Il vero punto debole di Lumia 720 è proprio il display.L’acclamata nuova tecnologia ClearBlack è presente anche in questo terminale, e infatti il bilanciamento dei colori riprodotti dal componente sono effettivamente buoni, con neri intensi e colori consistenti. Purtroppo però non basta: il display è il vero punto debole del Nokia Lumia 720. L’interfaccia di start è la prima zona in cui tale debolezza può evincersi con facilità. I pixel si notano, e la ragione è semplice. Il Lumia 620 dispone di un pannello lievemente più piccolo rispetto al nuovo device, e questo fa senza dubbio la differenza. I 217ppi non bastano, e anzi, sono anche resi deboli proprio dal ClearBlack stesso.

C’è da disperarsi? No di certo, anche perché il costo del terminale rappresenta poi effettivamente qual è il suo valore finale, e le pretese in merito non possono essere proprio esagerate. La prima attenzione del produttore non è stata dedicata di certo al modulo d’interazione, ma il tutto è compensato da altri punti forti esaminati e riportati di seguito. Qualche pixel in meno ad occhio nudo avremmo preferito davvero non vederlo, ma vista l’ottima interazione col touchscreen e la buona resa per le foto visualizzate su display, possiamo dire che non è del tutto un disastro.

Batteria: una piacevole sorpresa

nokia lumia 720

È veramente insolito, ma è vero: la batteria dà soddisfazioni. Il punto debole dell’intera serie Lumia è da sempre la non eccellente gestione dell’autonomia da parte del sistema operativo di Microsoft. Anche il top di gamma, Lumia 920, soffre generalmente di una scarsa disponibilità di energia per arrivare a fine giornata. Senza fare troppi giri di parole diciamo subito che non è assolutamente il caso del terminale in questione.

Dopo un periodo di utilizzo adeguato possiamo dire che la batteria da 2000 mAh montata all’interno del terminale sono decisamente sufficienti per l’utilizzo comune dello stesso. Il processore ha una frequenza di clock non esagerata e la RAM potrebbe migliorare ancora tramite qualche update, ma il tutto è ben proporzionato ai consumi richiesti dal Lumia 720, e non è cosa da poco.

Avete presente quei momenti in cui la batteria vi abbandona all’improvviso? Con Lumia 720 non succede.Non si rischia mai di non arrivare al pomeriggio inoltrato, o quasi. L’unica richiesta elevata in termini di risorse, proviene per forza di cose dal chip radio. Il modem montato sul Lumia 720 offre interessanti prestazioni, pari anche a quelle che offrono i top di gamma. I test di velocità registrati nei giorni si sono dimostrati sempre abbastanza simili, con una velocità di download su rete dati cellulare di circa 6 Mbps; davvero niente male. Purtroppo però la cosa, se da un lato migliora l’esperienza d’utilizzo, dall’altro va ad intaccare appunto la batteria. Il “problema” è molto simile a quello riscontrato su iPhone 5. Complessivamente il giudizio è molto più che positivo. È giusto comunque evincere alcuni punti che aiutano proprio a far si che l’autonomia venga preservata:

  • Luminosità automatica: funziona bene, attivarla soprattutto se effettuate spesso spostamenti all’interno/esterno è una cosa sacrosanta.
  • Modalità di risparmio energetico: se il device vi serve ancora per qualche ora ed è molto scarico basta attivare tale modalità. Questa castra alcune funzioni, come ad esempio le notifiche, ma aiuta la batteria a non esaurirsi con tanta facilità.
  • Chiusura delle applicazioni in background: punto chiave da rispettare sempre per non sprecare risorse di sistema e quindi autonomia.

Fotocamera: scatti da piccolo grande Lumia

nokia lumia 720

Scattare foto

Non è sicuramente un segreto che Nokia dedichi buona attenzione sul comparto fotografico dei propri dispositivi, e non lo è neanche in questo caso. Nokia Lumia 720 monta un sensore da 6.7 megapixel con ottica Carl Zeiss e apertura f/1.9 in grado di acquisire ottimi scatti in più situazioni diverse. Queste, come è giusto che sia, risultano essere molto più interessanti in condizioni di luce ottimali allo scatto, caso in cui messa a fuoco, stabilizzazione, e colori sono sicuramente punti di forza.

In realtà però vi è un discorso lievemente più ampio da fare, in cui mettiamo in evidenza alcuni “difetti”, o meglio “trascurabili modi di operare”, da parte del sensore fotografico, ovviamente posteriore. Alle prime foto scattate dal terminale raffiguranti un po’ di natura, il risultato iniziale ci ha lasciati abbastanza stupiti in positivo. I colori presenti nelle foto visualizzate dalla galleria del Lumia 720 si sono mostrati molto vividi e intensi, ma lo stesso non si può dire per gli stessi file trasferiti su computer e visualizzati da un “display standard”.

Ciò che sembravano contrasto incredibile, neri brillanti e saturazione molto calda, in realtà non lo erano affatto. La colpa? La tecnologia ClearBlack, introdotta appositamente per avere una resa ottimale dal terminale specifico, e avere questa “visione amplificata” di ciò che appare in realtà negli scatti.

nokia lumia 720A dirla tutta comunque gli algoritmi di bilanciamento sono spinti anche nella fase di rendering su file, sebbene le differenze ad occhio nudo sono facili da vedere da display ClearBlack a non-ClearBlack. L’alterazione di ciò che sono i colori naturali è una cosa per cui Nokia è già rinomata proprio grazie alla sua serie Lumia. Capiamo concretamente cosa stiamo dicendo.

Effettuando lo scatto di una stessa veduta su iPhone 5 il concetto è abbastanza chiaro: tralasciando la qualità della foto in sé, ovviamente non confrontabile poiché sarebbe poco sensato confrontare dispositivi appartenenti a fasce decisamente diverse, è chiaro notare un dettaglio chiave. La fotocamera di Lumia 720 tende ad acquisire foto con colori intensi, saturati, calibrati in modo un po’ insolito. Come vedete nell’immagine dedicata il verde catturato dal piccolo Nokia è molto più intenso rispetto a quello immortalato dallo smartphone Apple, il ché può essere positivo o negativo secondo punti di vista. Per dare spazio a tali colori l’azzurro del cielo su Nokia “si spegne” diventando cupo, cosa che non avviene su iPhone il quale dà il giusto peso a tutti i colori presenti. Il fenomeno di calibrazione bislacca è presente quasi esclusivamente nelle foto con luce diretta.

In scarse condizioni di luce invece, i giochi cambiano. Da buon appartenente alla serie, Lumia 720 rende bene in condizioni di luce poco propense alle fotografie spettacolari. L’amplificazione della luce acquisita risulta essere davvero interessante ma, strano a dirsi, la stabilizzazione in tale circostanza è davvero un problema. Scattare foto nitide di sera è una cosa davvero molto difficile da realizzare, almeno per comuni persone che si ritrovano fra amici e vogliono immortalare determinati ricordi. Si poteva fare di meglio.

La fotocamera frontale invece è considerabile una buona addetta alle videochiamate. Immortalare foto o video tramite tale sensore non è cosa ovviamente consigliabile, in quanto dispone di soli 1.3 Megapixel pensati proprio esclusivamente (o quasi) alle conversazioni video. Nel complesso il reparto fotografico rende però davvero molto bene, soprattutto per essere un device di fascia medio-bassa.

Girare video

L’acquisizione di video tramite Nokia Lumia 720 segue principalmente la stessa linea di quanto detto per lo scatto delle fotografie. I sensori, anteriore e posteriore, sono in grado di acquisire video ad alta risoluzione, 720p, e a 30 fps. Il prodotto finale risulta abbastanza interessante, con grossa importanza sui colori come nelle fotografie e con le medesime debolezze sul bilanciamento.

La stabilizzazione è buona, si avverte, ma non è estrema come quella presente ad esempio sul fratello maggiore Lumia 920. Per immortalare momenti da rivivere poi direttamente sullo smartphone tramite player o per la condivisione sui social è davvero più che sufficiente.

L’unica mancanza che può essere definita un difetto è sul lato software. Nokia ha dedicato ampio spazio alle foto ma non ai video, e per Windows Phone 8 la cosa è pressoché simile. Mentre la concorrenza inizia ad offrire applicazioni in grado di creare materiale multimediale più particolare o di offrire funzioni interessanti, l’azienda finlandese si limita a proporre applicazioni come Foto Smart, ma nulla dedicato ai video.

Qualcosa può sicuramente essere fatta, col tempo, e proposta nei canonici aggiornamenti di sistema, il quale ancora è da considerare molto povero di sfaccettature. L’acquisizione è quindi buona, ma troppo minimal per rimanere davvero al passo coi tempi.

Audio: la qualità nascosta dagli auricolari

nokia lumia 720

Passiamo ad analizzare la parte di riproduzione multimediale del dispositivo. Le sorprese nella scoperta di Lumia 720 non sono state affatto poche, e per il comparto audio ve ne è un’altra da mettere in evidenza: lo speaker suona davvero forte. Nokia studia sempre in modo interessante i propri sistemi di propagazione audio, e infatti anche nel caso di questo smartphone vediamo una zona di dissipazione sonora forata che fa il suo dovere.

Nel bilanciamento però, come è ovvio che sia, c’è da storcere un po’ il naso. Le frequenze alte (come sempre) sono rese più importanti a discapito dei bassi, quasi completamente assenti nella fascia estrema sinistra. I medi invece si avvertono al loro posto, puliti e ben amplificati in proporzione al volume in uscita. La posizione dello speaker invece è lievemente scomoda, soprattutto quando si tratta di godere dell’audio nelle sessioni di gioco. Quasi la medesima valutazione per l’audio in uscita su linea tramite ingresso jack da 3,5″ posto sul margine superiore della scocca, anche se in questo caso è giusto mettere in evidenza un dettaglio.

Nonostante gli auricolari predisposti in dotazione non siano in grado di offrire ottime performance audio, il dispositivo in cuffia è in grado di fare bene. Eseguendo test con altri auricolari è possibile rendersi conto come, nonostante si parli di un device dal costo non rappresentato da cifre mastodontiche, vi è comunque l’opportunità di godere di una qualità audio da non prendere sotto gamba. Confermata la cosa anche nella trasmissione audio via Bluetooth, la quale risulta davvero buona.

Performance e software: l’esperienza di utilizzo di Lumia 720

nokia lumia 720

Parliamo ora del software contenuto all’interno del dispositivo in analisi. Il Nokia Lumia 720 può essere tranquillamente inquadrato come un terminale dotato di egregia fluidità, garantita dall’ottima coesione tra firmware e hardware predisposta da Windows Phone 8. Nell’utilizzo comune non c’è davvero che dire: il terminale è rapido, versatile, non dispone di lag, e non fa fatica ad eseguire le operazioni quotidiane. È d’obbligo considerare che monta soli 512 MB di RAM, quantitativo che ad oggi è pensato solo per coloro che non amano strafare nell’esecuzione di tool o di giochi pesanti.

Sull’ultimo punto citato esistono alcuni criticismi basati principalmente sulla scarsità di giochi pesanti sullo store di WP8. La gamma (davvero poco vasta) offerta all’utenza al momento è costituita principalmente da giochi arcade o running game davvero molto semplici, e con questi Lumia 720 si comporta davvero benissimo senza complicazioni. Diverso è invece il discorso per i videogiochi “mattoni”, per cui 512 MB di RAM, comunque in condivisione col sistema, sono un po’ pochi.

Microsoft, gli update devono migliorare gli smartphone.C’è una piccola (che poi piccola mica tanto) critica da fare però in merito all’OS, quindi a Microsoft. Esiste un team che testa gli aggiornamenti periodici sui Lumia? La risposta, per quella che è stata la mia esperienza personale coi nuovi smartphone Nokia, è quasi un secco no. Vedere update frequenti su un sistema operativo giovane è abbastanza normale. Il problema è che spesso questi update, per risolvere determinati bug con la finalità di preparare un ambiente solido da estendere col tempo, vanno a crearne altri. Lumia 720 ne è l’esempio lampante, poiché lo smartphone esce di fabbrica con qualche bug, e nel momento della stesura di recensione si ritrova ad avere grossi problemi rendering della UI causati proprio dagli update di sistema. Non v’è dubbio che l’azienda di Redmond risolva il tutto e anche in modo celere, ma prevenire è meglio che curare (o almeno dovrebbe esserlo), quindi mandiamo a chi di dovere un invito doveroso a predisporre più tester per gli aggiornamenti.

Confronto con Lumia 620 e Lumia 820: un ibrido che sta in mezzo

nokia lumia 720

Sebbene la nomenclatura della serie Lumia sia abbastanza chiara, sono davvero molti gli utenti che si chiedono effettivamente, nel concreto, quali sono le differenze tra modelli adiacenti. In questo caso infatti confrontiamo rapidamente il nostro Nokia Lumia 720 con il modello più economico, Lumia 620, e quello più avanzato, Lumia 820. Che cosa cambia principalmente fra i device?

Diciamo che Lumia 720 è un “mix” tra i due. Il display è grande esattamente quanto quello dell’820, ma in qualità può essere paragonato al fratello minore 620 (su cui in realtà rende meglio). Il design è molto più simile all’820, molto più leggero e pratico nell’impugnatura anche rispetto al modello inferiore. La RAM è pari al 620, il processore è identico su tutti e tre i modelli ma la frequenza di clock è altrettanto identica al modello appena citato. Insomma, possiamo dire che Nokia Lumia 720 esteticamente attinge molto dal suo modello superiore, ma in realtà l’hardware interno è molto più simile, per non dire quasi identico (la fotocamera differisce) al Lumia 820. La cosa in cui tutti e tre modelli si differenziano in modo deciso sono invece le foto, scarse sul modello iniziale, interessanti sull’intermedio che abbiamo recensito, e più che buone sul Lumia 820.

Consigliamo Nokia Lumia 720 a chi non ha necessità di hardware esagerato per eseguire operazioni complesse come l’esecuzione di programmi pesanti, ma che vuole avere la possibilità di fare buone foto garantite anche da una autonomia consistente. Per chi non vuole combinare le cose invece, consigliamo di scegliere gli estremi (e rispettivi multipli/sottomultipli).

Conclusioni

nokia lumia 720

Claudio Carelli Nokia Lumia 720
Andando a fare un ricapitolo generale di tutte le valutazioni effettuate sullo smartphone, possiamo dire senza indugio che siamo di fronte ad un prodotto molto interessante. Lumia 720 è un device fresco, che trasmette il proprio carattere giovanile sia nell’OS che nel design. Ha un grosso potenziale che potrebbe essere sfruttato molto meglio dal lato software con l’integrazione di svariate funzioni all’interno delle applicazioni, e con miglioramenti nella stabilità ancora un po’ acerba nel caso di Windows Phone 8.

Non v’è dubbio che un lavoro di aggiornamento costante per far si che tutte le feature del dispositivo vengano effettivamente messe in risalto, e infatti Nokia ha già annunciato un “Amber update” che porterà nuove funzioni e nuove applicazioni all’interno di tutta la serie Lumia. Interessanti sono i suoi punti di forza: era davvero inaspettato incappare in un device con grossa autonomia, soprattutto per la fama negativa che tutti i prodotti della linea finlandese hanno recentemente riscosso. Nessuna sorpresa invece sulle foto, dove Lumia 720 si comporta in modo davvero eccellente, anche se non si tratta di un terminale di fascia elevata.

  • Ottima autonomia
  • Parte fotografica interessante
  • Buone prestazioni di sistema
  • Cover non intercambiabile
  • Batteria non estraibile
  • Display poco soddisfacente
Grossi complimenti a Nokia che ha saputo proporre sul mercato una vera e propria collezione di telefoni per tutte le tipologie di utenti, cosa fino ad ora raggiunta a pieno forse soltanto da Samsung. A partire da Lumia 520, per chi ha necessità molto basilari, ad arrivare a Lumia 920, smartphone top di gamma, l’azienda finlandese offre soluzioni valide, con scopi precisi, e pensate per determinate tipologie di utenza. Nokia Lumia 720 è forse il device di punta per rapporto qualità/prezzo in tutta la linea WP8, ed è pronto a soddisfare le esigenze di chi ha bisogno di fare affidamento su un buon terminale in grado di combattere la longevità nel tempo. Ci sentiamo di consigliarlo a tutti coloro che non hanno molto da spendere, ma vogliono comunque avere in cambio uno smartphone che si rispetti. Il Lumia 720 è senza dubbio uno di questi.

Il prezzo base dello smartphone è di 349€, sicuramente molto moderato per quanto vale il prodotto. Potete acquistarlo comunque da Amazon ad un prezzo vantaggioso, pari a 310€ circa, in cinque colorazioni differenti, quali nera, bianca, rossa, gialla, e ciano.

Galleria

Se hai trovato quello che stavi cercando seguici sui social per novità, approfondimenti e recensioni!

Claudio Carelli

Iscriviti alla newsletter!

2 pensieri su “Nokia Lumia 720: il piccolo grande smartphone finnico

  1. Pingback: Microsoft la rinascita • Microsoft vs Apple & Google • Ridble

  2. Pingback: Windows Phone Store • Riuscirà Microsoft ad aumentare le app? • Ridble

Lascia un Commento